Editoriale

Non solo sport. Una ‘cattedrale’ di vetri e luci a Milano?  Champions e Uefa: molti bluff, un solo trionfo.

Non solo sport. Una ‘cattedrale’ di vetri e luci a Milano? Champions e Uefa: molti bluff, un solo trionfo.

ANTICIPAZIONI. I pochi che hanno sbirciato i progetti del nuovo San Siro assicurano che l'attesa sarà ripagata. I dossier restano comunque segreti. Forse per qualche giorno ancora. Poi chi vorrà verrà interessato all'operazione. Popolazione compresa. Intanto però qualche 'spiffero' filtra. Due i progetti in gara. Quello di Populus richiamerebbe due eccellenze architettoniche della città, il Duomo e la Galleria Vittorio Emanuele II, con gioco di luci e vetrate che consentirebbe colorazioni diverse a seconda della squadra impegnata. Roba mai vista. Avvenieristica. Formalizzata su un parallelepipedo di cristallo che evoca il concetto della ' Cattedrale del calcio', con gallerie intorno al corpo centrale le cui arcate richiamano i due capolavori di piazza del Duomo. L'altro progetto, quello di Monica-Cmr, è raccontato come struttura altrettanto fascinosa, ma più tradizionale ( dall'alto presenta il classico ovale). Il suo segno distintivo sarebbero due enormi anelli che si incrociano a simboleggiare la coesistenza dei due club nella stessa casa. Una parte della facciata potrebbe essere dedicata ai tifosi, con la possibilità di inserire sui 'mattoni' dell'impianto il proprio nome, chissà, anche la propria foto. Entrambi i rendering prevedono un'ampia zona esterna dedicata a strutture commerciali e a uffici che prenderebbero la forma di due grattacieli. I due stadi ( da 60/65 mila posti) sono accomunati da un basso impatto energetico e di rumorosità, saranno più vicini all'attuale fermata della Metropolitana e garantiscono un accesso semplice e fruibile come un moderno parco cittadino. Tra i due progetti Elliot preferirebbe decisamente Populus, mentre Suning si mostra possibilista anche se la 'cattedrale' convince perchè diventerebbe un intervento più 'segnante' nella nuova geografia della città. Speriamo ora che si arrivi velocemente al dunque. Come si conviene ad una ex capitale dell'impero romano d'Occidente. Ovvero di coloro che ( vedi i Flavi) proprio grazie ad uno stadio ( vedi il Colosseo) si sono guadagnati l'immortalità.
11 ore ago 0 Continua...
 
Rimini. San Patrignano e il ricordo del fondatore Vincenzo Muccioli,  a ventiquattro anni dalla scomparsa.

Rimini. San Patrignano e il ricordo del fondatore Vincenzo Muccioli, a ventiquattro anni dalla scomparsa.

Tra gli intervenuti don Maurizio Lollobrigida, per tutti 'Lollo', tornato sulla collina dopo 11 anni. 'Qui ho visto il mondo di Dio – ha detto – Vincenzo Muccioli ha portato Dio alle persone facendo spazio dentro se stesso. Qui mi sono sentito un figlio amato e ho trovato la mia vocazione. Ognuno di voi – ha proseguito rivolgendosi ai ragazzi – è un pezzo della storia di San Patrignano che può portare nel mondo la luce di questo posto'. Durante l’omelia di questa commemorazione, accompagnata dalle musiche e dalle voci del coro Sanpa Singers, sullo sfondo le foto d’archivio per raccontare la lunga storia di San Patrignano e di Vincenzo. 'Questo anniversario rinnova le promesse del nostro percorso - ha sottolineato Don Fiorenzo che ha scelto per la funzione la parabola dei lavoratori della vigna -.Vincenzo non era un santo ma un uomo. Un uomo che ebbe un’intuizione straordinariamente grande e geniale: la pienezza derivante dal fare qualcosa per il prossimo gratuitamente, e lo fece nel vedere gli ultimi e cercare di farli diventare i primi con immenso amore'.
RIMINI. Il 19 settembre del 1995, ventiquattro anni fa, San Patrignano perdeva il suo fondatore, Vincenzo Muccioli. Nel giorno del ricordo, tutti i settori, gli uffici, i laboratori della Comunità...
11 ore ago 0 Continua...
  • Rimini. Caserma ‘Giulio Cesare’: commossa cerimonia di commiato del 2° gruppo del 121° Artiglieria.

    Rimini. Caserma ‘Giulio Cesare’: commossa cerimonia di commiato del 2° gruppo del 121° Artiglieria.

    'Una cerimonia toccante – ha ricordato Gloria Lisi – per salutare un gruppo di grandi professionisti che, dal dopoguerra ad oggi si è profondamente legato alla nostra città. Tanti giovani, da ogni parte di Italia, hanno svolto servizio alla 'Giulio Cesare' e molti di loro hanno fatto carriera e hanno creato la loro nuova famiglia a Rimini. Tanti i riminesi, io sono tra quelli, ci sono passati davanti per tanti anni, chiedendosi cosa succedesse all'interno, buttando un occhio alla statua semi nascosta di Giulio Cesare. La festa è stata anche un momento di apertura alla città che per tanto tempo ha ospitato questo spazio nascosto ma così importante per la nostra sicurezza di tutti i giorni. é stata una grande emozione poterlo finalmente visitare e scoprire che, dentro, ci sono militari e persone di grande preparazione professionale ed umanità. Tanti gli aneddoti; in particolare mi ha colpito quello di un militare che, in un momento di riposo fuori servizio, si spinse immediatamente ad aiutare un senza fissa dimora, la cui coperta stava andando a fuoco, lanciandosi con il suo cappotto a spegnere le fiamme. Sono gesti di eroismo quotidiano e fuori dai riflettori che hanno caratterizzato questo luogo. Ecco perchè nella circostanza, insieme alle autorità, era tutta la nostra comunità, idealmente, ad abbracciare e ringraziare questo pezzo di storia riminese che ci saluta'.
    set 18, 2019 0
  • Rimini. Primo giorno di scuola per 25 mila. Morolli: ‘Strutture migliorate, rette abbattute e nuovi modelli’.

    Rimini. Primo giorno di scuola per 25 mila. Morolli: ‘Strutture migliorate, rette abbattute e nuovi modelli’.

    'Un inizio di anno – ha sottolineato l’assessore Morolli – che parte in edifici in buona parte ristrutturati e migliorati sia a livello funzionale che estetico, grazie ai tanti cantieri realizzati durante l’estate.Interventi e migliorie, in gran parte, proposti su segnalazione dei genitori e del personale educativo. Questo spirito di appartenenza e questo attivismo corale sono la migliore garanzia di una scuola che, prima di tutto, aiuta a formare cittadini attenti, partecipi e solidali. Tante le novità, non solo quelli strutturali, con nuovi modelli educativi – come l’ampliamento della scuola senza zaino, che abbiamo verificato di persona alle Decio Raggi – ed organizzativi, come il nuovo direttore didattico dell’ Istituto di Miramare, che mi ha accompagnato nella visita delle scuole di Rivazzura e Miramare'. Quest’anno sono circa 10 mila i giovani studenti a frequentare le scuole superiori, 6.700 quelli delle primarie, circa 4 mila quelli delle secondarie e 3.500 tra asili e scuole dell’infanzia.
    set 16, 2019 0
  • Rimini. Evasione fiscale. Dalla black list tributaria ai controlli a 360 gradi. Sanzionate alcune attività.

    Rimini. Evasione fiscale. Dalla black list tributaria ai controlli a 360 gradi. Sanzionate alcune attività.

