I libri: cura o malattia? Rimini apre ‘un’indagine’.

I libri: cura o malattia? Rimini apre ‘un’indagine’.
Rella 2.

RIMINI. Ad inaugurare la terza edizione della “Biblioterapia. Come curarsi (o ammalarsi) coi libri” sabato 15 ottobre sarà Franco Rella, già autore del libro Figure del male, da cui il ciclo di conversazioni promosso dalla Biblioteca Gambalunga prende il titolo quest’anno. Filosofo e docente di Estetica presso la Facoltà di Design e Arti dello IUAV Venezia, Franco Rella è un esploratore di percorsi e Interstizi (come da titolo del suo ultimo libro) fra filosofia e arte, alla ricerca di nuove aperture di senso in risposta all’apatia del pensiero, ai suoi limiti conoscitivi. Come affrontare un tema vasto e indicibile come il male, come mettere “in trama” i vari punti di vista che inevitabilmente si presentano di fronte a questo problema? Il male è vissuto come sofferenza, come malvagità, certo, ma questo non basta. È necessario tener presente come diversamente queste dimensioni sono vissute e comprese a seconda delle diverse opzioni etiche e intellettuali che sono via via in gioco. Il filosofo cerca di interrogare l’orrore di Auschwitz, e il male più sottile della noia, per calarsi poi in quello che Montale chiama “il male di vivere”, quello che avvertiamo quasi ad ogni respiro mentre procediamo nel mondo e nelle nostre relazioni o quando, invece, entra in noi, nei nostri labirinti interiori. A leggere pagine scelte da Figure del male saranno Giorgia Bondi, Matteo Castellucci, Luca Di Gregorio.

FRANCO RELLA. Franco Rella, filosofo e docente di Estetica presso la Facoltà di Design e Arti dello IUAV Venezia, è stato coordinatore del Comitato scientifico MART, Museo d’arte moderna di Trento e Rovereto, ha collaborato a mostre e curato convegni presso Istituzioni, Gallerie private e Fondazioni. Ha collaborato al progetto “Anversa: capitale europea della cultura 1993″. Ha diretto collane editoriali (Bertani, Feltrinelli, Cluva, Pendragon) è stato redattore o ha collaborato a numerose riviste, tra cui, con particolare interesse all’architettura, Casabella, Lotus, Assemblage, Substance, Utopica. È autore di numerosi saggi, tradotti in più lingue, ed ha curato varie edizioni italiane di classici del pensiero, dell’arte e della letteratura. Fra le sue pubblicazioni recenti: Figure del male (Feltrinelli, 2002), Scritture estreme. Proust e Kafka (Feltrinelli, 2005), L’enigma della bellezza, (Feltrinelli, 2006), Micrologie. Territori di confine (Fazi, 2007), La responsabilità del pensiero. Il nichilismo e i soggetti, (Garzanti, Milano 2009), Soglie. L’esperienza del pensiero (Anterem, 2011 Premio Montano 2011), Interstizi tra arte e filosofia (Garzanti, 2011).

ISCRIZIONI. La partecipazione è vincolata all’iscrizione a “Biblioterapia. Come curarsi (o ammalarsi) coi libri” (6 conversazioni e spettacolo-concerto Per voce e ombra, al costo di 32 €,) o alla singola conversazione (5 €). Il singolo biglietto potrà essere acquistato in prevendita presso la Biblioteca civica Gambalunga o il giorno della conferenza presso il Museo della Città. Per informazioni e iscrizioni al ciclo di conferenze: Tel. 0541704486 – gambalunghiana@comune.rimini.it

 

Ti potrebbe interessare anche...

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale