Rimini. L’unità nella molteplicità? Facciamo ‘Mente locale’.

Rimini. L’unità nella molteplicità? Facciamo ‘Mente locale’.
Medioevo. Immagine di repertorio

RIMINI. Mercoledì 23 novembre  alle ore 17,00 nella Sala del Giudizio al Museo della Città, Maria Giuseppina Muzzarelli condurrà l’incontro ‘Come costruire (e mantenere) l’unità nella molteplicità. Il Medioevo dei Comuni e l’Italia unita’. Con questo appuntamento si conclude l’edizione 2011 di Mente Locale, l’iniziativa promossa dai Musei Comunali di Rimini, che in occasione del 150° dell’Unità di Italia ha indagato il tema dell’idea dello Stato, fra federalismo e unità.

MITO MEDIEVALE E ITALIA UNITA. Al centro di quest’ultimo incontro è il fenomeno della proposta del mito medievale nella costruzione dell’Italia unita. Un fenomeno di portata nazionale che si manifestò in molti campi (dalla letteratura alla musica) assumendo un peculiare rilievo nell’architettura. Il revival del Medioevo fu un tratto tipico del pieno e secondo ottocento i cui segni sono tuttora visibili anche a Rimini dove, con qualche decennio di ritardo rispetto ad altre città, dopo il violento terremoto del 1916 si provvide ad una ricostruzione di tipo idealistico dei palazzi comunali.
Il senso dell’identità nazionale che si voleva costruire venne rintracciato nelle vicende delle repubbliche del Medioevo, nella molteplciità dei casi comunali tutti diversi fra loro. Di fronte ai primi malumori verso l’accentramento dello stato nazionale specie da parte delle città destinate a un ruolo minore, il Medieovo si offrì come occasione per mantenere e valorizzare l’identità se non l’autonomia locale all’interno della costruzione statuale italiana. A 150 anni di distanza ci si può chiedere se quella ideazione possa ancora suggerire qualcosa.

LA RELATRICE: MARIA GIUSEPPINA MUZZARELLI.Maria Giuseppina Muzzarelli è professore ordinario alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna. Nella sede bolognese insegna ‘Storia medievale‘ e ‘Storia delle città’ mentre nella sede riminese insegna ‘Storia del costume e della moda’ all’interno del corso di laurea in “Culture e tecniche del costume e della moda“, corso di cui è stata presidente dal 2007 al 2009. Fra i suoi lavori più recenti Un’italiana alla corte di Francia. Christine de Pizan, intellettuale e donna (2007), Breve storia della moda in Italia (2011); in relazione al tema dell’incontro ricordiamo Miti e segni del Medioevo nella citta’ e nel territorio (2002).

info: tel. 0541/704421-704426

Ti potrebbe interessare anche...