Editoriale

Non solo sport. Sarri vs Conte, a ritmi europei. Ora Sala fa le ‘pulci’ ai due   ‘meravigliosi ‘ progetti su San Siro.

Non solo sport. Sarri vs Conte, a ritmi europei. Ora Sala fa le ‘pulci’ ai due ‘meravigliosi ‘ progetti su San Siro.

Un weekend dove tutto ( o quasi) era concentrato sulle Finals di tennis ( con il nostro Berrettini) e sul calcio ( con il dodicesimo turno di Campionato). Il nostro non ce l'ha fatta contro Djoko, proverà contro Federer. Intanto fa esperienza, matura. Visto che a 23 anni di pagnotte per crescere ne può mangiare tante e senza abbuffarsi. Semmai Sinner, il diciottenne altoatesino, è riuscito ad incantare Milano e ad aggiudicarsi il Next Gen, il ' mondialino' giovani. Passando al calcio, al nostro torneo da più parti ridimensionato, abbiamo avuto modo di non condividere ( ancora una volta) il sacro parere di soloni, e urloni, che ci vorrebbero vedere sempre in minorità rispetto a questo o a quello. A noi, francamente, pare di vedere i nostri correre all'uopo. Con partite avvincenti quanto e più della Premier. Forse è in Champions ( e Coppe) che la differenza di 'intensità' diventa macroscopica anche perchè ( tuttora) non è stata fatta chiarezza su quel che mangiano da noi e nell'Altrove, se dolce bresaola di Valtellina o salato stoccafisso dei mari del Nord, per correre ( nei 3o' finali) come cavalli indiani all'assalto di fort Apache. E comunque, ha dovuto tribolare la Beneamata che è riuscita a strappare il bottino pieno all'Hellas Verona solo e soltanto grazie ad una prodezza del Barella. Non se la passa bene il sor Carletto, che tra presidente vulcanico e giovinastri in ammutinamento per via dei rinnovi, non è riuscito ad andare oltre ad un anonimo 0-0 contro il Genoa del buon Thiago. E' tornato finalmente alla vittoria ( incassando gol) quel piangina dell' Inzaghino; non ce l'ha fatta invece la Roma del buon Fonseca, che a Parma ha dovuto lasciare l'imbattibilità esterna. Parma,sì, una di quelle 'minori', tanto bistrattate dai soloni nei loro confronti coi tornei d'Oltralpe, e che, invece, gioca bene, con ritmo, e acutezza di soluzioni. Ancora a capo chino esce dallo Stadium il Milan del buon Pioli, battuto sul finire da una prodezza del Dybala. Per lui, ora, si fa spazio nella pagina di destra, quella da non prendere alla leggera, perchè finire inghiottiti nel vortice della retrocessione ci vuol niente. Se ben rammenta, gli è già capitato, molti anni fa. Del resto poco o nulla lo rassicurano le esternazioni di quel bravo ragazzo del Maldo che se bandiera in campo era altrettanto non sa esserlo dietro una scrivania. Dire che se vede che le cose non vanno come si aspetta in tempi ( relativamente) brevi, può telar via, non è il massimo della responsabilità. O meglio della dedizione in un frangente ( davvero) difficile di una società che vanta ' immortali'. Cattive nuove a Milano arrivano anche sul tema stadio. I 'fenomeni' della politica, sindaco Sala in testa, hanno pensato bene di dare un sì vincolato a Milan e Inter. Lor signori vorrebbero meno edifici e salvare il vecchio San Siro. Sulla questione edifici, senza chiedere la luna nel pozzo, si può discutere, anche perchè rivitalizzare quella zona di Milano sarebbe urgente e non secondario; per quel che riguarda invece la salvezza del vetusto monumento, col cuore vorremmo tanto associarci, ma con un minimo di ragionamento appare evidente che il desiderata è di quelli ( ormai) fuori dal mondo. Infatti: come, quando e con quali costi verrebbe ' salvato' ? All'esborso, eventuale, chi provvederebbe Sala e soldi pubblici o chi altri? Inoltre a che potrebbe servire un impianto di tal dimensioni, forse ad ospitare (solo) incontri di calcio femminile e giovanile ? Signor Sala, crede davvero che ciò sia la destinazione ottimale per il (restante) futuro di tale prestigioso irripetibile manufatto sportivo? Importante, però, è non tirar ora troppo la corda, da politici o politicanti qual dir si voglia, perchè se i Club dirottassero su Sesto non avrebbero di certo danno quanto invece ne avrebbe Milano, e ( nell'ispecie) la strategica, vasta e ( abbandonata?) zona San Siro.
7 giorni ago 0 Continua...
 
Mondaino. Un’altra domenica con ‘Fossa tartufo & Venere’. Dedicata ai sapori delle  colline romagnole.

Mondaino. Un’altra domenica con ‘Fossa tartufo & Venere’. Dedicata ai sapori delle colline romagnole.

Grandi novità in vista in questa edizione. Per i visitatori che vogliano soddisfare i loro palati sopraffini ci saranno degustazioni curate e condotte dal gruppo Slow Food di Rimini e San Marino che prevedono la partecipazione di 25/30 persone. La sala degli Archi, inserita nella suggestiva cornice della Rocca malatestiana di Mondaino ospita nelle due giornate novembrine due laboratori della durata di un’ora e mezza circa che prevedono particolari degustazioni e non solo. Si è partiti domenica 17 con Usa il buon senso! l’educazione sensoriale per la degustazione alimentare, a cura della condotta Slow Food di Rimini e San Marino. Alle ore 10:30 i due docenti e formatori, Micaela Mazzoli e Matteo Monti, hanno suggerito come mangiare meglio grazie ai cinque sensi. Infatti, mangiare e bere nella piena consapevolezza di ogni morso e sorso, coniuga l’utilizzo di tutti e cinque i sensi, il cibo nelle giuste porzioni, la qualità degli alimenti e di conseguenza il benessere. L’incontro voleva essere un’introduzione alla filosofia dei sensi, una scoperta comparativa tra le stimolazioni chimiche e la genuinità autentica di tradizioni gastronomiche, oltre ad essere un’occasione per un contatto diretto con gli odori delle piante, i sapori della frutta e i sapori piacevoli della terra. Questo laboratorio è adatto a tutti e prevede un costo di euro 5,00 (gratuito per i bambini) e una prenotazione (cell. 347.0369381). Domenica 24, invece, sempre alle ore 10:30 sarà la volta di Come un luppolo nel formaggio degustazione guidata dal dott. Carlo Cleri di birre pensate per un abbinamento al formaggio di fossa, sempre a cura della condotta Slow food di Rimini e San Marino. Anche qui il costo è di 5,00 euro ed è richiesta la prenotazione (cell. 331.5773082). Per chi vorrà appagare la sua anima curiosa potrà seguire le interessanti conferenze presso la sala del Durantino, che si trova all’interno della Rocca malatestiana, oppure seguire le visite guidate di musei che verranno aperti per l’occasione. In tutto questo non mancheranno spettacoli, concerti, buon cibo, buon vino e artigianato di qualità. Il divertimento sarà all’ordine del giorno. Avanti così, per una domenica ancora!
MONDAINO. “Di ciò che vive il diletto sia fine, e tra i diletti quel di Venere e Bacco il  maggior sia”. Anche quest’anno siamo prossimi alla manifestazione dedicata ai sapori...
4 giorni ago 0 Continua...
  • Santarcangelo d/R. Piazze e strade ricolme per la Fiera di San Martino. Sfiorate le 100 mila presenze.

    Santarcangelo d/R. Piazze e strade ricolme per la Fiera di San Martino. Sfiorate le 100 mila presenze.

    Iniziata con l’Anteprima di venerdì 8 novembre che ha coinvolto osterie e settori specializzati, la manifestazione ha visto un incremento costante di pubblico che ha raggiunto il suo culmine nelle giornate di sabato 9 e domenica 10 novembre, con tutti i settori operativi: dall’artigianato alle ‘luverie’, dai mercatini della solidarietà all’esposizione di attrezzature per l’agricoltura. Ottime anche le presenze registrate nella giornata di lunedì 11 novembre nonostante il tempo decisamente più incerto: non si può parlare della tradizionale estate di San Martino, quindi, ma freddo e pioggia non hanno comunque scoraggiato le visite alla manifestazione. Soddisfazione, dunque, da parte degli operatori presenti alla Fiera, alcuni dei quali hanno registrato vendite record e addirittura esaurito le scorte di prodotti prima del termine della manifestazione. Il settore enogastronomico – osterie, punti ristoro e stand di prodotti tipici – è stato ovviamente quello più apprezzato, seguito dalle bancarelle di articoli per la casa e dall’oggettistica artigianale dedicata al Natale. Molto seguiti anche gli eventi e le iniziative culturali: dal Palio della piada , che ha visto la partecipazione di numerosi giovani, alla Sagra dei cantastorie, di cui il pubblico ha particolarmente apprezzato le proposte di nuovi artisti. Bilancio positivo anche per il mercatino dei libri già letti, grazie al quale gli Amici della biblioteca hanno raccolto 710 euro che finanzieranno l’attività della Baldini. Quasi 200, invece, i contatti registrati dalla Pro Loco da sabato 9 a lunedì 11 novembre – con richieste di informazioni relative soprattutto al programma della Fiera e ai parcheggi – mentre 100 persone sono state accompagnate in visita alle grotte. Hanno superato il centinaio anche i visitatori al Museo storico archeologico in via della Costa.
    nov 13, 2019 0
  • Bellaria Igea Marina. Parco del Comune: riqualificazione con area per cani e videosorveglianza.

