Dibattito. Ecco le 100 proposte per il WikiPd.

Dibattito. Ecco le 100 proposte per il WikiPd.
Big Bang Renzi Zoffoli. Immagine di repertorio

DIBATTITO POLITICO. Damiano Zoffoli, esponente di spicco del Pd regionale, ex sindaco di Cesenatico, ha aderito al progetto Renzi. Alla fine della tre giorni alla stazione Leopolda ha condiviso  un documento. Stringato, ma molto puntuale e mirato. ” E’ questo un documento – ha poi commentato Zoffoli – che non ha la pretesa di essere conclusivo ma, anzi, ‘è a disposizione di tutti per essere discusso, rielaborato e anche rivisto completamente da chiunque abbia voglia di contribuire’.  Le 100 proposte declinano i 5 temi scelti nella fase preparatoria dell’evento: 1. RIFORMARE LA POLITICA E LE ISTITUZIONI; 2. FAR TORNARE I CONTI PER RILANCIARE LA CRESCITA; 3. GREEN, DIGITAL, CULTURA E TERRITORIO: LE NUOVE LEVE DELLO SVILUPPO; 4. DARE UN FUTURO A TUTTI; 5. PER UNA SOCIETÀ SOLIDA E SOLIDALE”.

L’INTERVISTA. In questi giorni Damiano Zoffoli ha anche commentato con la stampa l’esperienza fiorentina. 

Cosa ho trovato di diverso dagli alti appuntamenti del Pd? Intanto, che  Berlusconi è stato citato tre volte in tre giorni, durante 150 interventi. Il segno che, per noi, Berlusconi è il passato e che guardiamo avanti.

” Se lo vogliamo mandare a casa? Certo, ma costruendo una fase nuova. Cioè mettendo in campo idee nuove e uomini liberi. Il tema della società di oggi è che mancano uomini liberi. Serve libertà di azione, coraggio, concretezza e responsabilità. Io metterei al centro proprio la responsabilità, che vuol dire assumersi degli impegni e dare delle risposte a fronte di questi.

Abbiamo  elaborato cento proposte, senza una parola sul tema delle alleanze? Il Pd è nato per cambiare l’Italia, al centro ci devono essere gli italiani e il Paese nuovo che vogliamo. Quando si parla di alleanze io penso alle alleanze con la società, alla capacità di interloquire con queste energie. Non limitiamoci a Vendola e Di Pietro, a chi ha combattuto Berlusconi, e purtroppo ha perso, ma è ancora lì. Credo che il punto sia rivolgersi a quel cinquanta per cento di italiani che non votano o che sono sfiduciati dalla politica, di destra e di sinistra.

” Vuol sapere se stiamo rincorrendo  Beppe Grillo? No, di certo, da noi niente demagogia e solo proposte concrete. Idee per come approcciare il futuro. Del resto siamo passati da una fase di partecipazione, di voler esserci, all’individuare una prospettiva di cambiamento. Le famose cento idee che stanno facendo tanto discutere. Sono un contributo aperto importante. Abbiamo detto: piuttosto che preoccuparci di cosa ha fatto Berlusconi alla notte, preoccupiamoci di cosa non fatto di giorno. Berlusconi ha fallito perché ha promesso una rivoluzione liberale e ha fatto l’esatto contrario.

Se corriamo il pericolo di diventare una corrente del Pd? Non c’è nessuna volontà di fare correnti. Le nostre sono idee per allargare il perimetro tradizionale del centrosinistra. D’altronde questa era l’ispirazione originale del Pd: i partiti precedenti avevano riconosciuto i limiti verso il cambiamento, il Pd doveva essere un partito coraggioso, che rompesse gli schemi tradizionali”.

Mi chiede se l sindaco di Firenze dovrebbe candidarsi alle primarie? Quando sarà il momento non farebbe male a presentarsi. La politica spesso è fatta di tatticismi, Renzi ha dimostrato di saper rischiare per vincere e interpretare le nuove sfide”.  Damiano Zoffoli ha intrapreso una strada. Conoscendolo, andrà fino in fondo. Infatti a Roma ci sarà. Per lui ora si tratta ‘ di vincere, convincere e governare’. Pensando soprattutto al domani. O al dopo Berlusconi.

Ti potrebbe interessare anche...