    E' un’azione corale quella messa in campo nei confronti delle attività e pubblici esercizi che rientrano nella cosiddetta ‘black list’, cioè tra quelle note agli uffici perché tra i principali evasori dei tributi locali. Nelle scorse settimane Ispettorato del Lavoro e Asl, col supporto della Polizia locale, hanno condotto controlli mirati in una serie di attività per accertare il rispetto delle normative che regolano i pubblici esercizi, con un’attenzione particolare per i requisiti igienico-sanitari. Diciotto sono stati i controlli condotti finora dall’Asl negli alberghi del comune di Rimini, che hanno portato a sanzionare cinque attività per diverse mancanze, dalla presenza di muffa nelle stanze, materassi macchiati, dispense non pulite. Undici invece i controlli ad opera dell’Ispettorato del Lavoro provinciale ad altrettante attività alberghiere da nord a sud della costa, che hanno ravvisato in tre casi la presenza di dipendenti completamente non in regola, lavoratori senza giorno di riposo o chiamati a sostenere un orario maggiore di quanto previsto dal contratto, altri pagati in contanti (senza cioè mezzi tracciabili).
    set 16, 2019 0
Cesena. Le giornate europee del patrimonio. Tra i protagonisti anche il restaurato mosaico di via Strinati.

Cesena. Le giornate europee del patrimonio. Tra i protagonisti anche il restaurato mosaico di via Strinati.

In Italia vi aderiscono i luoghi della cultura statali e i musei locali, ma anche gallerie, fondazioni e associazioni private con visite guidate, iniziative speciali e aperture di spazi normalmente chiusi al pubblico. L’evento sarà celebrato anche a Cesena con un ricco programma di attività. L’iniziativa prevede una Gallery Talk, ossia una conversazione informale sulla presentazione del restauro ultimato del mosaico di via Strinati e sul suo progetto di allestimento museale, a cui prenderanno parte l’Assessore alla Cultura Carlo Verona e la dirigente del settore Biblioteca Malatestiana, Cultura e Turismo Elisabetta Bovero, per la Soprintendenza l’archeologa Romina Pirraglia e la restauratrice Elena Cristoferi, il docente Unibo di Museografia archeologica Paolo Bolzani e la restauratrice di Phoenix Srl Cristina Leoni.
CESENA. Sabato 21 e domenica 22 settembre si festeggiano in tutta Italia le GEP - Giornate europee del Patrimonio – il più partecipato degli eventi culturali in Europa, promosso fin...
2 giorni ago 0 Continua...
  • Cesena. Ironman 2019: chiusure, divieti di sosta e circolazione. Le indicazioni per domenica 21.

    Cesena. Ironman 2019: chiusure, divieti di sosta e circolazione. Le indicazioni per domenica 21.

    Di fatto la strada interessata da un divieto totale di ingresso e uscita dalle proprie abitazioni e attività che si affacciano sul percorso è solo la via San Cristoforo. Saranno chiuse al traffico anche altre strade interessate dal percorso ciclistico ovvero la SS3bis-E45/E55 e SS726- tangenziale di Cesena, probabilmente con qualche ora di anticipo per l’esigenza degli impegnativi lavori della segnaletica di chiusura e uscita dalle strade. Per l’esigenza di organizzare percorsi alternativi efficienti e sicuri, il percorso di gara impone la chiusura delle strade non solo dei tratti indicati, ma anche presso le strade confluenti ovvero presso le intersezioni prossime allo stesso percorso. Le chiusure principali.
    set 18, 2019 0
  • Cesena. Fattore R: gli  interventi di Carlo Cottarelli, Lorenzo Bini Smaghi e di  Francesco Ubertini.

    Cesena. Fattore R: gli interventi di Carlo Cottarelli, Lorenzo Bini Smaghi e di Francesco Ubertini.

    Dopo i saluti dei sindaci dei Comuni capoluogo della Romagna (Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini) e l’intervento del presidente della regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, Ernst Young Italia presenterà i risultati di uno studio condotto sulle risorse umane come ingrediente essenziale per vincere le sfide a cui sono chiamate le imprese del territorio romagnolo: come attrarre i talenti e trattenerli, quali competenze chiave per il futuro, le priorità per sostenere l’innovazione e la crescita del territorio. Un tema che sarà approfondito da due tavole rotonde insieme a noti imprenditori romagnoli con lo sguardo ai mercati globali: una dedicata all’innovazione, un’altra alle competenze e formazione. Ad arricchire il tutto anche pillole video con le testimonianze di numerosi stakeholder del territorio, con una 'particolare' intervista anche ad Alberto Zaccheroni, noto personaggio sportivo che ha vinto in più Continenti. Ad arricchire di contenuti la giornata tre nomi di primo piano del panorama nazionale. Dopo la presenza negli anni passati di personaggi dello spessore di Jean Paul Fitoussi, Enrico Giovannini e del premio Nobel Eric Maskin, quest’anno sono previsti interventi dell’economista già membro del Fondo Monetario internazionale Carlo Cottarelli, Lorenzo Bini Smaghi ex membro del Comitato esecutivo della Banca centrale europea, Francesco Ubertini rettore dell’Alma Mater di Bologna.
    set 10, 2019 0
  • Cesena. Forum dell’Economia della Romagna, il 20 settembre.Due tavole rotonde con imprenditori e focus.

    Cesena. Forum dell’Economia della Romagna, il 20 settembre.Due tavole rotonde con imprenditori e focus.

    Ad iniziare dall’articolato programma di questa terza edizione, che chiama a raccolta imprese, istituzioni, associazioni di categoria e studiosi di caratura internazionale con uno speciale focus sulla Romagna e i talenti. Questo sarà infatti il tema dell’edizione 2019 e partendo da questo argomento si cercherà di disegnare le prospettive future del territorio romagnolo, in una giornata di approfondimento moderata dai giornalistiGianluca Semprini (Rai) e Simona Branchetti (Mediaset).Ad arricchire di contenuti la giornata tre nomi di primo piano del panorama nazionale. Dopo la presenza negli anni passati di personaggi dello spessore di Jean Paul Fitoussi, Enrico Giovannini e del premio Nobel Eric Maskin, quest’anno sono previsti interventi dell’economista già membro del Fondo monetario internazionale Carlo Cottarelli, Lorenzo Bini Smaghi ex membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea, Francesco Ubertini rettore dell’Alma Mater di Bologna.
    set 07, 2019 0
Forlimpopoli. La Mamanet-Mania, il nuovo sport per le donne. Promosso da ‘Edo’ un incontro pubblico.

Forlimpopoli. La Mamanet-Mania, il nuovo sport per le donne. Promosso da ‘Edo’ un incontro pubblico.

L’incontro si terrà venerdì 20 settembre, a partire dalle 20.15 al ristorante 'Edo' di via Mazzini, e saranno presenti i tecnici AiCS di MamaNet, oltre ai dirigenti del Club Juventinità e qualche atleta forlivese di MamaNet, pronte a portare la propria esperienza ad esempio. Forlì è infatti, sotto questo aspetto, un vero e proprio caso nazionale di promozione sportiva: qui il MamaNet ha attecchito più che altrove, attraverso la rete di comunicazione offerta dalle associazioni genitori delle scuole cittadine e i due tornei AiCS - lo 'School MamaNet' e il 'Trofeo di Natale' – ai quali ogni anno partecipano oltre 500 mamme del territorio. A metà tra pallavolo e palla rilanciata, MamaNet è pensato per mettere in rete le donne, non solo le mamme, e offrire loro spazi sportivi e di condivisione. I corsi sono promossi dall’ente di promozione sportiva AiCS a prezzi agevolati e rivolti a ogni tipo di donna, che sia atleta alle prime armi o sportiva di lungo corso.
Forlimpopoli, 18 settembre 2019 – Il MamaNet non si ferma a Forlì ma è pronto ad espandersi anche in Provincia. Merito della ‘tendenza‘ creata dalle oltre 100 mamme e donne...
2 giorni ago 0 Continua...
  • Forlì. Mostra fotografica: ‘Piazza Saffi e Forlivesi anni ’80′. Un luogo da sempre anima e cuore della città.