    Bellaria Igea Marina. Parco del Comune: riqualificazione con area per cani e videosorveglianza.

    Sono cominciati i lavori, con la ‘perimetrazione’ delle prime zone di intervento. Lavori il cui obiettivo, come ha avuto modo di spiegare il primo cittadino 'è quello di migliorare ulteriormente la vivibilità, la fruibilità ed anche la sicurezza della zona, tenendo conto che questo polmone verde del centro di Bellaria è molto frequentato da giovanissimi, famiglie, mamme con bambini e padroni in compagnia dei propri cani. Abbiamo voluto pensare a loro ed in particolare ai ragazzi che numerosissimi affollano la zona del parco soprattutto il pomeriggio, concependo un’area che sia luogo di sport, condivisione e socializzazione sana'. Il nuovo playground, in particolare, avrà dimensioni di 26 per 13 metri ed accoglierà un campo da calcio a 5 e da basket, tracciati sulla stessa superficie; uno spazio in cui è intenzione dell’Amministrazione anche organizzare attività interculturali e di animazione. A questo si uniranno la sistemazione generale degli arredi e dei viali, l’installazione di due telecamere di sicurezza con sistema di registrazione e la creazione di un’area sgambamento per cani in corrispondenza della piccola pineta di fianco al Comune: residenza comunale impreziosita proprio in questi giorni dalle nuove bandiere issate all’ingresso, in luogo di quelle vecchie ed ormai consunte.
    nov 11, 2019 0
  • Rimini. Libri: ‘Il Codice celeste. L’Astronomicon di Basinio’.  Nella rassegna ‘I maestri e il tempo’.

    Rimini. Libri: ‘Il Codice celeste. L’Astronomicon di Basinio’. Nella rassegna ‘I maestri e il tempo’.

    Saranno quattro gli appuntamenti, a calendario da venerdì 15 novembre a sabato 14 dicembre, che si aggiungeranno ai primi sei organizzati a primavera con ottimo successo di pubblico. Tutti gli incontri si terranno del Salone delle feste di palazzo Buonadrata, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, punto di riferimento per gli appuntamenti culturali riminesi. L’avvio sarà venerdì 15 novembre, alle 17.30, con L’immaginario astrologico rinascimentale, che vedrà ospite lo storico dell’arte Maurizio Ghelardi, docente alla Scuola normale superiore di Pisa e allo IUAV di Venezia, che presenterà il suo nuovo volume Aby Warbug, Astrologica. Saggi e appunti 1908-1928, edito da Einaudi. Secondo appuntamento venerdì 22 novembre, con Basinio e la gara tra il greco e il latino: la corte di Rimini avamposto del Rinascimento. Ospite sarà Monica Centanni, filologa classica dello IUAV di Venezia e dell’Università degli Studi di Catania. Terzo incontro venerdì 29 novembre con Angeli e Demoni. Il cielo scolpito del Tempio malatestiano. Nell’occasione interverrà Alessandro Giovanardi, storico e critico d’arte, docente d’iconografia e iconologia all’ISSR di Rimini e San Marino-Montefeltro. Ultimo appuntamento sabato 14 dicembre, con l’incontro Nel cielo e sulla terra. L’Astronomicon di Basinio e altri esempi. Chiuderà la rassegna Fabrizio Lollini, storico dell’arte e iconologo dell’Università di Bologna. La rassegna è patrocinata dall’Istituto per i Beni artistici culturali e naturali della regione Emilia Romagna e dall’Ufficio scolastico riminese che, con il MiUR, riconosce la partecipazione al ciclo come crediti per la formazione del personale docente. Il ciclo 'I maestri e il tempo' si svolge grazie al contributo di Centro stampa Digitalprint e Hotel Napoleon.
    nov 11, 2019 0
Cesena. E45, chiusa via Zavalloni. Il sindaco Lattuca: ‘Non più rinviabile il tavolo di confronto con Anas’.

Cesena. E45, chiusa via Zavalloni. Il sindaco Lattuca: ‘Non più rinviabile il tavolo di confronto con Anas’.

Alcune lastre del fondo stradale del cavalcavia dell’E45 che attraversa la via Zavalloni hanno ceduto provocando non poco timore. La via Zavalloni è rimasta chiusa al transito dei veicoli per una settimana al fine di consentire i lavori di ripristino. 'Dopo i fatti avvenuti – ha commentato il sindaco e presidente dell’Unione comuni Valle del Savio Enzo Lattuca – ho rinnovato ad Anas la richiesta di un incontro già avanzata il 24 ottobre scorso insieme ai sindaci dei comuni dell’Unione Valle del Savio al fine di avviare un confronto, non più rinviabile, sullo stato di salute dell’E45 nel suo tratto tra Verghereto e Cesena. Diventa ormai urgente, infatti, l’istituzione di un tavolo permanente attorno al quale dovranno sedere Anas, Province e Comuni interessati per monitorare costantemente le condizioni di un’arteria di comunicazione necessaria ed essenziale per la viabilità locale'.
CESENA. Recentemente alcune lastre del fondo stradale del cavalcavia dell’E45 che attraversa la via Zavalloni hanno ceduto provocando non poco timore. Come riportato da Anas, l’episodio non ha causato danni...
6 giorni ago 0 Continua...
  • Cesena. Rete: ‘In common sport ‘ dall’Europa. Per una nuova cultura sociale dello sport tra gli over 60.

    Cesena. Rete: ‘In common sport ‘ dall’Europa. Per una nuova cultura sociale dello sport tra gli over 60.

    Presenti tutti i partner europei del progetto che nella giornata di lunedì 4 novembre hanno incontrato in Comune l’assessore ai Progetti europei Francesca Lucchi. 'Ancora una volta – commenta l’assessore Lucchi – Cesena apre le porte allo sport e lascia che i protagonisti siano uomini e donne over 60 che si mettono in gioco sfidando l’età. L’obiettivo principale di ‘In common sport’ è il movimento ma anche il divertimento competitivo, l’integrazione e la socialità'. Dal gennaio 2018 Cesena fa parte di questa ampia rete che gode della presenza di diversi partner europei tutti molto motivati nella creazione di questa nuova cultura sociale dello sport: alla nostra città sono stati assegnati quasi 69 mila euro. Il progetto prevede una serie di azioni integrate, che vanno dalla ricerca, alla diffusione di buone pratiche, fino alla vera e propria promozione sportiva tramite l’organizzazione di competizioni sportive dedicate agli over 60 ma aperte allo scambio intergenerazionale”. Tra le attività di progetto svolte in questa due giorni, oltre allo stato di avanzamento del progetto e alla programmazione delle prossime attività, l'incontro con la Wellness Foundation.
    nov 07, 2019 0
  • Bologna.  Giro d’Italia 2020. Torna la ‘Corsa rosa’: a maggio ben tre favolose  tappe in Emilia Romagna.

    Bologna. Giro d’Italia 2020. Torna la ‘Corsa rosa’: a maggio ben tre favolose tappe in Emilia Romagna.

    A presentare le tappe del Giro numero 103 in Emilia Romagna e le numerose iniziative che costelleranno, nel 2020, il territorio emiliano romagnolo è stato a Bologna il presidente della Regione, Stefano Bonaccini. Con lui Mauro Vegni, direttore del Giro, Davide Cassani, presidente di Apt, l’Azienda regionale per il turismo dell’Emilia Romagna e CT della nazionale di ciclismo. Interverranno anche il sottosegretario alla Presidenza, Giammaria Manghi, i sindaci di Rimini Andrea Gnassi, di Cervia Massimo Medri e di Cesenatico Matteo Gozzoli. E quest’anno il Giro sarà la punta di diamante della straordinaria programmazione, che andrà da inizio a fine anno, del progetto 'Romagna Bike', che prevede eventi e competizioni su due ruote, iniziative culturali e di valorizzazione della terra del turismo slow bike. A questo si aggiungeranno numerose competizioni sportive e amatoriali che precederanno o seguiranno il Giro. Mercoledì 20 maggio l'11ª tappa (Porto Sant'Elpidio – Rimini, 181 km). Giovedì 21 maggio 12ª tappa (Cesenatico – Cesenatico, 205 km). Venerdì 22 maggio 13ª tappa (Cervia – Monselice, 190 km).
    ott 29, 2019 0
  • Gambettola. Bicchiere Day: degustazioni e incontri con i vignaioli all’Italia. Al parco ‘Fellini’.

    Gambettola. Bicchiere Day: degustazioni e incontri con i vignaioli all’Italia. Al parco ‘Fellini’.

