Nuovo presidente per Bagnacavallo. Perla Micheli succede a Zanelli in Consiglio comunale.

Nuovo presidente per Bagnacavallo. Perla Micheli succede a Zanelli in Consiglio comunale.
Perla Micheli

BAGNACAVALLO. Perla Micheli succede come nuovo presidente del Consiglio comunale di Bagnacavallo ad Alfeo Zanelli, la cui nomina ad assessore ha comportato l’automatica decadenza dal Consiglio comunale. Perla Micheli è stata eletta nella seduta di giovedì 1 settembre con dieci voti di preferenza e un’astensione.
PERLA MICHELI. Trentenne, bancaria, con una laurea specialistica in economia e diritto, dal 2004 al 2009 e poi nuovamente dal 28 aprile di quest’anno consigliere comunale a Bagnacavallo nelle file del Pd, Perla Micheli è stata consigliere con delega al bilancio sociale a Bagnacavallo e capogruppo Pd nel Consiglio dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna tra il 2008 e il 2009.
Il sindaco Laura Rossi ha ringraziato Alfeo Zanelli per l’impegno profuso e gli importanti obiettivi raggiunti dal Consiglio comunale nel corso della sua presidenza. Ha inoltre augurato buon lavoro allo stesso Zanelli come assessore e al nuovo presidente del Consiglio comunale, Perla Micheli.

DISCUSSIONE IN CONSIGLIO. I gruppi Lega Nord-Pdl, Bagnacavallo Insieme e Uniti per Bagnacavallo non hanno preso parte alla votazione per protesta contro la scelta di sostituire con un altro assessore Eleonora Proni, vicesindaco e assessore alla pianificazione e gestione del territorio e ai lavori pubblici, chiamata a ricoprire l’incarico di assessore provinciale.
Il sindaco Laura Rossi ha definito molto grave e strumentale la scelta dei gruppi di minoranza di non partecipare al voto. «Il Consiglio comunale infatti era chiamato a eleggere il suo nuovo presidente – ha precisato Laura Rossi – mentre la nomina di un assessore è competenza del sindaco
Nel merito della questione posta dai gruppi di minoranza, il sindaco ha ribadito poi che «non si è trattato della nomina di un assessore in più ma della semplice sostituzione di un amministratore che ha assunto altri impegni. Per quanto riguarda il numero degli assessori, già con l’inizio di questa legislatura a Bagnacavallo abbiamo ridotto di una unità i componenti della Giunta comunale, che con la recente sostituzione restano complessivamente sei come in precedenza. Siamo ben consapevoli della situazione di crisi che il Paese sta attraversando e della necessità di un uso sempre più oculato delle risorse pubbliche. Come enti locali stiamo facendo la nostra parte per ridurre le spese, ma ciò non deve andare a discapito del funzionamento degli organi istituzionali, strumenti indispensabili per la nostra democrazia. I Comuni infatti – ha aggiunto il sindaco – sono il primo e principale spazio e strumento di partecipazione dei cittadini alle scelte che riguardano la comunità e gli assessori e i consiglieri comunali svolgono un ruolo importante per consentire e favorire il massimo coinvolgimento possibile dei cittadini in tutto ciò che riguarda il governo del territorio. Per questi motivi non ho ritenuto opportuno apportare ulteriori riduzioni al numero degli assessori comunali»

ALTRI PUNTI IN CONSIGLIO. Oltre all’insediamento ufficiale del nuovo presidente, nel corso della seduta c’è stato l’avvicendamento sugli scranni del Consiglio tra Zanelli e Alessandro Martoni. Martoni, candidato come indipendente nelle liste Pd alle elezioni comunali del giugno 2009, bagnacavallese di nascita, ha 33 anni e lavora come storico dell’arte presso la Fondazione Giorgio Cini di Venezia. Martoni è stato poi eletto componente della Commissione Bilancio e Programmazione.

Ti potrebbe interessare anche...