    Forlì. Mostra fotografica: ‘Piazza Saffi e Forlivesi anni ’80′. Un luogo da sempre anima e cuore della città.

    Presso la galleria Angolo Mazzini - Spazio d'arte corso Mazzini 21, angolo via Pedriali, Forlì, mostra fotografica 'Piazza Saffi e Forlivesi anni '80' di Maurizio Camporesi. Ammirare le fotografie scattate negli anni '80 suscita ancora oggi molta curiosità e attenzione perché testimoniano una parte della trasformazione della città e di piazza Saffi, che da sempre ne è l'anima. Sono passati quarant'anni. Per la vita di un uno un periodo significativo, per una città millenaria solo un'inezia. In questo caso le immagini fotografano in modo inequivocabile un cambiamento del centro storico dettato da molti fattori: la nascita di altre
    set 18, 2019 0
  • Forlì. Il sindaco Zattini e gli assessori Casara e Cicognani alla ‘ Alighieri’ per il primo giorno di scuola.

    Forlì. Il sindaco Zattini e gli assessori Casara e Cicognani alla ‘ Alighieri’ per il primo giorno di scuola.

    Lunedì 16 settembre 2019 il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini, accompagnato dagli assessori Paola Casara e Vittorio Cicognani, in occasione del primo giorno di scuola, hanno salutato gli alunni della scuola primaria Dante Alighieri alla presenza della dirigente scolastica Anna Starnini. La visita agli studenti è proseguita presso l'associazione CNOS-FAP regione Emilia Romagna sede di Forlì alla presenza del direttore Sergio Barberio, dove il Sindaco ha ribadito il suo augurio di buon inizio anno scolastico. Infine gli assessori Casara e Cicognani si sono recati a far visita agli studenti del liceo scientifico Fulcieri Paulucci di Calboli e dell'istituto tecnico tecnologico statale Guglielmo Marconi, presenti anche le rispettive dirigenti, Susi Olivetti e Iris Tognon. Nei prossimi giorni proseguiranno le visite degli Amministratori alle altre scuole del territorio forlivese.
    set 17, 2019 0
  • Forlì. Sindaco e Vice in visita al museo ‘Baldini’. Il mitico ‘treno di Forlì’ ha fatto gli onori di casa.

    Forlì. Sindaco e Vice in visita al museo ‘Baldini’. Il mitico ‘treno di Forlì’ ha fatto gli onori di casa.

    Il mitico 'treno di Forlì', affiancato dai figli Mino e Riziero Baldini, ha fatto gli onori di casa e ha mostrato agli ospiti la collezione di biciclette, trofei, medaglie e memoriabilia della sua straordinaria carriera sportiva culminata con la conquista della medaglia d'oro alle Olimpiadi di Melbourne nel 1956 e, due anni dopo, con la vittoria del Giro d'Italia e la conquista del Mondiale. Nel Museo anche tante immagini insieme ai grandissimi corridori e ai compagni di squadra a cominciare da Fausto Coppi. Nel corso della visita, Ercole Baldini ha fatto dono a Sindaco e Vice Sindaco, al qual fa capo la delega allo sport, di due medaglie celebrative del Museo e ha mostrato la prestigiosa coppa dell'attuale Giro d'Italia che la Gazzetta dello Sport gli ha ufficialmente consegnato in occasione dell'iscrizione del suo nome nella 'Hall of Fame' del ciclismo. Prima di congedarsi, Ercole Baldini e gli amministratori hanno condiviso l'idea di provare a realizzare nel 2020 una gara ciclistica non competitiva che su un tracciato disegnato fra Villanova, le colline e Forlì, vecchie strade che Ercole utilizzava per allenamento, veda impegnate biciclette e mezzi rigorosamente dell'epoca compresa fra 1950 e il 1964, cioè gli anni della sua carriera.
    set 06, 2019 0
Giovecca di Lugo. Alla scoperta della natura. Al parco ‘Gea – Il giardino del tempo’. In occasione di ‘Vivi il verde’.

Giovecca di Lugo. Alla scoperta della natura. Al parco ‘Gea – Il giardino del tempo’. In occasione di ‘Vivi il verde’.

Sabato 21 settembre, dalle 15, possibile partecipare al laboratorio 'Argini segreti', in programma nei pressi dell’argine del fiume Santerno, adiacente al Parco. Il laboratorio è a cura del organizzazione Cestha (Centro sperimentale per la tutela degli habitat) di Ravenna e racconterà fra gioco e divertimento i segreti della flora e della fauna che abitano argini e golene di un fiume. Il laboratorio è adatto a bambini e adulti. È necessaria la prenotazione. Domenica 22 settembre, dalle 15, sarà possibile passeggiare tra fossili e sculture naturali del parco,Inoltre, nelle due giornate sarà possibile effettuare la visita guidata al percorso geo didattico, visitare il villaggio preistorico, camminare a piedi nudi nel giardino sensoriale e fare una merenda a km0. Nel corso delle iniziative saranno anche illustrati i laboratori e le attività proposte dal parco per l’anno scolastico 2019-2020. L'evento si inserisce nella rassegna regionale 'Vivi il verde 2019: intelligenza della natura e progetto umano', a cura dell'Istituto per i Beni artistici culturali e naturali e della regione Emilia Romagna, ed è supportato da sponsor privati del territorio.
GIOVECCA DI LUGO. Il parco geologico ‘Gea il giardino del tempo‘ di Giovecca di Lugo propone, in occasione di Vivi il verde, due giornate all’insegna della riscoperta della natura e dei...
2 ore ago 0 Continua...
  • Ravenna. Ascoltare Bellezza 2019: l’opera ‘Submission’ di Arnold Mario Dall’O segna l’equinozio d’autunno.

    Ravenna. Ascoltare Bellezza 2019: l’opera ‘Submission’ di Arnold Mario Dall’O segna l’equinozio d’autunno.

    Domenica 22 settembre, alle 18, nella sala del Mosaico della biblioteca Classense la terza mostra del ciclo 2019 di Ascoltare Bellezza con l’intervento artistico di Arnold Mario Dall’O.Insieme al pittore meranese sono annunciati l'assessore alla Cultura Elsa Signorino e il direttore della biblioteca Classense Maurizio Tarantino. La forza comunicativa trasmessa da Dall’O nella sua pittura si sottrae alle categorie disciplinari e viene trasformata in elemento di elaborazione concettuale. Anche con questo nuovo ed inedito lavoro chiamato 'Submission', che riprende un momento di straordinaria intensità come il rito dell'ordinazione sacerdotale, l’artista pone dialogo e riflessione all'interno del processo creativo. Si interroga sugli accadimenti che circondano i luoghi e il nostro essere, come a voler cristallizzare davanti ai nostri occhi gli attimi sulla parete, consegnarli alla nostra memoria sottraendoli al fluire quotidiano che tutto dissolve. La mostra è visibile fino al 22 novembre.
    set 20, 2019 0
  • Ravenna. La Divina Commedia nel mondo. Le traduzioni spagnole e la consegna del lauro dantesco.

    Ravenna. La Divina Commedia nel mondo. Le traduzioni spagnole e la consegna del lauro dantesco.