    L’evento annuale di degustazione organizzato da Italia nel bicchiere torna quest’anno in Romagna, ospite del locale Al Parco all’interno del parco Fellini, dove dalle ore 12 alle 21 una ventina di vignaioli di diverse regioni italiane proporranno i vini dei rispettivi territori raccontando in prima persona le scelte fatte in vigna e in cantina. Calice alla mano sarà possibile assaggiare liberamente spumanti, vini bianchi, rossi e rosé, accompagnandoli con i passatelli romagnoli del food truck ASPASSO e altre golosità territoriali per trovare gli abbinamenti migliori. Saranno presenti i vini delle seguenti cantine: Bugno Martino (San Benedetto Po, Mantova), Colletto (Adrara San Martino, Bergamo), Davide Vignato (Gambellara, Vicanza), Fattoria Ca’ Rossa (Bertinoro), Fiorano (Cossignano, Ascoli Piceno), I Clivi (Corno di Rosazzo, Udine), La Sabbiona (Faenza), La Staffa (Staffolo, Ancona), Monte Dall’Ora (San Pietro in Cariano, Verona), Pietro Torti (Montecalvo Versiggia, Pavia), Rigoloccio (Gavorrano, Grosseto), Stana (Valdobbiadene, Treviso), Tenuta Casali (Mercato Saraceno), Tenuta Diavoletto (Bertinoro), Tenuta Il plino (Cesena), Terra argillosa (Offida, Ascoli Piceno), Thomas Niedermayr (Appiano sulla strada del vino, Bolzano), Vigna Cunial (Traversetolo, Parma). A completare la galleria dei sapori al calice saranno le birre artigianali del Birrificio Marialti (Cesena) e i succhi di melograno e di frutta nutraceutica di Rio del sol (Faenza).
    ott 25, 2019 0
Forlì. Concerto di Natale Forlì-Betlemme, con il maestro Olmi e la Young Musicians European.

Forlì. Concerto di Natale Forlì-Betlemme, con il maestro Olmi e la Young Musicians European.

Sabato 7 dicembre 2019, alle 21, nella abbazia di San Mercuriale, si esibirà la Young Musicians European Orchestra diretta dal maestro Paolo Olmi, composta da giovanissimi musicisti di tutto il mondo impegnati in un progetto che inizierà ai primi di dicembre a Ravenna con le prove preliminari e che terminerà con due concerti: a Betlemme nella Chiesa della Natività l’11 dicembre e a Gerusalemme nella Chiesa di Notre Dame il 12 dicembre. Le manifestazioni in Terra Santa sono organizzate in collaborazione con l'Ambasciata d'Italia a Tel Aviv, l'Istituto italiano di Cultura, il Municipio di Betlemme e la Custodia di Terra Santa. Il programma di Forlì prevede, come da tradizione, l'esibizione di giovanissimi solisti protagonisti nel mondo musicale internazionale; sarà aperto dall’oboista Simone Fava, impegnato nel Concerto in Fa Maggiore di Corelli nella trascrizione di John Barbirolli; proseguirà con il concerto in Do Maggiore per violoncello di Haydn (solista Bruno Philippe, nella foto) e terminerà con il Concerto in Sol Maggiore K216 di Mozart interpretato da Vikram Sedona. Una novità di quest'anno è costituita dal fatto che, in chiusura del concerto, la Young Musicians European Orchestra sarà integrata da alcuni giovani musicisti forlivesi provenienti dall’Istituto Musicale Masini, dalla scuola di musica InArte e da altre istituzioni cittadine nell’esecuzione di due brani fuori programma. Un altro risultato del quale gli organizzatori sono molto orgogliosi è la partecipazione all'iniziativa di tutti i Club Service di Forli quali: Lions Club, Rotary Club, Fidapa, Soroptimist, Il gruppo, Rotaract, Club Unesco di Forlì. In questo modo la nostra città attraverso le sue associazioni più generose dà un segnale di coesione e di solidarietà particolarmente significativo in occasione delle festività natalizie.
FORLI’. Dopo il grande successo degli scorsi anni la cooperativa Emilia Romagna concerti di Ravenna, l’amministrazione comunale di Forlì e la Caritas di Forli-Bertinoro, presentano l’edizione 2019 del Concerto di...
7 giorni ago 0 Continua...
  • Forlì: nuovo Parco per il Campus universitario. Il progetto forlivese tra i vincitori di ‘La città per il verde’.

    Forlì: nuovo Parco per il Campus universitario. Il progetto forlivese tra i vincitori di ‘La città per il verde’.

    L'intervento pubblico, realizzato dal comune di Forlì e dall'Università di Bologna, si è avvalso dell'importante sostegno e del finanziamento della fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì. A ritirare il prestigioso riconoscimento sono stati i progettisti Gian Luca Laghi, Dario Pinzarrone e Giovanni Milanesi, funzionari del comune di Forlì, e Chiara Semprini Cesari dell'Università di Bologna. La consegna è avvenuta a Milano nel corso di una cerimonia organizzata dalla rivista ACER promotrice del concorso e da 35 anni specializzata nella divulgazione tecnico-scientifica dedicata ai professionisti del verde e del paesaggio. Il Premio, giunto alla ventesima edizione, è stato assegnato a quei Comuni italiani che si sono distinti per realizzazioni o metodi di gestione innovativi, finalizzati all’incremento del patrimonio verde pubblico attraverso azioni di nuova costruzione e di riqualificazione o nei quali è stato privilegiato l’aspetto manutentivo.
    ott 28, 2019 0
  • Forlì. Venerdì 25 ottobre da Fataly il terzo ‘Charity Dinner’.Per l’acquisto del prezioso ‘CliniMacs Prodigy’.

    Forlì. Venerdì 25 ottobre da Fataly il terzo ‘Charity Dinner’.Per l’acquisto del prezioso ‘CliniMacs Prodigy’.

    Anche l’edizione 2019, come le precedenti, si svolgerà presso Eataly dalle ore 20: il menù sarà all’insegna delle pizze gourmet, ideate appositamente per l’occasione non solo dai cuochi della struttura di piazza Saffi ma anche dai famosi chef Gianluca Gorini, Federica Casadei e Dario Antonelli. I piatti saranno inoltre accompagnati dai prodotti migliori dei piccoli birrifici di qualità del territorio. L’incasso andrà infatti a sostenere l’acquisto di un macchinario fondamentale per aumentare ancora di più il livello della ricerca scientifica dell’IRST IRCCS di Meldola: il 'Clini Macs Prodigy', una strumentazione del valore di circa 200.000 euro che permetterà di personalizzare per ciascun paziente la propria cura, per rendere le terapie il più possibile efficaci.
    ott 24, 2019 0
  • Forlì. Ritorna  ‘Griglie in festa’. In piazza Cavour l’attesa  tre-giorni per gli amanti del barbecue.

    Forlì. Ritorna ‘Griglie in festa’. In piazza Cavour l’attesa tre-giorni per gli amanti del barbecue.

    Per tre giorni le migliori macellerie si daranno appuntamento in piazza Cavour per un evento 'succulento', unico nel suo genere. Organizzata dall’Estragon Club di Bologna in collaborazione con Feel Forlì, anche quest’anno la manifestazione valorizzerà le eccellenze italiane e straniere delle carni pregiate. Otto gli stand presenti, che prepareranno prelibate carni tutte da gustare, cotte rigorosamente sulla brace. Presente anche uno stand dedicato a chi non ama la carne, con verdure e mozzarella alla griglia. Ad accompagnare Griglie in festa non mancheranno i vini del territorio, ottime birre artigianali e una favolosa colonna sonora con le selezioni musicali a cura dell'Estragon. Per gli amanti del barbecue, dunque, un festival del gusto da non perdere, che saprà deliziare tutti i sensi.
    ott 17, 2019 0
Bagnara di Romagna. Ecco ‘Teatro merenda’: rassegna di spettacoli  per i più piccoli e le  loro famiglie.

Bagnara di Romagna. Ecco ‘Teatro merenda’: rassegna di spettacoli per i più piccoli e le loro famiglie.

Si comincia il 17 novembre con il 'Teatrino dei piedi' in compagnia di Veronica Gonzales, artista internazionale di grandissimo successo nei teatri e in televisione, che trasformerà piedi, ginocchia e quant'altro in meravigliosi personaggi. Domenica 22 dicembre c’è lo spettacolo 'La penna di Finist, falco lucente' della Compagnia Bezoart, mentre il 12 gennaio inaugura la stagione 2020 'La gabbianella e il gatto' di Teatri Montani Palena-Guardiagrele. 'Le grandi fughe del mago Houdini' è il titolo dello spettacolo dell’associazione Mulino di Amleto Teatro, in programma il 9 febbraio. Infine, il 21 aprile ci sarà il saggio degli allievi dei corsi per elementari e medie della scuola teatro 'La Bassa'. Al termine di ogni spettacolo sarà offerta a tutti i bambini una merenda. Inoltre, nel 2020 tornano i matinée per le scuole con 'I burattini della tradizione' (scuole elementari) con Massimiliano Venturi e 'Non è obbligatorio essere eroi' (scuole medie) con Dario Criserà.
BAGNARA DI ROMAGNA. Da domenica 17 novembre torna a Bagnara di Romagna l’appuntamento con ‘Teatro merenda‘, la rassegna teatrale di intrattenimento per bambini. Nella sala polivalente ‘Giorgio Vassura’ (largo della...
3 giorni ago 0 Continua...
  • Alfonsine. A palazzo Marini due testi di storiografia locale.  Su ‘ Romagna estense’ e ‘La Romandiola’.

    Alfonsine. A palazzo Marini due testi di storiografia locale. Su ‘ Romagna estense’ e ‘La Romandiola’.

