Cesenatico. Un riconoscimento per il prof Rinaldi, presidente del Centro ricerche marine.

Cesenatico. Un riconoscimento per il prof  Rinaldi, presidente del Centro ricerche marine.
Buda e Rinaldi 50

CESENATICO& MARE ADRIATICO. Personaggi della Città. Il comune di Cesenatico, attraverso l’Amministrazione guidata dal sindaco Roberto Buda e per impulso dell’assessore alla Pesca Mauro Bernieri, ha  ringraziato  il prof. Attilio Rinaldi per il lavoro ultra decennale svolto a Cesenatico con il battello oceanografico ‘Daphne’ della regione Emilia Romagna e con il Centro di Ricerche Marine di Cesenatico in  favore della conoscenza e della difesa del  mare Adriatico.
Attilio Rinaldi, dalla scorsa estate,  è andato in pensione dalla struttura del battello ‘Daphne, ma continua il suo lavoro a Cesenatico in qualità di presidente del Centro Ricerche Marine. Per questo motivo, come segno di stima e apprezzamento per il lavoro svolto, e della volontà di proseguire la collaborazione, l’Amministrazione ha incontrato Attilio Rinaldi nella sede del Museo della Marineria.
“Ringrazio Rinaldi – ha detto il sindaco Buda – per il lavoro svolto sinora e sono certo che la sua collaborazione sarà proficua anche in futuro. L’ambito scientifico è importante per la nostra Comunità e, personalmente, lo ritengo fondamentale per conoscere ed avere gli strumenti per compiere i passi giusti”.  Per l’assessore Mauro Bernieri,  inoltre: “Questo riconoscimento è importante e lo considero un premio a tutti i collaboratori della Daphne e del Centro Ricerche Marine. Mi preme infatti qui ricordare anche il primo comandante della Daphne, Mino Casali, i suoi successori Vittorio Pagan e Tino Pagan, il motorista Marco Papperini e il biologo Giuseppe Montanari con cui ho iniziato questa avventura nel1977”. A Rinaldi è stata donata, nella festosa circostanza,  un’opera della ceramista forlivese di origine greca Angeliki Drossaki, specializzata in scene marine, che ha come soggetto – e non poteva essere diversamente – dei pesci.

SCHEDA/CHI E’ ATTILIO RINALDI. Attilio Rinaldi, laureato in Scienze Biologiche all’Università di Bologna, è uno dei biologi marini più accreditati in ambito internazionale. Dal1977 hainiziato a collaborare con la struttura regionale del battello oceanografico ‘Daphne’, della quale nel 1994 è diventato Direttore dopo esserne stato a lungo coordinatore. Dal 1994 al 1997 è stato Coordinatore del Centro Ricerche Marine di Cesenatico. Nel 1997 viene nominato presidente della Fondazione Cervia Ambiente (ruolo che tuttora ricopre), mentre dal 1997 al2002 haricoperto l’incarico di Direttore Generale dell’ICRAM (Istituto Centrale di Ricerca Applicata al Mare – ICRAM – Ente pubblico di ricerca con valenza mediterranea vigilato dal Ministero dell’Ambiente).

Nel 2006 è stato nominato presidente del Centro Ricerche Marine di Cesenatico.Numerosi i riconoscimenti ricevuti: tra questi nel 2000 gli viene attribuito il prestigioso ‘Tridente d’oro‘, assegnato dall’Accademia Internazionale di Studi e Attività Subacquee di Ustica per i meriti acquisiti nel campo delle attività subacquee applicate alla biologia marina.È iscritto a varie associazioni scientifiche, tra le quali la S.I.B.M. (Società Italiana di Biologia Marina), l’Accademia Internazionale di Scienze e Attività Subacquee di Ustica, il C.I.E.S.M (Commission internationale pour l’exploration scientifique de la Mediterranée – Principato di Monaco. Ha inoltre fatto parte di 13 tra Comitati, Gruppi di lavoro e Commissioni nazionali e internazionali su temi inerenti il mare e la tutela delle sue risorse.Rinaldi ha al suo attivo 82 pubblicazioni scientifiche, 25 rapporti tecnici, 3 quaderni scientifici, 4 libri, tra i quali i recenti Atlante della fauna e della flora del sistema marino costiero dell’Emilia Romagna, Guida al riconoscimento della fauna e della flora nel sistema marino costiero dell’Emilia Romagna.

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...