    Sarà il sindaco Michele de Pascale a conferire l’ambito premio proprio per la centralità assoluta di Walter Della Monica nella storia culturale della città. 'Sue' sono alcune delle iniziative più fortunate della tradizione cittadina a partire da quel lontano Trebbo poetico che diede vita poi al Centro relazioni culturali, al premio Guidarello e alla Divina Commedia nel Mondo, rassegna originata dalla lettura integrale di Sermonti, che una geniale intuizione di Della Monica portò a Ravenna e che costituisce la prima esperienza nella storia di lettura commentata dell’intero poema sacro. La prima parte della serata sarà dedicata ad un approfondimento delle traduzioni spagnole. La ricezione di Dante in Spagna ha registrato una forte impennata nei periodi relativi ai due anniversari del XX secolo, quello del 1921 e quello del 1965.
    set 19, 2019 0
  • Ravenna. Istituto musicale ‘Verdi’ e ‘Accademia di belle arti’: approvati gli indirizzi per la statizzazione.

    Ravenna. Istituto musicale ‘Verdi’ e ‘Accademia di belle arti’: approvati gli indirizzi per la statizzazione.

    La delibera è stata approvata con 27 voti favorevoli (gruppi di maggioranza e CambieRà, La Pigna, Lega nord, gruppo Misto, Ravenna in Comune) mentre il consigliere Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna non ha votato estraendo il badge. Alla delibera erano collegati due emendamenti (documenti allegati) del consigliere Ancisi entrambi respinti con la medesima votazione (19 voti contrari dei gruppi di maggioranza e 9 voti favorevoli da parte di CambieRà, La Pigna, Lega Nord, Lista per Ravenna, gruppo Misto, Ravenna in Comune). La delibera è stata presentata dall’ assessore all’istruzione superiore Ouidad Bakkali con la premessa di un puntuale excursus storico delle due Istituzioni di alta formazione artistica che vantano una tradizione ormai secolare nella città. Ha quindi ripercorso il lungo e complesso iter, che ha registrato negli anni rallentamenti e accelerazioni, finalizzato all’ ottenimento della statizzazione ormai prossima attraverso l’ultimo passaggio teso a definire la candidatura, che dovrà essere presentata entro il 30 settembre tramite la relativa piattaforma informatica. Tre i principali indirizzi contenuti nell’ atto deliberativo: il primo riguarda il progetto di federazione tra le due istituzioni, con l’obiettivo di creare un polo di alta formazione sul territorio. Accademia e Verdi manterranno la loro autonomia, accorpando però la gestione di alcune attività, come gli insegnamenti comuni a entrambi (inglese e informatica ad esempio), i servizi di diritto allo studio, promozione e orientamento. E anche la direzione amministrativa sarà unica.
    set 19, 2019 0
Rimini. San Patrignano e il ricordo del fondatore Vincenzo Muccioli,  a ventiquattro anni dalla scomparsa.

Rimini. San Patrignano e il ricordo del fondatore Vincenzo Muccioli, a ventiquattro anni dalla scomparsa.

Tra gli intervenuti don Maurizio Lollobrigida, per tutti 'Lollo', tornato sulla collina dopo 11 anni. 'Qui ho visto il mondo di Dio – ha detto – Vincenzo Muccioli ha portato Dio alle persone facendo spazio dentro se stesso. Qui mi sono sentito un figlio amato e ho trovato la mia vocazione. Ognuno di voi – ha proseguito rivolgendosi ai ragazzi – è un pezzo della storia di San Patrignano che può portare nel mondo la luce di questo posto'. Durante l’omelia di questa commemorazione, accompagnata dalle musiche e dalle voci del coro Sanpa Singers, sullo sfondo le foto d’archivio per raccontare la lunga storia di San Patrignano e di Vincenzo. 'Questo anniversario rinnova le promesse del nostro percorso - ha sottolineato Don Fiorenzo che ha scelto per la funzione la parabola dei lavoratori della vigna -.Vincenzo non era un santo ma un uomo. Un uomo che ebbe un’intuizione straordinariamente grande e geniale: la pienezza derivante dal fare qualcosa per il prossimo gratuitamente, e lo fece nel vedere gli ultimi e cercare di farli diventare i primi con immenso amore'.
RIMINI. Il 19 settembre del 1995, ventiquattro anni fa, San Patrignano perdeva il suo fondatore, Vincenzo Muccioli. Nel giorno del ricordo, tutti i settori, gli uffici, i laboratori della Comunità...
11 ore ago 0 Continua...
  • Ravenna. Istituto musicale ‘Verdi’ e ‘Accademia di belle arti’: approvati gli indirizzi per la statizzazione.

    Ravenna. Istituto musicale ‘Verdi’ e ‘Accademia di belle arti’: approvati gli indirizzi per la statizzazione.

    La delibera è stata approvata con 27 voti favorevoli (gruppi di maggioranza e CambieRà, La Pigna, Lega nord, gruppo Misto, Ravenna in Comune) mentre il consigliere Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna non ha votato estraendo il badge. Alla delibera erano collegati due emendamenti (documenti allegati) del consigliere Ancisi entrambi respinti con la medesima votazione (19 voti contrari dei gruppi di maggioranza e 9 voti favorevoli da parte di CambieRà, La Pigna, Lega Nord, Lista per Ravenna, gruppo Misto, Ravenna in Comune). La delibera è stata presentata dall’ assessore all’istruzione superiore Ouidad Bakkali con la premessa di un puntuale excursus storico delle due Istituzioni di alta formazione artistica che vantano una tradizione ormai secolare nella città. Ha quindi ripercorso il lungo e complesso iter, che ha registrato negli anni rallentamenti e accelerazioni, finalizzato all’ ottenimento della statizzazione ormai prossima attraverso l’ultimo passaggio teso a definire la candidatura, che dovrà essere presentata entro il 30 settembre tramite la relativa piattaforma informatica. Tre i principali indirizzi contenuti nell’ atto deliberativo: il primo riguarda il progetto di federazione tra le due istituzioni, con l’obiettivo di creare un polo di alta formazione sul territorio. Accademia e Verdi manterranno la loro autonomia, accorpando però la gestione di alcune attività, come gli insegnamenti comuni a entrambi (inglese e informatica ad esempio), i servizi di diritto allo studio, promozione e orientamento. E anche la direzione amministrativa sarà unica.
    set 19, 2019 0
  • Rimini. Caserma ‘Giulio Cesare’: commossa cerimonia di commiato del 2° gruppo del 121° Artiglieria.

    Rimini. Caserma ‘Giulio Cesare’: commossa cerimonia di commiato del 2° gruppo del 121° Artiglieria.

    'Una cerimonia toccante – ha ricordato Gloria Lisi – per salutare un gruppo di grandi professionisti che, dal dopoguerra ad oggi si è profondamente legato alla nostra città. Tanti giovani, da ogni parte di Italia, hanno svolto servizio alla 'Giulio Cesare' e molti di loro hanno fatto carriera e hanno creato la loro nuova famiglia a Rimini. Tanti i riminesi, io sono tra quelli, ci sono passati davanti per tanti anni, chiedendosi cosa succedesse all'interno, buttando un occhio alla statua semi nascosta di Giulio Cesare. La festa è stata anche un momento di apertura alla città che per tanto tempo ha ospitato questo spazio nascosto ma così importante per la nostra sicurezza di tutti i giorni. é stata una grande emozione poterlo finalmente visitare e scoprire che, dentro, ci sono militari e persone di grande preparazione professionale ed umanità. Tanti gli aneddoti; in particolare mi ha colpito quello di un militare che, in un momento di riposo fuori servizio, si spinse immediatamente ad aiutare un senza fissa dimora, la cui coperta stava andando a fuoco, lanciandosi con il suo cappotto a spegnere le fiamme. Sono gesti di eroismo quotidiano e fuori dai riflettori che hanno caratterizzato questo luogo. Ecco perchè nella circostanza, insieme alle autorità, era tutta la nostra comunità, idealmente, ad abbracciare e ringraziare questo pezzo di storia riminese che ci saluta'.
    set 18, 2019 0
  • Rimini. Cala la popolazione, ma riprende la natalità. I trend  dal bollettino demografico semestrale.