    Nei venerdì 15 novembre e 6 dicembre sono infatti in programma due serate proposte dal Circolo filatelico 'Vincenzo Monti' e Pro Loco di Alfonsine e dedicate alla storia locale.Il 15 novembre viene presentato il libro Il ramingo della valle di Agide Vandini. Il secondo appuntamento, venerdì 6 dicembre, vede la presentazione del libro 'La Romandiola' durante le guerre di successione europea di Norino Cani. Durante la serata saranno approfonditi alcuni sconosciuti episodi della storia alfonsinese, a partire dall'VIII secolo fino alle guerre di successione europee della prima metà del Settecento.
    nov 13, 2019 0
  • Faenza. ‘Rete Avis lavoro – Faenza Città del dono’:  dalla Gemos dodici nuovi potenziali donatori.

    Faenza. ‘Rete Avis lavoro – Faenza Città del dono’: dalla Gemos dodici nuovi potenziali donatori.

    Prosegue con successo il progetto 'Rete Avis lavoro – Faenza Città del dono', ideato da Avis Faenza per intercettare nuovi donatori direttamente sui posti di lavoro, in collaborazione con le stesse aziende. Dopo Diennea MagNews, Bcc Ravennate Forlivese e Imolese, Geas, Polienergie, Conel, Cmcf e Blaks, stamane l’autoemoteca di Avis ha sostato in via Della Punta per consentire ai dipendenti della Gemos di sottoporsi all’esame di verifica dell’idoneità alla donazione. In totale una dozzina di lavoratori hanno effettuato l’esame, entrando nel percorso della donazione.Nata nel 1975, Gemos è una cooperativa specializzata nel settore della ristorazione collettiva. Tra la sede di Faenza e le varie strutture sul territorio, impiega circa 1300 dipendenti, che sono per l’85 per cento donne. Fra ristorazione aziendale, scolastica, ospedaliera, della terza età, catering ed i propri locali self service, Gemos produce circa 9 milioni di pasti all’anno.
    nov 12, 2019 0
  • Ravenna. Al Centro relazioni culturali il libro: ‘Falso! Ravenna. Copie, calchi e riletture in città e all’estero’.

    Ravenna. Al Centro relazioni culturali il libro: ‘Falso! Ravenna. Copie, calchi e riletture in città e all’estero’.

    Come anticipa il titolo, il volume contiene informazioni riguardo edifici o tecniche o materiali della storia e dell’arte ravennati che nel corso degli ultimi tre secoli sono stati imitati e riprodotti. A partire dal mausoleo di Galla Placidia, copiato nel corso dell’Ottocento come tomba monumentale per privati e sovrani, per passare alla imitazione dei temi presenti nei mosaici bizantini, per finire con la riproduzione seriale in scagliola e gesso delle sculture più note della città; i capitelli bizantini, le transenne delle chiese e, soprattutto i due capolavori: la cattedra d’avorio e la tomba di Guidarello Guidarelli. L’opera è corredata da circa 120 illustrazioni che non sono un mero artificio decorativo, ma una presenza sostanziale per la comprensione del testo che viene così documentato spesso attraverso immagini d’epoca inedite. Alla serata sarà presente anche l’assessore alla Cultura Elsa Signorino. Prossimo appuntamento: venerdì 15 novembre Refettorio Museo nazionale, via San Vitale 17, ore 17.30 in collaborazione con il Polo museale dell'Emilia Romagna Simone Facchinetti presenta 'Storie e segreti del mercato dell'arte'.
    nov 12, 2019 0
Bologna.  Giro d’Italia 2020. Torna la ‘Corsa rosa’: a maggio ben tre favolose  tappe in Emilia Romagna.

Bologna. Giro d’Italia 2020. Torna la ‘Corsa rosa’: a maggio ben tre favolose tappe in Emilia Romagna.

A presentare le tappe del Giro numero 103 in Emilia Romagna e le numerose iniziative che costelleranno, nel 2020, il territorio emiliano romagnolo è stato a Bologna il presidente della Regione, Stefano Bonaccini. Con lui Mauro Vegni, direttore del Giro, Davide Cassani, presidente di Apt, l’Azienda regionale per il turismo dell’Emilia Romagna e CT della nazionale di ciclismo. Interverranno anche il sottosegretario alla Presidenza, Giammaria Manghi, i sindaci di Rimini Andrea Gnassi, di Cervia Massimo Medri e di Cesenatico Matteo Gozzoli. E quest’anno il Giro sarà la punta di diamante della straordinaria programmazione, che andrà da inizio a fine anno, del progetto 'Romagna Bike', che prevede eventi e competizioni su due ruote, iniziative culturali e di valorizzazione della terra del turismo slow bike. A questo si aggiungeranno numerose competizioni sportive e amatoriali che precederanno o seguiranno il Giro. Mercoledì 20 maggio l'11ª tappa (Porto Sant'Elpidio – Rimini, 181 km). Giovedì 21 maggio 12ª tappa (Cesenatico – Cesenatico, 205 km). Venerdì 22 maggio 13ª tappa (Cervia – Monselice, 190 km).
BOLOGNA. La kermesse regina delle due ruote torna nella terra del ciclismo: anche nel 2020 in Emilia Romagna il Giro d’Italia colorerà strade e località portando la più classica delle...
20 giorni ago 0 Continua...
  • Emilia Romagna. La Notte di Halloween: manieri e parchi in festa per il weekend ( 31/3 novembre).

    Emilia Romagna. La Notte di Halloween: manieri e parchi in festa per il weekend ( 31/3 novembre).

    C'è forse un luogo migliore di un antico castello per festeggiare la notte più spaventosa dell'anno? L’Emilia Romagna, terra di magici e stregati manieri, dal 31 ottobre al 3 novembre apre i misteriosi portoni di rocche e fortezze, a turisti e visitatori alla ricerca di brividi e divertimento (per tutti gli eventi la prenotazione è obbligatoria: www.castelliemiliaromagna.it - www.castellidelducato.it). Nella prima edizione di “Oh che bel Castello-Halloween Edition” il Castello di Felino (Pr) propone, il 31 ottobre, un’intera serata 'Halloween' con cena e intrattenimento musicale e, nella stessa serata, nel Castello di Rivalta (Pc) si svolgerà l’Horror Night, una notte da brividi per un terrificante tour animato nel maniero. Sarà possibile anche prenotare una 'Cena mostruosa' presso Bistrot Rivalta, mentre è previsto un avventuroso 1° novembre con l’iniziativa 'Il segreto del fantasma' con pranzo di Halloween per famiglie. Il brivido sarà di casa, il 31 ottobre, anche al Castello malatestiano di Longiano (Fc) con la 'Festa d’la nota scura': da non perdere lo spettacolare show pirotecnico “Incendio al Castello”. Se dal 31 ottobre al 3 novembre la Rocca Sanvitale di Sala Baganza (Pr) proporrà 'Una rocca di spiriti e fantasmi', alla Rocca Sanvitale di Fontanellato (Pr), nel pomeriggio del 1° novembre, sono in programma, per famiglie con bambini, visite a tema Halloween con un’animazione ispirata a 'El Dia De Los Muertos', con il tour delle 18 che terminerà con un ghiotto Aperitivo mostruoso. E altro, altro ancora ...
    ott 28, 2019 0
  • Rimini. Arrivano gli alpini in Riviera. La ‘prima volta’ delle mitiche ‘penne nere’ dall’ 8 al 10 maggio 2020.

    Rimini. Arrivano gli alpini in Riviera. La ‘prima volta’ delle mitiche ‘penne nere’ dall’ 8 al 10 maggio 2020.

    Sarà un’edizione speciale e molto sentita del tradizionale appuntamento. Innanzitutto, perché proprio nella prossima primavera ricorrono i 100 anni dal primo raduno spontaneo degli alpini sul monte Ortigara, nel Vicentino, teatro di una sanguinosa battaglia durante la 1^ Guerra mondiale. E poi perché già oggi, a distanza di quasi sette mesi dalla data scelta per le celebrazioni, si preannuncia una partecipazione record. Sono infatti oltre 1,2 milioni, secondo gli organizzatori dell’Associazione nazionale alpini (Ana), le presenze stimate nella tre giorni di maggio, tra iscritti e affezionati, in grado di generare un fine settimana da tutto esaurito, tra prenotazioni alberghiere e ristorazione. I contenuti e le tappe di avvicinamento alla manifestazione degli alpini sono stati presentati in una conferenza stampa a Bologna dal presidente della regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, insieme al presidente dell’Associazione nazionale alpini, Sebastiano Favero, e al sindaco di Rimini Andrea Gnassi.
    ott 23, 2019 0
  • Emilia Romagna. Premiate a Bologna le migliori carte dei vini. Dentro Enologica l’edizione di ‘Carta Canta’

    Emilia Romagna. Premiate a Bologna le migliori carte dei vini. Dentro Enologica l’edizione di ‘Carta Canta’

    'Carta canta' è l’iniziativa di Enoteca regionale Emilia Romagna che mira ad avvalorare e riconoscere l’impegno di chi crede nella tipicità del territorio e arricchisce la propria carta dei vini con specialità della regione. 'Carta canta', infatti, premia le carte dei vini di ristoranti, enoteche, bar, agriturismi, stabilimenti balneari e hotel che propongono un assortimento qualificato di vini dell’Emilia Romagna all’interno dei propri menù. 12 le categorie premiate, più due premi speciali. A valutare le carte, una giuria qualificata formata da (in rigoroso ordine alfabetico): Silvia Baratta, titolare e responsabile della Formazione di Gheusis, Sandro Cavicchioli, enologo e produttore, Dario Di Niso, delegato ONAV per la provincia di Ravenna, Matteo Fantinelli, Owner Hoop Communication, Pietro Roberto Giorgini, presidente AIS Romagna, Ambrogio Manzi, direttore Enoteca regionale Emilia Romagna, Pierluigi Sciolette, presidente Enoteca regionale Emilia Romagna, Valentina Togni, segreteria organizzativa del premio Carta canta - Hoop Communication, Giordano Zinzani, presidente Consorzio Vini di Romagna.
    ott 21, 2019 0
Non solo sport. Sarri vs Conte, a ritmi europei. Ora Sala fa le ‘pulci’ ai due   ‘meravigliosi ‘ progetti su San Siro.

