Voto sul rendiconto alla Camera. L’attesa di Berlusconi, l’Italia e il mondo

Voto sul rendiconto alla Camera. L’attesa di Berlusconi, l’Italia e il mondo
Parlamento italiano, foto di repertorio

ATTESA ITALIANA? Oggi è una giornata di attesa tutta italiana, o forse no, anzi, decisamente no. Non è solo l’Italia ad aspettare con trepidazione il voto di oggi, aspetta anche l’Europa e sicuramente gli Stati Uniti, e non solo. Nel XXI secolo situazioni politiche ed economiche di questa portata viaggiano interconnesse.

Allora, Silvio Berlusconi attende l’esito del voto sul rendiconto alla Camera per decidere il passo da fare. Passo che molti sperano sia all’indietro, altri confidano invece in un “miracoloso triplo salto in avanti” oltre gli ostacoli. Sia che resti, sia che vada, il “bello” viene comunque dopo: quali passi farà l’Italia per salvarsi e rientrare in carreggiata con l’Europa e mantenere gli impegni presi? E quella europea è una carreggiata sicura? Tanti gli interrogativi ma bisogna fare un passo alla volta. Oggi in Italia se ne fa uno decisivo e staremo a vedere.

L’intenzione del premier e’ quella di ascoltare la Lega e riconvocare lo stato maggiore del Pdl per prendere la decisione finale. E’ quanto emerso dal vertice del Pdl a Palazzo Grazioli. Questa notte a Palazzo Grazioli sono stati esaminati diversi scenari: nel caso ci fossero i numeri, Berlusconi ribadira’ l’intenzione di andare avanti, se invece i numeri non ci saranno, al momento la strada più “gettonata” pare essere – almeno secondo la volontà espressa dalla maggioranza – quella delle elezioni anticipate. E su tutto questa aleggia sempre la “minaccia” Lega Nord che solo poche ore fa aveva chiesto a Silvio Berlusconi di fare un passo indietro.

 

 

Ti potrebbe interessare anche...