    Rimini. Cala la popolazione, ma riprende la natalità. I trend dal bollettino demografico semestrale.

    La popolazione residente a Rimini al 30 giugno 2019 ammonta a 150.638 abitanti, con un aumento di 48 unità dall’inizio dell’anno. Rispetto alla rilevazione del 30 giugno 2018 si registra però una contrazione, con 567 persone residenti in meno. Soffermandosi sulla dinamica demografica riferita territorialmente alle sei ex Circoscrizioni emerge che il territorio con maggior espansione demografica rimane la circoscrizione n.5 che va da Rivabella a Torre Pedrera e comprende anche l’entroterra sino a Santa Giustina e San Vito. L’aumento più sensibile rispetto al 31 dicembre scorso si registra però nel quartiere (Padulli, Vergiano, Corpolò). Nel primo semestre del 2019 si registra un rialzo della natalità: si contano infatti 521 nascite contro le 467 dei primi sei mesi del 2018, con un aumento quindi di 54 unità: un andamento quindi positivo e che cambia la tendenza registrata negli ultimi anni. L’80% dei nuovi nati è di cittadinanza italiana (419); i neonati stranieri venuti al mondo a Rimini sono stati 102, in leggera flessione rispetto al 2018 (9 in meno). I fiocchi azzurri sorpassano, di poco, i fiocchi rosa: il 51% è dei nuovi nati infatti sono maschi.
    set 11, 2019 0
Non solo sport. Una ‘cattedrale’ di vetri e luci a Milano?  Champions e Uefa: molti bluff, un solo trionfo.

Non solo sport. Una ‘cattedrale’ di vetri e luci a Milano? Champions e Uefa: molti bluff, un solo trionfo.

ANTICIPAZIONI. I pochi che hanno sbirciato i progetti del nuovo San Siro assicurano che l'attesa sarà ripagata. I dossier restano comunque segreti. Forse per qualche giorno ancora. Poi chi vorrà verrà interessato all'operazione. Popolazione compresa. Intanto però qualche 'spiffero' filtra. Due i progetti in gara. Quello di Populus richiamerebbe due eccellenze architettoniche della città, il Duomo e la Galleria Vittorio Emanuele II, con gioco di luci e vetrate che consentirebbe colorazioni diverse a seconda della squadra impegnata. Roba mai vista. Avvenieristica. Formalizzata su un parallelepipedo di cristallo che evoca il concetto della ' Cattedrale del calcio', con gallerie intorno al corpo centrale le cui arcate richiamano i due capolavori di piazza del Duomo. L'altro progetto, quello di Monica-Cmr, è raccontato come struttura altrettanto fascinosa, ma più tradizionale ( dall'alto presenta il classico ovale). Il suo segno distintivo sarebbero due enormi anelli che si incrociano a simboleggiare la coesistenza dei due club nella stessa casa. Una parte della facciata potrebbe essere dedicata ai tifosi, con la possibilità di inserire sui 'mattoni' dell'impianto il proprio nome, chissà, anche la propria foto. Entrambi i rendering prevedono un'ampia zona esterna dedicata a strutture commerciali e a uffici che prenderebbero la forma di due grattacieli. I due stadi ( da 60/65 mila posti) sono accomunati da un basso impatto energetico e di rumorosità, saranno più vicini all'attuale fermata della Metropolitana e garantiscono un accesso semplice e fruibile come un moderno parco cittadino. Tra i due progetti Elliot preferirebbe decisamente Populus, mentre Suning si mostra possibilista anche se la 'cattedrale' convince perchè diventerebbe un intervento più 'segnante' nella nuova geografia della città. Speriamo ora che si arrivi velocemente al dunque. Come si conviene ad una ex capitale dell'impero romano d'Occidente. Ovvero di coloro che ( vedi i Flavi) proprio grazie ad uno stadio ( vedi il Colosseo) si sono guadagnati l'immortalità.
CRONACA DAL DIVANO. Che è se non un doloroso bluff quello perpetrato ai  danni dei 60 mila del Meazza  dalla banda Conte Dracula ? Non è certo questo il giusto viatico. Anche perchè i punti persi contro...
11 ore ago 0 Continua...
  • Non solo sport. L’infinito cuore di Monza. Ma anche dolorosi bluff: nel rugby, nel basket e nel volley.

    Non solo sport. L’infinito cuore di Monza. Ma anche dolorosi bluff: nel rugby, nel basket e nel volley.

    Non si fa intortare il Mancio da Jesi, che dopo avere portato a casa ( con fatica) una vittoria dall'orgogliosa Georgia ( 1-3) non si fida della trasferta nella gelida Finlandia. Infatti sta pensando di ' mettere in riga' alcuni giovinastri che , a anche loro in anticipo osannati, credono che per cingersi d'allori basti fare qualche saltarello una volta ogni tanto. Bene fa richiamare il Chiesa, ma anche il Bernardeschi e altri. Per mettersi al pari de l0ro padri di pagnottelle ne devono manducare assai. A proposito di padri, come non si fa a ricordare quel padre gigante buono di Gaetano Scirea. O giovin del nostro tempo, chinate il capo, e zitti meditate! Solo due vittorie per quelli del basket. Troppe, visto che sembravano destinati a fare il ' sacco delle botte' al Mondiale cinese. Dove, in un batter di ciglio, si sono ritrovati in seguito come tutto faceva pensare: Hanno però perso con una Serbia troppo forte per loro e non solo. Hanno riperso con la Spagna, che tenendo qualche minuto in più poteva essere anche mandata fuori. Perdono. E' una generazione tanto osannata ( vedi gli americani) e che s'è invecchiata lasciano poco o nulla a mamma azzurra che li ha fatti nascere e ( lungamente) allevati. Sen vanno però al Preolimpico. Che è un brodino, niente affatto foriero di buoni auspici. Con quelle facce si capisce lontano un miglio, che non c'è squadra e voglia di farsi amare. Nulla da aggiungere anche per l'eterno bluff di quelli del rugby, mentre hanno fatto trenta e non trentuno le ragazze della pallavolo agli Europei. Una partita dove si dovrebbe imparare una volta di più che per osannare c'è sempre tempo.
    set 07, 2019 0
  • Monza. Cea, squadra corse: il gusto della sicurezza. 6-7-8 settembre 2019 – Autodromo nazionale Eni Circuit.

    Monza. Cea, squadra corse: il gusto della sicurezza. 6-7-8 settembre 2019 – Autodromo nazionale Eni Circuit.

    Perché CEA Squadra Corse ad un evento di alta gastronomia? A domanda risponde Rossella Amadesi, vice presidente di CEA Estintori Spa: 'Siamo stati invitati perché l’area tecnica CEA e la sua cucina tradizionale sono ben note e apprezzate nel mondo del motorsport da piloti e firme celebri. Ci vediamo da CEA' era il saluto che conteneva la promessa di un nuovo incontro, sull’onda del buon gusto. È così che descrive Ezio Zermiani, voce storica della F1, l’ospitalità della nostra famiglia nella monografia pubblicata nel 2017 in occasione del cinquantesimo anniversario del marchio CEA Estintori: '… con i lunghi tavoli da locanda, era diventato un punto di riferimento per l’accoglienza, tanto che è rimasta famosa la frase: ci vediamo da CEA, dove tutti sapevano che sarebbero stati accolti in un’atmosfera famigliare, tra una buona tagliatella con un sugo romagnolo e un bel bicchiere di lambrusco, una convivialità che ti faceva dimenticare le tensioni della giornata'.
    set 05, 2019 0
  • Non solo sport. Vola il Carletto della ‘rossa’. Monza aspetta. Signora, che fai con il Ciuccio e la Beneamata?