Non solo sport. Sarri vs Conte, a ritmi europei. Ora Sala fa le ‘pulci’ ai due ‘meravigliosi ‘ progetti su San Siro.

Un weekend dove tutto ( o quasi) era concentrato sulle Finals di tennis ( con il nostro Berrettini) e sul calcio ( con il dodicesimo turno di Campionato). Il nostro non ce l'ha fatta contro Djoko, proverà contro Federer. Intanto fa esperienza, matura. Visto che a 23 anni di pagnotte per crescere ne può mangiare tante e senza abbuffarsi. Semmai Sinner, il diciottenne altoatesino, è riuscito ad incantare Milano e ad aggiudicarsi il Next Gen, il ' mondialino' giovani. Passando al calcio, al nostro torneo da più parti ridimensionato, abbiamo avuto modo di non condividere ( ancora una volta) il sacro parere di soloni, e urloni, che ci vorrebbero vedere sempre in minorità rispetto a questo o a quello. A noi, francamente, pare di vedere i nostri correre all'uopo. Con partite avvincenti quanto e più della Premier. Forse è in Champions ( e Coppe) che la differenza di 'intensità' diventa macroscopica anche perchè ( tuttora) non è stata fatta chiarezza su quel che mangiano da noi e nell'Altrove, se dolce bresaola di Valtellina o salato stoccafisso dei mari del Nord, per correre ( nei 3o' finali) come cavalli indiani all'assalto di fort Apache. E comunque, ha dovuto tribolare la Beneamata che è riuscita a strappare il bottino pieno all'Hellas Verona solo e soltanto grazie ad una prodezza del Barella. Non se la passa bene il sor Carletto, che tra presidente vulcanico e giovinastri in ammutinamento per via dei rinnovi, non è riuscito ad andare oltre ad un anonimo 0-0 contro il Genoa del buon Thiago. E' tornato finalmente alla vittoria ( incassando gol) quel piangina dell' Inzaghino; non ce l'ha fatta invece la Roma del buon Fonseca, che a Parma ha dovuto lasciare l'imbattibilità esterna. Parma,sì, una di quelle 'minori', tanto bistrattate dai soloni nei loro confronti coi tornei d'Oltralpe, e che, invece, gioca bene, con ritmo, e acutezza di soluzioni. Ancora a capo chino esce dallo Stadium il Milan del buon Pioli, battuto sul finire da una prodezza del Dybala. Per lui, ora, si fa spazio nella pagina di destra, quella da non prendere alla leggera, perchè finire inghiottiti nel vortice della retrocessione ci vuol niente. Se ben rammenta, gli è già capitato, molti anni fa. Del resto poco o nulla lo rassicurano le esternazioni di quel bravo ragazzo del Maldo che se bandiera in campo era altrettanto non sa esserlo dietro una scrivania. Dire che se vede che le cose non vanno come si aspetta in tempi ( relativamente) brevi, può telar via, non è il massimo della responsabilità. O meglio della dedizione in un frangente ( davvero) difficile di una società che vanta ' immortali'. Cattive nuove a Milano arrivano anche sul tema stadio. I 'fenomeni' della politica, sindaco Sala in testa, hanno pensato bene di dare un sì vincolato a Milan e Inter. Lor signori vorrebbero meno edifici e salvare il vecchio San Siro. Sulla questione edifici, senza chiedere la luna nel pozzo, si può discutere, anche perchè rivitalizzare quella zona di Milano sarebbe urgente e non secondario; per quel che riguarda invece la salvezza del vetusto monumento, col cuore vorremmo tanto associarci, ma con un minimo di ragionamento appare evidente che il desiderata è di quelli ( ormai) fuori dal mondo. Infatti: come, quando e con quali costi verrebbe ' salvato' ? All'esborso, eventuale, chi provvederebbe Sala e soldi pubblici o chi altri? Inoltre a che potrebbe servire un impianto di tal dimensioni, forse ad ospitare (solo) incontri di calcio femminile e giovanile ? Signor Sala, crede davvero che ciò sia la destinazione ottimale per il (restante) futuro di tale prestigioso irripetibile manufatto sportivo? Importante, però, è non tirar ora troppo la corda, da politici o politicanti qual dir si voglia, perchè se i Club dirottassero su Sesto non avrebbero di certo danno quanto invece ne avrebbe Milano, e ( nell'ispecie) la strategica, vasta e ( abbandonata?) zona San Siro.
 LA CRONACA DAL DIVANO. Un  weekend dove tutto ( o quasi)  era concentrato sulle Finals di  tennis ( con il nostro Berrettini) e sul calcio ( con il dodicesimo turno...
7 giorni ago 0 Continua...
  • Non solo sport. Coppe: più pochezza, che onore. Alla ‘rossa’, oltre ai danni anche le cavolate del Tulipano.

    Non solo sport. Coppe: più pochezza, che onore. Alla ‘rossa’, oltre ai danni anche le cavolate del Tulipano.

    La Beneamata prima annulla il Borussia nella sua colorita tana, eppoi, si fa annullare, latitando per un intero secondo tempo. Vinceva o-2, è finita sotto 3-2, mettendo decisamente a repentaglio il passaggio del turno. Stranezze. Atteggiamenti inspiegabili. Soprattutto quando i Germani arrembavano e la Beneamata chinava il capo. Il conte Dracula a cui tutto riesce fuorchè recitar 'mea culpa', ha pensato bene di spiegare la debacle sua e dei suoi chiamando in causa i dirigenti: ' Rosa inadeguata - ha sbottato - vengano ora loro a dar spiegazioni'. Certamente, il capo banda, non nuota nell'oro. Le sue legioni scontano un organico ridotto all'osso. Non ( proprio ) adeguato a resistere alle furiose folate del barbaro nemico. Scordando, però, che nella sventura lui come Quintilio Varo ci ha messo del suo. Ad esempio svegliandosi con comodo per operare i necessari e tempestivi cambi. Che se fatti all'uopo chissà qual altro risultato avrebbero ottenuto? E che sarebbe valso, eccome, mentre così se non è fuori dalla Coppa dalle grandi orecchie poco gli manca. Nel frangente non ci ha entusiasmato manco il Ciuccio del sor Carletto, al quale bastava una ( possibilissima ) vittoria per restare al primo posto del girone con passaggio del turno matematico. Inoltre, i suoi, che secondo la disposizione del presidente avrebbero dovuto far ritorno nel ritiro di Castelnuovo, a fine partita, se ne sono andati per i fatti loro, praticamente, ammutinandosi. Più o meno come quelli del Bounty. Cosa che nel calcio è abbastanza rara. Anche a Napoli. Almeno fin dai tempi di Bianchi. Ora qual sarà l'ira funesta del sor A.DElle? Fortuna ha voluto che, tolto Cr7 a rischio infortunio, s'è fatto entrare il Douglas Costa degli infortuni. Al brasileiro è bastato infatti uno slalom vecchia maniera col concorso del Pipita, per raccogliere a tempo scaduto tre punti che aggiungono carne e sangue alla classifica del girone. Tanto più che perdendo il Cholo a Leverkusen ( 2-1) ora basterà uno 0-0 o un 1-1 per tenere il comando e godere dei ' non piccoli' vantaggi che questo comporta. S'è invece riscattata la Dea del Gasp, finalmente ardita e pimpante come Eupalla in Europa comanda. Con un pizzico di buona sorte in più, avrebbe ( addirittura) potuto rispedire a casa a mani vuote quel furbone del Pep sempre più somigliante alla sirenetta sullo scoglio che prima lusinga, eppoi affonda. Davanti a certe prove, forse gli abituali 'urloni' da network televisivo la smetteranno di gridare ai quattro venti che ' noi, italici, abbiamo qualcosa di perennemente in meno d'altri'.
    nov 08, 2019 0
  • Non solo sport. Max, basta cavolate! Inter, che fai? Tutti d’accordo su Vincenzo Novari, il Ceo d’ Olimpia.

    Non solo sport. Max, basta cavolate! Inter, che fai? Tutti d’accordo su Vincenzo Novari, il Ceo d’ Olimpia.

