Maggioranza dissolta. Berlusconi: andrò da Napolitano.

Maggioranza dissolta. Berlusconi: andrò da Napolitano.
Tremonti e Berlusconi. Immagine di repertorio.

ORA AL VOTO? La notizia, in breve, è questa. Ieri, sul voto relativo al Rendiconto dello Stato il governo ha ottenuto solo 308 sì, lontani dai 316 necessari per avere la maggioranza. Sembra a questo punto che Berlusconi prendendo atto della mutata situazione politica e parlamentare si sia recato dal Capo dello Stato annunciando che, dopo l’approvazione della Legge di Stabilità, rassegnerà le dimissioni.

E’ noto che solo dopo le dimissioni, il Capo dello Stato potrà procedere alle consultazioni per valutare le soluzioni possibili. Che, al momento, sembrano queste: o ritrovare una soluzione parlamentare o ritornare alle urne. I commenti alla votazione sono molteplici. E anche abbastanza differenziati, a conferma di un quadro politico non chiarito. Per Bersani ‘ Ora si vada verso una nuova fase’. Di Pietro, preoccupato dice “ La Legge di stabilità contiene misure di macelleria sociale, con effetti iniqui e dannosi”.Berlusconi parla invece di ‘traditori’. Sembra ne avesse preso atto già durante le votazioni. Appuntandole su un suo taccuino privato, con in alto ben in evidenza: “ 308, -8 traditori”.

A Bossi è stato chiesto come andrà a finire? Il Senatur, entrando in auto diretto a palazzo Grazioli, avrebbe risposto “ Fategli intervistare il Presidente”. Come dire: chiedetelo a Napolitano.Nella folla di commenti, registriamo anche quello del commissario UE Rhen “ In Italia, situazione drammatica. E’ esseziale il rafforzamento della stabilità politica, per ripristinar la fiducia”. Sull’orme i quanto accaduto in Spagna, altra grande ( e non unica) ‘malata’ del contesto politico ed economico europeo?

 

Ti potrebbe interessare anche...