    Non solo sport. Vola il Carletto della ‘rossa’. Monza aspetta. Signora, che fai con il Ciuccio e la Beneamata?

    Avevamo giurato che non avremmo speso più un rigo per un Mondiale deciso a prescindere da qualche bacucco in alto sito. Ma è bastato un sorriso della ' rossa' per farci recedere dal broncio della protesta. La 'rossa' si sa che da quando è al mondo non fa la caccia a titoli e vittorie ma soprattutto a imprese e storie di uomini. Grandi uomini ( non solo) di sport. Capaci di scrivere di storia e non di cronaca. Il Giles, ad esempio ( per quel che che sappiamo) di titoli non ne ha vinti mai, eppure nella graduatoria degli uomini che recano stampigliato quel cavallino rampante nero su campo giallo, lui, sta nel girone più alto. Una graduatoria speciale che ( per quel che ci riguarda) vale assai più di quella a cui si rivolgono statistici e autori d'almanacchi. Ebbene, il Carletto nato nel feudo dei liguri Grimaldi, scoperto, cresciuto ed allevato dalla 'rossa' come Giove dalla madre Gea nelle caverne del monte Ida, ad appena ventuno anni, con il dolore nel cuore per la scomparsa dell'amico Tonio, ha saputo imporsi ad un penta campione del mondo. E portare, dopo un decennio, di nuovo la 'rossa' sulla cattedra di Spa nel Gp del Belgio. Per l'occasione il magnifico Toto s'è tolto la candida camiciola fresca di bucato adatta più in una corsia d'ospedale, per indossare un giacchetto nero. Già meglio , ma un poco lugubre. Più da giornate di lutto che di gioia, come ben gli starebbe una camicetta d'altro colore una volta che decidesse di scendere sotto l'Alpe e di accasarsi ( una volta per tutte) nella calda, generosa ed accogliente terra emiliana. Aspettiamo Monza. Il mitico regno del dio della velocità. Che ha rinnovato per un altro lustro. Strabocchevole di passione. Con quel suo gigantesco cuore che a fine gara andrà a dispiegarsi sotto il podio per porgere lauro ( e gloria) al vincitore. Che resterà nella memoria ( e negli affetti) più e meglio di tante altre vittorie e di tanti altri titoli e titolati in altre situazioni premiati.
    set 04, 2019 0
 

Arte & Cultura

Albenga. Alle origini della civiltà:  Santa Maria in Fontibus. Con un pozzo dall’ acque terapeutiche.

Albenga. Alle origini della civiltà: Santa Maria in Fontibus. Con un pozzo dall’ acque terapeutiche.

Nei sotterranei della chiesa, sotto il presbiterio, si trova un antico pozzo, le cui acque sono ritenute, secondo la leggenda popolare, terapeutiche. Grazie all'autorizzazione del rettore monsignor Giorgio Brancaleoni e all'interessamento del rev. don Mauro Marchiano, direttore del Museo della Diocesi di Albenga ed Imperia, abbiamo potuto visitare il pozzo. Fino ad oggi non si sa l'origine precisa e il percorso di questa vena d'acqua, ma secondo una suggestiva ipotesi formulata da alcuni storici e studiosi locali, potrebbe arrivare dal Monte Fronté situato vicino Triora, dove nel 1955 gli albenganesi posero una statua della Madonna, che sembra guardi verso est, in direzione del sorgere del sole e di Albenga. Meno fantasiosa apparirebbe una relazione tramite la falda acquifera sotterranea con le acque del fiume Centa, che, attualmente, scorre a pochi centinaia di metri a sud-ovest della chiesa, lungo le antiche mura urbane. La fonte è citata nella 'Storia di Albenga' di Rossi, come prezioso sussidio agli ammalati, in quanto, si dice, 'curasse dalla lebbra'. Lo storico, inoltre, ricorda che in passato la fonte sarebbe scomparsa a causa di una profanazione, ma venne nuovamente ritrovata nel 1617.
1 giorno ago 0 Continua...

Eventi

Ravenna. Gifra rinnova il sogno della filatelia, numismatica e cartofilia. Con ingresso gratuito  all’Almagià.

Ravenna. Gifra rinnova il sogno della filatelia, numismatica e cartofilia. Con ingresso gratuito all’Almagià.

La manifestazione si svolgerà sabato 21 settembre dalle ore 9 alle ore 18,30 con orario continuato e domenica 22 settembre dalle 9 alle 14.30, con ingresso gratuito presso l’Almagià di Ravenna (via Almagià 2). Come consuetudine, fin dall’inizio nel 1997, per l’occasione verrà emesso diverso materiale collezionistico, oltre ad un annullo postale. Anche quest’anno si potrà trovare il tradizionale foglietto erinnofilo dedicato ai ragazzi (tiratura 1.000 esemplari): sono stati coinvolti gli allievi delle classi terze A-B-C della scuola media 'Don Minzioni', che grazie alla disponibilità della professoressa Melania Belli, hanno prodotto oltre settanta disegni sul tema 'scuola e ferrovia'. I quattro disegni scelti per la riproduzione del foglietto erinnofilo verranno esposti fino al 24 settembre in una vetrina de La cassa di Ravenna, in piazza del Popolo (sotto i portici del Palazzo comunale), mentre gli altri disegni saranno esposti all’Almagià, nell’ambito del convegno GIFRA. La scelta dei quattro disegni per la composizione del foglietto erinnofilo, è determinata da criteri di adattabilità ad una piccola immagine e spesso prescinde dalla qualità degli elaborati. Ai giovani artisti che hanno realizzato i disegni, è stato consegnato un invito a presentarsi al convegno, dove riceveranno un omaggio filatelico. Due le cartoline di Gifra 2019: una è realizzata dal pittore Walter Guidi, con una tiratura di 1.000 esemplari.
10 ore ago 0 Continua...
 
San Mauro Pascoli. Puliamo il Mondo 2019. Mattinata di tutela ambientale per i bambini delle scuole.

Giovani

San Mauro Pascoli. Puliamo il Mondo 2019. Mattinata di tutela ambientale per i bambini delle scuole.

Tutela e del rispetto dell'ambiente per i bambini della scuola primaria 'Montessori' e 'Zavalloni' di San Mauro Pascoli. In collaborazione con l'Amministrazione comunale, assessorato all'Ambiente, infatti circa 100 studenti delle classi IV e della V hanno preso parte all'edizione 2019 di 'Puliamo il Mondo', manifestazione organizzata da Legambiente, con obiettivo quello di ripulire l'ambiente, in particolare aree verdi, fiumi, laghi, campagne, da tutti quei rifiuto spesso abbandonati e lasciati a terra. Armati di guanti e sacchetti per la raccolta dei rifiuti, tutti gli studenti, accompagnati dalle insegnanti, si sono messi all'opera e hanno ripulito due parchi: parco Giovagnoli e parco di via Villagrappa. Hanno partecipato all'iniziativa anche l'assessore all'Ambiente Fausto Merciari e il dirigente scolastico Jaime Enrique Amaducci.
Ausl Romagna. ‘Un Piano per un ospedale Forte’: all’Hospice riminese i concerti da ‘Donatori di musica’.

Sanità & Benessere

Ausl Romagna. ‘Un Piano per un ospedale Forte’: all’Hospice riminese i concerti da ‘Donatori di musica’.