    C'è gente che, giovane o tarda che sia, non ha altro problema che dar corso a quello che i latini chiamavano ' flatus voci'. Che, in sintesi, vorrebbe dire ' parlare tanto per parlare', come i social comandano, visto che ( ancora) nessuno vuole o può mettere argine ad un equivoco democratico di fondo che ha sdoganato ( diceva il nostro Eco) una quantità infinita di imbecilli. D'ogni continente, razza, genere. Tra costoro si segnala ( bene e spesso) il ( cosiddetto) predestinato che messo al volante di una F1 in età ancora imberbe, non solo non è cresciuto babbo suo sperava, ma è addirittura volato all'età di Peter Pan. Ovvero quell'età beata e felice in cui la realtà è solo una nuvola soffice in cui sprofondare. Sopportarlo è dura. Dura davvero. Tanto che perfino il sei volte campione del Mondo ( ultimamente) non ce l'ha più fatta, costringendolo a sbottargli qualcosa che da tempo gli andava recapitata. Per il suo bene, naturalmente, togliendolo dai riccioli d'un pezzo di legno lavorato da un umile falegname che desiderava un figlio per trapassarlo in bimbo in carne e ossa. Il tizio in questione, porta nome Max Verstappen ( o Verstpippen, come dir si voglia), che nei due o tre anni in cui l'hanno fornito di buona macchina più che a maturare successi si è specializzato nel ' far casini', o meglio, nello ' sfasciare rosse', anche due in un sol colpo con mano da mago del biliardo. Tra gli altri ' flatus voci' emessi di recente, ce n'è proprio uno dei suoi, questo: ' Ecco cosa succede quando non bari più'. Rivolto, ovviamente, alla 'rossa' che ( come ad Annibale con i Romani ) devono avergliela fatta detestare fin da piccolo. Curioso, no ? Non sarà che anche in questo insignificante caso la storia si ripete? Speriamo di no. Speriamo semmai che il predestinato invece di ' parlare per parlare' ( intanto) la smetta di non ' sfasciar più rosse', eppoi, che inizi a sfogliare non solo almanacchi ma anche i trascorsi d'un auto che non è un auto, ma un essere fantastico quanto un Ippogrifo alato capace di salire nell'Olimpo per strappare ( straordinarie) storie da donare agli uomini ( amanti e non ) della velocità.Dalla quarta partita gironi di Champions, non è che siamo usciti trionfanti. Anzi, per farla breve, increduli. La Beneamata prima annulla il Borussia nella sua fragorosa tana, eppoi, si fa annullare, latitando per un intero secondo tempo. Vinceva o-2, è finita sotto 3-2, mettendo decisamente a repentaglio il passaggio di turno. Vincenzo Novari, 60 anni, è stato indicato trasversalmente all'unanimità Ceo del Comitato organizzatore di Milano-Cortina.
    nov 07, 2019 0
  • Non solo sport. Hamilton, sesto titulo. La ‘rossa’ di nuovo in ambasce. Campionato, lotta solo tra due?

    Non solo sport. Hamilton, sesto titulo. La ‘rossa’ di nuovo in ambasce. Campionato, lotta solo tra due?

    Weekend. Per il Campionato, la lotta sembra restringersi a Juve e Inter, visto che il Napoli sempre più si allontana dalla classifica. Per la moto, invece, ancora una volta poco da aggiungere : il titolo ( scontato) per Alex, fratello di ' cade non cade', il quale proprio nel weekend di caduta ne ha fatta una che a persona normale sarebbe bastata per un lungo ricovero in casa di riabilitazione; la bella vittoria del neo campione Della Porta in Moto3; le modeste prestazioni dei nostri in Moto Gp: Dovi, sul podio, dietro Vinales e Marquez, con Vale al quarto posto e Morbido al sesto. Per l'auto, c'è il sesto titolo per il re nero; mentre alla 'rossa' hanno ripreso a navigare nel buio. Non vorremmo pensare che quel ' genio' indiscusso del Binotto fosse adatto più alle sue cose tecniche che gestionali. Per le quali, tanto per indicar qualcuno, non essendoci più a far luce e ordine l'uomo col maglioncino blu, non sarebbe meglio chiedere udienza a quel bell'uomo che staziona al box delle ' frecce d'argento' , che gran macchine sono, certo, ma non Pegasi alati che volano sulle piste del mondo? Chissà, forse si sarà anche stufato ad andare in giro con quelle camicie da corsia d'ospedale sognando d'indossarne altre di rosso colorate che meglio interpretano la passione per la velocità che serpeggia sulle piste del globo? Chiediamolo. Del resto, non si dice che chiedere costa poco o nulla? Inoltre, altri due eventi: una fantastica Olimpia Milano di coach Messina che batte il Barca e s'insedia ( con Barca e Cska) in vetta alla classifica di Eurolega ( sesta giornata); Shapovalov, che regala al nostro Berrettini, 23 anni, le Finals di Londra tra gli otto maestri del tennis mondiale. Eventi da non credere. Tanto più che il basket nostrano è da anni che non centra più un risultato degno del suo passato; mentre, per quel che riguarda il ragazzo del tennis, non è che gli ultimi tornei abbia meritato di partecipare a tal consesso, per un azzurro 41 anni dopo Barazzutti. Ma tant'è. E ben l'accogliamo, anche perchè adesso abbiamo due ragioni in più per accendere il televisore, sperando ( ovvio) di non essere incappati in due miraggi nel deserto ma in due interpreti di discipline sportive che si sono date ( finalmente) una mossa.
    nov 04, 2019 0
 

Arte & Cultura

Lugo. ‘Insieme e diversi’, arte e ceramiche alla Rocca estense.Mostra visitabile fino al 24 novembre.

Lugo. ‘Insieme e diversi’, arte e ceramiche alla Rocca estense.Mostra visitabile fino al 24 novembre.

Sabato 16 novembre alle 17.30, nella sala Baracca della Rocca, inaugura la mostra di ceramica 'Insieme e diversi' organizzata dal circolo artistico culturale 'Pavaglione ceramica' con il patrocinio del comune di Lugo. All’inaugurazione sarà presente il sindaco di Lugo Davide Ranalli. L’esposizione di opere di Elisa Grillini, Carla Lega, Liliana Ricciardelli e Carlo Zoli, sarà visitabile dal 16 al 24 novembre dal martedì al venerdì (10.30-12 e 16-18) oltre che il sabato e la domenica (10.30-12.30 e 15-18.30).
4 giorni ago 0 Continua...

Eventi

Bagnara di Romagna. Ecco ‘Teatro merenda’: rassegna di spettacoli  per i più piccoli e le  loro famiglie.

Bagnara di Romagna. Ecco ‘Teatro merenda’: rassegna di spettacoli per i più piccoli e le loro famiglie.

Si comincia il 17 novembre con il 'Teatrino dei piedi' in compagnia di Veronica Gonzales, artista internazionale di grandissimo successo nei teatri e in televisione, che trasformerà piedi, ginocchia e quant'altro in meravigliosi personaggi. Domenica 22 dicembre c’è lo spettacolo 'La penna di Finist, falco lucente' della Compagnia Bezoart, mentre il 12 gennaio inaugura la stagione 2020 'La gabbianella e il gatto' di Teatri Montani Palena-Guardiagrele. 'Le grandi fughe del mago Houdini' è il titolo dello spettacolo dell’associazione Mulino di Amleto Teatro, in programma il 9 febbraio. Infine, il 21 aprile ci sarà il saggio degli allievi dei corsi per elementari e medie della scuola teatro 'La Bassa'. Al termine di ogni spettacolo sarà offerta a tutti i bambini una merenda. Inoltre, nel 2020 tornano i matinée per le scuole con 'I burattini della tradizione' (scuole elementari) con Massimiliano Venturi e 'Non è obbligatorio essere eroi' (scuole medie) con Dario Criserà.
3 giorni ago 0 Continua...
 
Bagnara di Romagna. Ecco ‘Teatro merenda’: rassegna di spettacoli  per i più piccoli e le  loro famiglie.

Giovani

Bagnara di Romagna. Ecco ‘Teatro merenda’: rassegna di spettacoli per i più piccoli e le loro famiglie.

Si comincia il 17 novembre con il 'Teatrino dei piedi' in compagnia di Veronica Gonzales, artista internazionale di grandissimo successo nei teatri e in televisione, che trasformerà piedi, ginocchia e quant'altro in meravigliosi personaggi. Domenica 22 dicembre c’è lo spettacolo 'La penna di Finist, falco lucente' della Compagnia Bezoart, mentre il 12 gennaio inaugura la stagione 2020 'La gabbianella e il gatto' di Teatri Montani Palena-Guardiagrele. 'Le grandi fughe del mago Houdini' è il titolo dello spettacolo dell’associazione Mulino di Amleto Teatro, in programma il 9 febbraio. Infine, il 21 aprile ci sarà il saggio degli allievi dei corsi per elementari e medie della scuola teatro 'La Bassa'. Al termine di ogni spettacolo sarà offerta a tutti i bambini una merenda. Inoltre, nel 2020 tornano i matinée per le scuole con 'I burattini della tradizione' (scuole elementari) con Massimiliano Venturi e 'Non è obbligatorio essere eroi' (scuole medie) con Dario Criserà.
Ravenna. Riconoscimenti: Oncologia scelta per una formazione nazionale sul tumore del polmone.

Sanità & Benessere

Ravenna. Riconoscimenti: Oncologia scelta per una formazione nazionale sul tumore del polmone.

