E’ una idea ‘naturale’ e per questo ‘invitante’. A proporla è la coop Orticolti.

E’ una idea ‘naturale’ e per questo ‘invitante’. A proporla è la coop Orticolti.
orto 0648

ADOTTA UN PEZZO DI TERRA. Una idea ‘naturale’ e per questo ‘invitante’. A proporla è la cooperativa Orticolti, con sede legale in via A.Costa a Santarcangelo. “ Abbiamo cercato di ristabilire il collegamento antico con la terra – spiegano alla Cooperativa sociale -, per recuperare sensazioni ed esperienze che possano arricchire e sensibilizzare. Le stagioni, i cicli lunari, la rugiada mattutina, le lunghe ombre dei gelsi al tramonto, non diventano altro che ‘immagini’ intinte del sentimento profondo dell’esistenza”. In questo senso Orticolti è un luogo dove si trovano gli strumenti con cui vivere questo rapporto con la terra.
Ma c’è dell’altro. Magari un po’ più prosaico e comunque indispensabile. Riguarda la serie di attività che possono essere svolte. Tra momenti di lavoro e momenti didattici. Le serre produttive e la serra per la vendita garantiscono la presenza di personale qualificato e di servizi d’assistenza. La grande pezzatura di terreno agricolo gestito dalla Orticolti consente la disponibilità di 400 orti da 25 mq, con tre serre da 400 mq ciascuna, parcheggio e serra telonata per deposito automezzi. Nucleo essenziale della proposta sono gli orti a produzione e gli orti in adozione. Fondamentale è la loro diversità.
I primi sono quella parte di orti non ‘adottati dai singoli privati’ ma che vengono coltivati per accogliere ortaggi da vendere in sede o pronti per essere trasformati in conserve o in ‘delizie’ in barattolo. I secondi, invece, rappresentano la vera e propria novità della proposta. E’ qui, infatti, che si tocca con mano il contatto con la terra, con i suoi ritmi e le sue pulsazioni. E’ qui che ci si può raccogliere in se stessi e dedicarsi ad una attività continuata e non soltanto fisica. Con scambio di esperienze, osservazioni e momenti di contemplazione.

I tagli disponibili per gli orti in adozione si basano su multipli di 25mq. L’appezzamento più piccolo, lo Small, grande quanto due posti auto, è ideale per un nucleo di due persone. Allo Small, fanno seguito il Medium ( 50mq) e il Large ( 75mq). Per ‘affittare’ il primo occorrono 40 euro mensili, il secondo 75, il terzo 108. Quello che si può ricavare dagli appezzamenti è incredibile. Prendiamo, ad esempio, il periodo primavera-estate. Ebbene un orto da 25mq, può contenere in questi mesi colture di pomodoro (15/20 piante, per 24/30 kg di merce); melanzana/peperone/peperoncino ( 3 piante, 5/6 kg), cetriolo/zucchine( 6 piante, 9/10kg per tipo), piante aromatiche/sedano/prezzemolo/basilico ed erba cipollina ( 1kg circa), lattuga da taglio( 6kg circa), cicoria( da 4 a 7kg), bietola( 6kg), fagiolino( 3/5kg). Ma, questo, è solo un esempio. Altre opzioni sono ancor più allettanti. Comunque tutti parto d’una idea insolita, dalle tante implicazioni e novità. Quindi da approfondire.
Intanto le adesioni fioccano. In questo senso, la cooperativa sociale Orticolti invita prenotare quanto prima l’orto in adozione coltivato con metodi dell’agricoltura biologica nella propria sede, in via Colombarone, a Santarcangelo d/R ( 339/1069283).

Ti potrebbe interessare anche...