Il duo Cesaretti Tura ha portato in scena ‘La Pastorale’, celebre sinfonia numero 6 di Beethoven nella trascrizione di Ulrich per pianoforte a quattro mani, inaugurando il nuovo pianoforte a coda, del valore di 13 mila euro, donato da RiminiAIL all’ospedale di Rimini. Il tutto all’interno dei percorsi di umanizzazione delle cure che l’Ausl sta portando avanti all’interno delle apposite linee guida. 'Un PIANO per un ospedale FORTE' tornerà lunedì 28 ottobre con il concerto di Arpa di Alessandra Ziveri dedicato a Charpentier Rinie e Debussy. Chiuderà la seconda rassegna giovedì 19 dicembre il concerto di violoncello e pianoforte di Silvia Chiesa e Maurizio Baglini che porteranno in scena musiche di Liszt, Chopin e Rachmanioff. Tutti i concerti si terranno alle ore 16 all'interno della sezione Hospice - Padiglione Ovidio dell'ospedale Infermi di Rimini.
Rimini. Evasione fiscale. Dalla black list tributaria ai controlli a 360 gradi. Sanzionate alcune attività.

Economia

Rimini. Evasione fiscale. Dalla black list tributaria ai controlli a 360 gradi. Sanzionate alcune attività.

E' un’azione corale quella messa in campo nei confronti delle attività e pubblici esercizi che rientrano nella cosiddetta ‘black list’, cioè tra quelle note agli uffici perché tra i principali evasori dei tributi locali. Nelle scorse settimane Ispettorato del Lavoro e Asl, col supporto della Polizia locale, hanno condotto controlli mirati in una serie di attività per accertare il rispetto delle normative che regolano i pubblici esercizi, con un’attenzione particolare per i requisiti igienico-sanitari. Diciotto sono stati i controlli condotti finora dall’Asl negli alberghi del comune di Rimini, che hanno portato a sanzionare cinque attività per diverse mancanze, dalla presenza di muffa nelle stanze, materassi macchiati, dispense non pulite. Undici invece i controlli ad opera dell’Ispettorato del Lavoro provinciale ad altrettante attività alberghiere da nord a sud della costa, che hanno ravvisato in tre casi la presenza di dipendenti completamente non in regola, lavoratori senza giorno di riposo o chiamati a sostenere un orario maggiore di quanto previsto dal contratto, altri pagati in contanti (senza cioè mezzi tracciabili).
Ausl Romagna. Nuovi orari all’Ispettorato micologico di Ravenna. Esaminare tutti i funghi raccolti.

Gusto & Cucina

Ausl Romagna. Nuovi orari all’Ispettorato micologico di Ravenna. Esaminare tutti i funghi raccolti.

Dal mese di settembre fino al 30 novembre prossimo l’attività di controllo dei funghi presso il CMP di Ravenna (via Fiume Montone Abbandonato, 134) si svolgerà nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 10.30.Nello stesso periodo saranno aperti al pubblico anche lo sportello micologico della sede di Bagnacavallo (via Vittorio Veneto, 8) tutti i lunedì dalle 11.30 alle 12.30 e lo sportello micologico della sede di Faenza (via Zaccagnini, 22) ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30. Si sottolinea che è molto importante far esaminare tutti i funghi raccolti, ricordando che per una buona riconoscibilità i funghi devono essere integri, cioè devono essere presenti sia il gambo che il cappello. Inoltre i funghi devono essere riposti in contenitori adeguati, rigidi ed areati (come cestini di vimini o cassette per la frutta), evitando l’uso di sacchetti o contenitori di plastica che possono alterarne le caratteristiche.
Ravenna. Ascoltare Bellezza 2019: l’opera ‘Submission’ di Arnold Mario Dall’O segna l’equinozio d’autunno.

Moda & Bellezza

Ravenna. Ascoltare Bellezza 2019: l’opera ‘Submission’ di Arnold Mario Dall’O segna l’equinozio d’autunno.

Domenica 22 settembre, alle 18, nella sala del Mosaico della biblioteca Classense la terza mostra del ciclo 2019 di Ascoltare Bellezza con l’intervento artistico di Arnold Mario Dall’O.Insieme al pittore meranese sono annunciati l'assessore alla Cultura Elsa Signorino e il direttore della biblioteca Classense Maurizio Tarantino. La forza comunicativa trasmessa da Dall’O nella sua pittura si sottrae alle categorie disciplinari e viene trasformata in elemento di elaborazione concettuale. Anche con questo nuovo ed inedito lavoro chiamato 'Submission', che riprende un momento di straordinaria intensità come il rito dell'ordinazione sacerdotale, l’artista pone dialogo e riflessione all'interno del processo creativo. Si interroga sugli accadimenti che circondano i luoghi e il nostro essere, come a voler cristallizzare davanti ai nostri occhi gli attimi sulla parete, consegnarli alla nostra memoria sottraendoli al fluire quotidiano che tutto dissolve. La mostra è visibile fino al 22 novembre.
Ravenna. Gifra rinnova il sogno della filatelia, numismatica e cartofilia. Con ingresso gratuito  all’Almagià.

Turismo & Vacanze

Ravenna. Gifra rinnova il sogno della filatelia, numismatica e cartofilia. Con ingresso gratuito all’Almagià.

La manifestazione si svolgerà sabato 21 settembre dalle ore 9 alle ore 18,30 con orario continuato e domenica 22 settembre dalle 9 alle 14.30, con ingresso gratuito presso l’Almagià di Ravenna (via Almagià 2). Come consuetudine, fin dall’inizio nel 1997, per l’occasione verrà emesso diverso materiale collezionistico, oltre ad un annullo postale. Anche quest’anno si potrà trovare il tradizionale foglietto erinnofilo dedicato ai ragazzi (tiratura 1.000 esemplari): sono stati coinvolti gli allievi delle classi terze A-B-C della scuola media 'Don Minzioni', che grazie alla disponibilità della professoressa Melania Belli, hanno prodotto oltre settanta disegni sul tema 'scuola e ferrovia'. I quattro disegni scelti per la riproduzione del foglietto erinnofilo verranno esposti fino al 24 settembre in una vetrina de La cassa di Ravenna, in piazza del Popolo (sotto i portici del Palazzo comunale), mentre gli altri disegni saranno esposti all’Almagià, nell’ambito del convegno GIFRA. La scelta dei quattro disegni per la composizione del foglietto erinnofilo, è determinata da criteri di adattabilità ad una piccola immagine e spesso prescinde dalla qualità degli elaborati. Ai giovani artisti che hanno realizzato i disegni, è stato consegnato un invito a presentarsi al convegno, dove riceveranno un omaggio filatelico. Due le cartoline di Gifra 2019: una è realizzata dal pittore Walter Guidi, con una tiratura di 1.000 esemplari.
Non solo sport. Una ‘cattedrale’ di vetri e luci a Milano?  Champions e Uefa: molti bluff, un solo trionfo.

Sport

Non solo sport. Una ‘cattedrale’ di vetri e luci a Milano? Champions e Uefa: molti bluff, un solo trionfo.