L'I.E.O. di Milano, il Policlinico 'Gemelli' di Roma, l'Ospedale 'Santa Maria delle Croci' di Ravenna: sono le tre strutture italiane selezionate da un importante provider di formazione clinica, per svolgere 'Medical Education Programme in Lung Cancer', un corso dedicato a medici chirurghi specializzati in Oncologia e Malattie dell'apparato respiratorio, che sono arrivati a Ravenna da tutta Italia, e accreditato presso la Commissione nazionale per la formazione continua in medicina del Ministero della Salute con tipologia 'Formazione sul campo'. Nel corso della formazione, che si è svolta di recente, ci sono state relazioni di vari medici e operatori dell'Ausl Romagna. Un bel riconoscimento dunque per la qualità delle cure raggiunte in Romagna e, in questo, caso, in particolare a Ravenna.
Santarcangelo d/R. Piazze e strade ricolme per la Fiera di San Martino. Sfiorate le 100 mila presenze.

Economia

Santarcangelo d/R. Piazze e strade ricolme per la Fiera di San Martino. Sfiorate le 100 mila presenze.

Iniziata con l’Anteprima di venerdì 8 novembre che ha coinvolto osterie e settori specializzati, la manifestazione ha visto un incremento costante di pubblico che ha raggiunto il suo culmine nelle giornate di sabato 9 e domenica 10 novembre, con tutti i settori operativi: dall’artigianato alle ‘luverie’, dai mercatini della solidarietà all’esposizione di attrezzature per l’agricoltura. Ottime anche le presenze registrate nella giornata di lunedì 11 novembre nonostante il tempo decisamente più incerto: non si può parlare della tradizionale estate di San Martino, quindi, ma freddo e pioggia non hanno comunque scoraggiato le visite alla manifestazione. Soddisfazione, dunque, da parte degli operatori presenti alla Fiera, alcuni dei quali hanno registrato vendite record e addirittura esaurito le scorte di prodotti prima del termine della manifestazione. Il settore enogastronomico – osterie, punti ristoro e stand di prodotti tipici – è stato ovviamente quello più apprezzato, seguito dalle bancarelle di articoli per la casa e dall’oggettistica artigianale dedicata al Natale. Molto seguiti anche gli eventi e le iniziative culturali: dal Palio della piada , che ha visto la partecipazione di numerosi giovani, alla Sagra dei cantastorie, di cui il pubblico ha particolarmente apprezzato le proposte di nuovi artisti. Bilancio positivo anche per il mercatino dei libri già letti, grazie al quale gli Amici della biblioteca hanno raccolto 710 euro che finanzieranno l’attività della Baldini. Quasi 200, invece, i contatti registrati dalla Pro Loco da sabato 9 a lunedì 11 novembre – con richieste di informazioni relative soprattutto al programma della Fiera e ai parcheggi – mentre 100 persone sono state accompagnate in visita alle grotte. Hanno superato il centinaio anche i visitatori al Museo storico archeologico in via della Costa.
Gambettola. Bicchiere Day: degustazioni e incontri con i vignaioli all’Italia. Al parco ‘Fellini’.

Gusto & Cucina

Gambettola. Bicchiere Day: degustazioni e incontri con i vignaioli all’Italia. Al parco ‘Fellini’.

L’evento annuale di degustazione organizzato da Italia nel bicchiere torna quest’anno in Romagna, ospite del locale Al Parco all’interno del parco Fellini, dove dalle ore 12 alle 21 una ventina di vignaioli di diverse regioni italiane proporranno i vini dei rispettivi territori raccontando in prima persona le scelte fatte in vigna e in cantina. Calice alla mano sarà possibile assaggiare liberamente spumanti, vini bianchi, rossi e rosé, accompagnandoli con i passatelli romagnoli del food truck ASPASSO e altre golosità territoriali per trovare gli abbinamenti migliori. Saranno presenti i vini delle seguenti cantine: Bugno Martino (San Benedetto Po, Mantova), Colletto (Adrara San Martino, Bergamo), Davide Vignato (Gambellara, Vicanza), Fattoria Ca’ Rossa (Bertinoro), Fiorano (Cossignano, Ascoli Piceno), I Clivi (Corno di Rosazzo, Udine), La Sabbiona (Faenza), La Staffa (Staffolo, Ancona), Monte Dall’Ora (San Pietro in Cariano, Verona), Pietro Torti (Montecalvo Versiggia, Pavia), Rigoloccio (Gavorrano, Grosseto), Stana (Valdobbiadene, Treviso), Tenuta Casali (Mercato Saraceno), Tenuta Diavoletto (Bertinoro), Tenuta Il plino (Cesena), Terra argillosa (Offida, Ascoli Piceno), Thomas Niedermayr (Appiano sulla strada del vino, Bolzano), Vigna Cunial (Traversetolo, Parma). A completare la galleria dei sapori al calice saranno le birre artigianali del Birrificio Marialti (Cesena) e i succhi di melograno e di frutta nutraceutica di Rio del sol (Faenza).
Casola Valsenio. Pronto il restauro conservativo del ‘Cardello’ e del ‘Mausoleo’ di Alfredo Vergani.

Moda & Bellezza

Casola Valsenio. Pronto il restauro conservativo del ‘Cardello’ e del ‘Mausoleo’ di Alfredo Vergani.

Il finanziamento regionale di 220.500 euro è pari al 70% della spesa prevista, che ammonta a 315 mila euro; al contributo regionale si è poi aggiunto uno stanziamento della fondazione Casa di Oriani, per un importo di € 95.000,00 che, aggiunti al finanziamento della Regione, consentono l’intera copertura dell’investimento. Il comune di Casola Valsenio, con il supporto dell’ufficio Gare dell’Unione della Romagna faentina, ha completato la procedura per l’appalto dei lavori, assegnati all’ Impresa generale di costruzione - Zini Elio di Imola. I lavori inizieranno entro novembre e termineranno nella primavera 2020, come da programma, in modo da riaprire il complesso monumentale al pubblico e alle attività turistico/culturali a maggio 2020.Si realizzerà così la piena fruibilità dell’immobile e dell’annesso Mausoleo e la salvaguardia e valorizzazione di uno straordinario patrimonio storico e architettonico che è elemento fondamentale dell’offerta turistico-culturale di Casola Valsenio e della Romagna faentina. E’ in corso di progettazione inoltre un intervento di manutenzione sul parco della villa del Cardello.
Mondaino. Un’altra domenica con ‘Fossa tartufo & Venere’. Dedicata ai sapori delle  colline romagnole.

Turismo & Vacanze

Mondaino. Un’altra domenica con ‘Fossa tartufo & Venere’. Dedicata ai sapori delle colline romagnole.

Grandi novità in vista in questa edizione. Per i visitatori che vogliano soddisfare i loro palati sopraffini ci saranno degustazioni curate e condotte dal gruppo Slow Food di Rimini e San Marino che prevedono la partecipazione di 25/30 persone. La sala degli Archi, inserita nella suggestiva cornice della Rocca malatestiana di Mondaino ospita nelle due giornate novembrine due laboratori della durata di un’ora e mezza circa che prevedono particolari degustazioni e non solo. Si è partiti domenica 17 con Usa il buon senso! l’educazione sensoriale per la degustazione alimentare, a cura della condotta Slow Food di Rimini e San Marino. Alle ore 10:30 i due docenti e formatori, Micaela Mazzoli e Matteo Monti, hanno suggerito come mangiare meglio grazie ai cinque sensi. Infatti, mangiare e bere nella piena consapevolezza di ogni morso e sorso, coniuga l’utilizzo di tutti e cinque i sensi, il cibo nelle giuste porzioni, la qualità degli alimenti e di conseguenza il benessere. L’incontro voleva essere un’introduzione alla filosofia dei sensi, una scoperta comparativa tra le stimolazioni chimiche e la genuinità autentica di tradizioni gastronomiche, oltre ad essere un’occasione per un contatto diretto con gli odori delle piante, i sapori della frutta e i sapori piacevoli della terra. Questo laboratorio è adatto a tutti e prevede un costo di euro 5,00 (gratuito per i bambini) e una prenotazione (cell. 347.0369381). Domenica 24, invece, sempre alle ore 10:30 sarà la volta di Come un luppolo nel formaggio degustazione guidata dal dott. Carlo Cleri di birre pensate per un abbinamento al formaggio di fossa, sempre a cura della condotta Slow food di Rimini e San Marino. Anche qui il costo è di 5,00 euro ed è richiesta la prenotazione (cell. 331.5773082). Per chi vorrà appagare la sua anima curiosa potrà seguire le interessanti conferenze presso la sala del Durantino, che si trova all’interno della Rocca malatestiana, oppure seguire le visite guidate di musei che verranno aperti per l’occasione. In tutto questo non mancheranno spettacoli, concerti, buon cibo, buon vino e artigianato di qualità. Il divertimento sarà all’ordine del giorno. Avanti così, per una domenica ancora!
Non solo sport. Sarri vs Conte, a ritmi europei. Ora Sala fa le ‘pulci’ ai due   ‘meravigliosi ‘ progetti su San Siro.

Sport

Non solo sport. Sarri vs Conte, a ritmi europei. Ora Sala fa le ‘pulci’ ai due ‘meravigliosi ‘ progetti su San Siro.

