Leggere i giornali. Per chi non ha molto tempo di farlo.

18 novembre 2011 0 commenti
Leggere i giornali. Per chi non ha molto tempo di farlo.
giornali 2

LEGGERE IL GIORNALE. Torniamo, settimanalmente, al giovedì, a rileggere i giornali. Per una ‘infarinata’ come dicono in molti, anche perché impossibilitati a dedicare – per ragioni diverse – il giusto tempo ad una sistematica lettura quotidiana. Prendiamo ovviamente argomenti o fatti che, di solito, non s’esauriscono in pochi giorni. Durano. Ed è su questi che cerchiamo di mantenere, si a pure in sintesi, un costante aggiornamento. Per coloro che non hanno tanto tempo per i giornali.

• IL GOVERNO MONTI. Sul tema, urgente, ci dedichiamo giorno dopo giorno in altre pagine del giornale. Il prof Monti, dopo avere organizzato una squadra di super tecnici, oggi ( stamane, venerdì 18) ) punta alla fiducia definitiva alla Camera. Scontata, dopo il consenso ‘bulgaro’, al Senato.

• INTERNO GIUSTIZIA LAVORO:TRE DONNE IN RUOLI CHIAVE. Le donne sono: Anna Maria Cancellieri, 67 anni, romana, all’Interno; Paola Severino, 63 anni, napoletana, alla Giustizia ed Elsa Fornero, 63 anni, torinese, al Lavoro e Politiche sociali.

• IL BTP-DAY. Tregua in Borsa.I Btp restano a quota 7%. In rialzo Milano ( +0,8), tensione sullo spread francese che vola ai massimi. Intanto Schaube si oppone al ricorso alla Bce – che per molti sarebbe l’unica soluzione possibile – per arginare la caduta dei titoli. Eppoi dicono, la Germania…

• LA LEGA CHIEDE IL COPASIR. Il Copasir, ovvero il Comitato parlamentare sui serizi segreti attualmente affidato a Massimo D’Alema, dovrebbe passare di mano. Il problema è giuridico, ma potrebbe diventare soprattutto giuridico. Secondo la legge dovrebbe appartenere ad un esponente dell’opposizione, per questo la Lega rivendica, ora, la nomina al vertice.

• LUIS DE FUNES E BERLUSCONI. Tanti fuori onda testimoniano della scarsa considerazione di Sarkò, le Petit Napoleon, verso l’ex premier. “ Con Berlusconi alla guida del governo l’Italia non era più credibile”. Passi per il governo, passi per Belusconi, ma non passi per l’Italia che Berlusconi o no resta pur sempre l’Italia. Ora, però, pensi lui a chiedersi se resta o non credibile con la tempesta che (grazie anche a lui) sta piombando sui Galletti.

• LE BANCHE ITALIANE. Le banche italiane sono quasi in apnea da liquidità. Scesa ai livelli minimi toccati nel 2008. Le banche devono affrontare anche il ‘problema della raccolta’, che desta preoccupazione a causa dei Bond in scadenza nel 2012: le prime 32 banche dovranno, infatti, in quella circostanza, sborsare ben 88 miliardi di obbligazioni.

• SIRIA. C’è un salto di qualità dell’opposizione. Finora sulle piazze, ora anche armata. Un blitz dei ‘disertori’ ha attaccato una base do 007 siriani. Il regime ha intanto preso di mira le Ambasciate ( migliaia di manifestanti hanno invaso mercoledì 16 la sede del parlamento del Kuwait) mentre la Lega Araba ha concesso a Damasco altri tre giorni per mettere fine alle violenze contro gli oppositori.

• PALLOTTOLE PER LA CASA BIANCA? Forse s’è trattato d’un isolato gesto d’un folle, forse no. L’Fbi indaga. Certo che alcune pallottole sono rimaste conficcate in muri e finestre della Casa Bianca. Arrestato, finora, un uomo.

• CINA&TIENANMEN. La censura sui media di regime, non ha impedito che filtrasse la notizia di un uomo di 42 anni, originario dell’Hebei, che si è dato fuoco sulla grande piazza. Un poliziotto ha rapidamente spento le fiamme con un estintore.

• RETE NEONAZISTA. Individuata, nomi e cognomi, una rete neonasizta responsabile, a a quanto pare, di numerosi delitti. “ Dov’erano in questi anni le forze della Sicurezza” si chiedono i giornali. Tra l’altro,indagati, ben 88 politici, anche perché la cellula ‘mirava ben più in alto’.

• SAN RAFFAELE DI MILANO. Una raffica di perquisizioni, controlli in Regione, ispezioni su due yacht del faccendiere Daccò e perfino in casa di don Verzè, iscritto nel registro degli indagati con l’accusa d’avere contribuito a dissipare il patrimonio della Fondazione Monte Tabor, che guida il celebre polo ospedaliero lombardo.

• BIMBA COLPITA ALLATESTA. Una bambina d’origine peruviana, dieci anni, in sosta alla fermata del bus con la madre, in largo Porto di Classe, zona Sud-Est di Milano, è stata colpita da un pezzo di cornicione di trenta centimetri staccatosi, inaspettatamente, da un comignolo. E’ stata trasportata in ospedale in codice giallo.

• PUBBLICITA’ SUL PAPA. Benetton ha ritirato la pubblicità sul Papa. Il ‘bacio’ con un imam aveva sollevato le proteste del Vaticano.

 

Articoli più letti