ANTICIPAZIONI. I pochi che hanno sbirciato i progetti del nuovo San Siro assicurano che l'attesa sarà ripagata. I dossier restano comunque segreti. Forse per qualche giorno ancora. Poi chi vorrà verrà interessato all'operazione. Popolazione compresa. Intanto però qualche 'spiffero' filtra. Due i progetti in gara. Quello di Populus richiamerebbe due eccellenze architettoniche della città, il Duomo e la Galleria Vittorio Emanuele II, con gioco di luci e vetrate che consentirebbe colorazioni diverse a seconda della squadra impegnata. Roba mai vista. Avvenieristica. Formalizzata su un parallelepipedo di cristallo che evoca il concetto della ' Cattedrale del calcio', con gallerie intorno al corpo centrale le cui arcate richiamano i due capolavori di piazza del Duomo. L'altro progetto, quello di Monica-Cmr, è raccontato come struttura altrettanto fascinosa, ma più tradizionale ( dall'alto presenta il classico ovale). Il suo segno distintivo sarebbero due enormi anelli che si incrociano a simboleggiare la coesistenza dei due club nella stessa casa. Una parte della facciata potrebbe essere dedicata ai tifosi, con la possibilità di inserire sui 'mattoni' dell'impianto il proprio nome, chissà, anche la propria foto. Entrambi i rendering prevedono un'ampia zona esterna dedicata a strutture commerciali e a uffici che prenderebbero la forma di due grattacieli. I due stadi ( da 60/65 mila posti) sono accomunati da un basso impatto energetico e di rumorosità, saranno più vicini all'attuale fermata della Metropolitana e garantiscono un accesso semplice e fruibile come un moderno parco cittadino. Tra i due progetti Elliot preferirebbe decisamente Populus, mentre Suning si mostra possibilista anche se la 'cattedrale' convince perchè diventerebbe un intervento più 'segnante' nella nuova geografia della città. Speriamo ora che si arrivi velocemente al dunque. Come si conviene ad una ex capitale dell'impero romano d'Occidente. Ovvero di coloro che ( vedi i Flavi) proprio grazie ad uno stadio ( vedi il Colosseo) si sono guadagnati l'immortalità.
San Mauro Pascoli. Puliamo il Mondo 2019. Mattinata di tutela ambientale per i bambini delle scuole.

Ambiente & Animali

San Mauro Pascoli. Puliamo il Mondo 2019. Mattinata di tutela ambientale per i bambini delle scuole.

Tutela e del rispetto dell'ambiente per i bambini della scuola primaria 'Montessori' e 'Zavalloni' di San Mauro Pascoli. In collaborazione con l'Amministrazione comunale, assessorato all'Ambiente, infatti circa 100 studenti delle classi IV e della V hanno preso parte all'edizione 2019 di 'Puliamo il Mondo', manifestazione organizzata da Legambiente, con obiettivo quello di ripulire l'ambiente, in particolare aree verdi, fiumi, laghi, campagne, da tutti quei rifiuto spesso abbandonati e lasciati a terra. Armati di guanti e sacchetti per la raccolta dei rifiuti, tutti gli studenti, accompagnati dalle insegnanti, si sono messi all'opera e hanno ripulito due parchi: parco Giovagnoli e parco di via Villagrappa. Hanno partecipato all'iniziativa anche l'assessore all'Ambiente Fausto Merciari e il dirigente scolastico Jaime Enrique Amaducci.
Rimini. Ben 107 insegnanti alla giornata d’avvio dell’edizione 2019 di Scuola sostenibile. Il dibattito.

Diritto

Rimini. Ben 107 insegnanti alla giornata d’avvio dell’edizione 2019 di Scuola sostenibile. Il dibattito.

‘Dai luoghi nascono pensieri e progetti’ è infatti il titolo del seminario 2019 che contestualizza e orienta il percorso sperimentale del prossimo triennio di formazione integrativa per creare ’team' di maestre e maestri in grado di co-progettare nuove aule all’aperto, nuove piazzette per gli incontri, mostre e itinerari di quartiere in grado di riportare il percorso virtuoso di rigenerazione urbana al centro dell’attività didattico-educativa della scuola materna ed elementare. Dal momento fondativo la riqualificazione dell’edilizia scolastica, dei luoghi annessi e delle implicazioni con l’intorno di quartiere, hanno ispirato e guidato una didattica sperimentale e integrativa dando origine alle tre cornici di riferimento per ogni triennio: ‘La scuola che fa scuola’, ‘La scuola che fa quartiere’, ‘La scuola che fa città’. Una scuola del fare, insomma, che si apre all’esterno e sa vedere oltre la recinzione del plesso. In questi sei anni la stretta collaborazione e sintonia fra Anthea, l'Ufficio Scuole e dei Lavori pubblici del comune di Rimini, vari Istituti comprensivi, Circoli didattici e Aziende sostenitrici legate al nostro territorio, ha dato e darà corpo ad interventi di riqualificazione puntuali e diffusi che coinvolgono le comunità scolastiche nel processo di co-ideazione e co-progettazione partendo dalle insegnanti e dai bambini (fascia fra i 4 e i 10 anni) e formando una peculiare sensibilità per il mapping, lo scouting urbano, l’arco dei bisogni, la progettazione partecipata, il piano d’azione, coinvolgendo nel processo attuativo famiglie e imprenditori locali.
Ravenna. Il Festival del turismo responsabile. Per  riflettere insieme su sostenibilità, accoglienza e restanza.

Web & Tech

Ravenna. Il Festival del turismo responsabile. Per riflettere insieme su sostenibilità, accoglienza e restanza.

Questa edizione, organizzata dall’agenzia di comunicazione Happy Minds, è stato organizzata con il patrocinio e la collaborazione del comune di Ravenna. IT.A.CÀ Ravenna aprirà con una giornata dedicata a studenti, operatori locali, professionisti del settore turistico e cittadini. Giovedì 19 a partire dalle ore 9.00 professionisti e content creators che lavorano nel sistema turistico nazionale porteranno la loro testimonianza sul tema del viaggio responsabile. Introdurrà la mattinata – alla quale parteciperanno 100 studenti provenienti da diversi istituti tecnici della città e della provincia - l’assessore con deleghe a Turismo, Coordinamento eventi, Smart city del comune di Ravenna Giacomo Costantini, interverranno poi Cecilia Pedroni e Lidia Marongiu dell’agenzia di comunicazione Happy Minds, che terranno una lezione frontale su basi, strumenti e best practice di marketing e digitale nel turismo responsabile, per passare alla testimonianza di Pietro Ienca, content creator e founder di Trip in Your Shoes, un’associazione no-profit che promuove una forma autentica di turismo responsabile, attraverso la camminata. La mattinata si concluderà con un momento di edutainment con un live game in cui gli studenti si sfideranno in un gioco a quiz sul tema della sostenibilità.
Giovecca di Lugo. Alla scoperta della natura. Al parco ‘Gea – Il giardino del tempo’. In occasione di ‘Vivi il verde’.

Volontariato

Giovecca di Lugo. Alla scoperta della natura. Al parco ‘Gea – Il giardino del tempo’. In occasione di ‘Vivi il verde’.

Sabato 21 settembre, dalle 15, possibile partecipare al laboratorio 'Argini segreti', in programma nei pressi dell’argine del fiume Santerno, adiacente al Parco. Il laboratorio è a cura del organizzazione Cestha (Centro sperimentale per la tutela degli habitat) di Ravenna e racconterà fra gioco e divertimento i segreti della flora e della fauna che abitano argini e golene di un fiume. Il laboratorio è adatto a bambini e adulti. È necessaria la prenotazione. Domenica 22 settembre, dalle 15, sarà possibile passeggiare tra fossili e sculture naturali del parco,Inoltre, nelle due giornate sarà possibile effettuare la visita guidata al percorso geo didattico, visitare il villaggio preistorico, camminare a piedi nudi nel giardino sensoriale e fare una merenda a km0. Nel corso delle iniziative saranno anche illustrati i laboratori e le attività proposte dal parco per l’anno scolastico 2019-2020. L'evento si inserisce nella rassegna regionale 'Vivi il verde 2019: intelligenza della natura e progetto umano', a cura dell'Istituto per i Beni artistici culturali e naturali e della regione Emilia Romagna, ed è supportato da sponsor privati del territorio.