Porta a porta nel centro storico di Santarcangelo:togliamo tutti i cassonetti.

14 aprile 2011 0 commenti
Porta a porta nel centro storico di Santarcangelo:togliamo tutti i cassonetti.
Porta a porta nel centro storico di Santarcangelo:togliamo tutti i cassonetti.

Circa 300 le utenze interessate, frequenti i passaggi per il ritiro dell’indifferenziato e dei materiali riciclabili.

SANTARCANGELO DI R. Sono sette le isole ecologiche che verranno eliminate nel centro storico alto dove la Giunta comunale intende sperimentare il sistema di raccolta rifiuti porta a porta. Dopo gli ottimi risultati raggiunti nella raccolta differenziata in seguito all’introduzione del sistema e-gate che nell’arco di un anno ha fatto salire la raccolta differenziata al 71 per cento del totale dei rifiuti prodotti (ponendo Santarcangelo, assieme a Poggio Berni, al primo posto fra i Comuni della Provincia di Rimini per raccolta differenziata), adesso l’Amministrazione comunale ha valutato di poter sperimentare, per motivi unicamente legati alla necessità di tutelare l’aspetto architettonico della parte vecchia della città costituita da piccole contrade e piazzette, il sistema di raccolta porta a porta.
PORTA A PORTA: UNA SOLUZIONE PER LIBERARE IL CENTRO STORICO. Infatti, come anticipato dal sindaco Mauro Morri in Consiglio comunale, l’obiettivo è quello di liberare la parte storica della città dai cassonetti per la raccolta dei materiali riciclabili e dei contenitori con l’e-gate per i rifiuti indifferenziati. L’area interessata dalla raccolta porta a porta va da via Cesare Battisti e via Ruggeri fino a  comprendere l’intero centro storico racchiuso dalle mura medievali (da via Beato Malatesta fino a via Mura Marini) dove sono presenti 246 utenze domestiche e altre 47 utenze relative ad attività (esercizi pubblici, negozi, uffici, ecc.).
Il nuovo sistema di raccolta prevede che tutte le utenze siano fornite di appositi contenitori che saranno ritirati in giorni prefissati con passaggi piuttosto frequenti. L’indifferenziato sarà raccolto due volte a settimana, al pari degli imballaggi domestici (come la plastica), mentre per l’organico i passaggi settimanali saranno tre. Un ritiro a settimana è previsto per la carta e uno ogni 15 giorni per il vetro in inverno e uno a settimana in estate. Per le attività di ristorazione e gli esercizi pubblici i passaggi saranno più frequenti.
IL COSTO DELL'OPERAZIONE.Quanto ai costi, la spesa complessiva annua sarà di circa 74.000 euro a fronte di una spesa attuale di circa 34.000 euro. Il che significa che l’introduzione del sistema di raccolta porta a porta nel centro aumenterà i costi per circa 40.000 euro a cui vanno aggiunti poco più di 19.000 euro per l’acquisto e la consegna dei contenitori a tutte le utenze.
E sempre come anticipato dal sindaco Mauro Morri al Consiglio comunale, se vi saranno le condizioni per attivare fin dall’estate il sistema di raccolta porta a porta nel centro storico alto, la Giunta farà in modo di ricomprendere i maggiori costi nell’ambito del bilancio corrente, quindi senza nessun aumento della tassa rifiuti che nel 2011, come noto, è rimasta inalterata rispetto all’anno precedente.
Nell'immagine, una veduta dal centro storico di Santarcangelo.

Articoli più letti