Un weekend dove tutto ( o quasi) era concentrato sulle Finals di tennis ( con il nostro Berrettini) e sul calcio ( con il dodicesimo turno di Campionato). Il nostro non ce l'ha fatta contro Djoko, proverà contro Federer. Intanto fa esperienza, matura. Visto che a 23 anni di pagnotte per crescere ne può mangiare tante e senza abbuffarsi. Semmai Sinner, il diciottenne altoatesino, è riuscito ad incantare Milano e ad aggiudicarsi il Next Gen, il ' mondialino' giovani. Passando al calcio, al nostro torneo da più parti ridimensionato, abbiamo avuto modo di non condividere ( ancora una volta) il sacro parere di soloni, e urloni, che ci vorrebbero vedere sempre in minorità rispetto a questo o a quello. A noi, francamente, pare di vedere i nostri correre all'uopo. Con partite avvincenti quanto e più della Premier. Forse è in Champions ( e Coppe) che la differenza di 'intensità' diventa macroscopica anche perchè ( tuttora) non è stata fatta chiarezza su quel che mangiano da noi e nell'Altrove, se dolce bresaola di Valtellina o salato stoccafisso dei mari del Nord, per correre ( nei 3o' finali) come cavalli indiani all'assalto di fort Apache. E comunque, ha dovuto tribolare la Beneamata che è riuscita a strappare il bottino pieno all'Hellas Verona solo e soltanto grazie ad una prodezza del Barella. Non se la passa bene il sor Carletto, che tra presidente vulcanico e giovinastri in ammutinamento per via dei rinnovi, non è riuscito ad andare oltre ad un anonimo 0-0 contro il Genoa del buon Thiago. E' tornato finalmente alla vittoria ( incassando gol) quel piangina dell' Inzaghino; non ce l'ha fatta invece la Roma del buon Fonseca, che a Parma ha dovuto lasciare l'imbattibilità esterna. Parma,sì, una di quelle 'minori', tanto bistrattate dai soloni nei loro confronti coi tornei d'Oltralpe, e che, invece, gioca bene, con ritmo, e acutezza di soluzioni. Ancora a capo chino esce dallo Stadium il Milan del buon Pioli, battuto sul finire da una prodezza del Dybala. Per lui, ora, si fa spazio nella pagina di destra, quella da non prendere alla leggera, perchè finire inghiottiti nel vortice della retrocessione ci vuol niente. Se ben rammenta, gli è già capitato, molti anni fa. Del resto poco o nulla lo rassicurano le esternazioni di quel bravo ragazzo del Maldo che se bandiera in campo era altrettanto non sa esserlo dietro una scrivania. Dire che se vede che le cose non vanno come si aspetta in tempi ( relativamente) brevi, può telar via, non è il massimo della responsabilità. O meglio della dedizione in un frangente ( davvero) difficile di una società che vanta ' immortali'. Cattive nuove a Milano arrivano anche sul tema stadio. I 'fenomeni' della politica, sindaco Sala in testa, hanno pensato bene di dare un sì vincolato a Milan e Inter. Lor signori vorrebbero meno edifici e salvare il vecchio San Siro. Sulla questione edifici, senza chiedere la luna nel pozzo, si può discutere, anche perchè rivitalizzare quella zona di Milano sarebbe urgente e non secondario; per quel che riguarda invece la salvezza del vetusto monumento, col cuore vorremmo tanto associarci, ma con un minimo di ragionamento appare evidente che il desiderata è di quelli ( ormai) fuori dal mondo. Infatti: come, quando e con quali costi verrebbe ' salvato' ? All'esborso, eventuale, chi provvederebbe Sala e soldi pubblici o chi altri? Inoltre a che potrebbe servire un impianto di tal dimensioni, forse ad ospitare (solo) incontri di calcio femminile e giovanile ? Signor Sala, crede davvero che ciò sia la destinazione ottimale per il (restante) futuro di tale prestigioso irripetibile manufatto sportivo? Importante, però, è non tirar ora troppo la corda, da politici o politicanti qual dir si voglia, perchè se i Club dirottassero su Sesto non avrebbero di certo danno quanto invece ne avrebbe Milano, e ( nell'ispecie) la strategica, vasta e ( abbandonata?) zona San Siro.
Cesena. E45, chiusa via Zavalloni. Il sindaco Lattuca: ‘Non più rinviabile il tavolo di confronto con Anas’.

Ambiente & Animali

Cesena. E45, chiusa via Zavalloni. Il sindaco Lattuca: ‘Non più rinviabile il tavolo di confronto con Anas’.

Alcune lastre del fondo stradale del cavalcavia dell’E45 che attraversa la via Zavalloni hanno ceduto provocando non poco timore. La via Zavalloni è rimasta chiusa al transito dei veicoli per una settimana al fine di consentire i lavori di ripristino. 'Dopo i fatti avvenuti – ha commentato il sindaco e presidente dell’Unione comuni Valle del Savio Enzo Lattuca – ho rinnovato ad Anas la richiesta di un incontro già avanzata il 24 ottobre scorso insieme ai sindaci dei comuni dell’Unione Valle del Savio al fine di avviare un confronto, non più rinviabile, sullo stato di salute dell’E45 nel suo tratto tra Verghereto e Cesena. Diventa ormai urgente, infatti, l’istituzione di un tavolo permanente attorno al quale dovranno sedere Anas, Province e Comuni interessati per monitorare costantemente le condizioni di un’arteria di comunicazione necessaria ed essenziale per la viabilità locale'.
Faenza. Inaugurato da Bonaccini il nuovo Pronto soccorso. Con un chiaro riferimento di Distretto.

Diritto

Faenza. Inaugurato da Bonaccini il nuovo Pronto soccorso. Con un chiaro riferimento di Distretto.

Inquadramento generale L’Ospedale di Faenza rappresenta il riferimento del Distretto composto da sei Comuni e che conta una popolazione residente di 88.964 persone. L’Ospedale è dotato di 221 posti letto di degenza ordinaria, 6 di day surgery e 5 di day hospital, distribuiti nelle seguenti funzioni: per l’area intensivologica - funzioni di: Rianimazione, Medicina d’urgenza, UTIC; per l’area medica - funzioni di: Medicina interna, Geriatria, Neurologia, Cardiologia, Lungodegenza e Post-Acuti a gestione infermieristica, Oncologia DH, Pediatria DH; per l’area chirurgica - funzioni di : Chirurgia generale, Urologia, ORL, Ortopedia, Chirurgia Sistema Nervoso Periferico, Oculistica, Ostetricia e Ginecologia. Sono inoltre presenti servizi di Radiologia convenzionale; Tomografia assiale computerizzata; Risonanza Magnetica; Mammografia; Ecografia (Angiologia-Cardiologia-Internistica-Ostetrica-Ginecologica-Pediatrica); Punto prelievi; Laboratorio analisi per i settori di chimica clinica ed ematologia; Servizio di Medicina nucleare; Gastroenterologia (Endoscopia digestiva); Trasfusionale; Unità di raccolta sangue.
Bellaria Igea Marina. Parco del Comune: riqualificazione con area per cani e videosorveglianza.

Web & Tech

Bellaria Igea Marina. Parco del Comune: riqualificazione con area per cani e videosorveglianza.

Sono cominciati i lavori, con la ‘perimetrazione’ delle prime zone di intervento. Lavori il cui obiettivo, come ha avuto modo di spiegare il primo cittadino 'è quello di migliorare ulteriormente la vivibilità, la fruibilità ed anche la sicurezza della zona, tenendo conto che questo polmone verde del centro di Bellaria è molto frequentato da giovanissimi, famiglie, mamme con bambini e padroni in compagnia dei propri cani. Abbiamo voluto pensare a loro ed in particolare ai ragazzi che numerosissimi affollano la zona del parco soprattutto il pomeriggio, concependo un’area che sia luogo di sport, condivisione e socializzazione sana'. Il nuovo playground, in particolare, avrà dimensioni di 26 per 13 metri ed accoglierà un campo da calcio a 5 e da basket, tracciati sulla stessa superficie; uno spazio in cui è intenzione dell’Amministrazione anche organizzare attività interculturali e di animazione. A questo si uniranno la sistemazione generale degli arredi e dei viali, l’installazione di due telecamere di sicurezza con sistema di registrazione e la creazione di un’area sgambamento per cani in corrispondenza della piccola pineta di fianco al Comune: residenza comunale impreziosita proprio in questi giorni dalle nuove bandiere issate all’ingresso, in luogo di quelle vecchie ed ormai consunte.
Ravenna. Riconoscimenti: Oncologia scelta per una formazione nazionale sul tumore del polmone.

Volontariato

Ravenna. Riconoscimenti: Oncologia scelta per una formazione nazionale sul tumore del polmone.

L'I.E.O. di Milano, il Policlinico 'Gemelli' di Roma, l'Ospedale 'Santa Maria delle Croci' di Ravenna: sono le tre strutture italiane selezionate da un importante provider di formazione clinica, per svolgere 'Medical Education Programme in Lung Cancer', un corso dedicato a medici chirurghi specializzati in Oncologia e Malattie dell'apparato respiratorio, che sono arrivati a Ravenna da tutta Italia, e accreditato presso la Commissione nazionale per la formazione continua in medicina del Ministero della Salute con tipologia 'Formazione sul campo'. Nel corso della formazione, che si è svolta di recente, ci sono state relazioni di vari medici e operatori dell'Ausl Romagna. Un bel riconoscimento dunque per la qualità delle cure raggiunte in Romagna e, in questo, caso, in particolare a Ravenna.