Rimini. Crocifisso di Giotto e Francescani. Per una lettura inedita.

Rimini. Crocifisso di Giotto e Francescani. Per una lettura inedita.
Crocifissi del '300, '400 nel riminese

RIMINI. Venerdì 25 novembre 2011, alle ore 17,30 al Salone di Palazzo Buonadrata (Corso d’Augusto, 62 a Rimini), è in programma il secondo appuntamento con il ciclo di conferenze ’I Maestri e il Tempo. Letture inedite di artisti e opere a Rimini dal Medioevo al Novecento‘, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini con il patrocinio dell’Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna. Dopo lo straordinario successo del primo incontro, il titolo del secondo appuntamento è: il Crocifisso riminese di Giotto e il Francescanesimo. Interverrà Chiara Frugoni dell’Università Tor Vergata di Roma che, a partire dal capolavoro riminese di Giotto, giungerà ad una riflessione sulla cultura religiosa ed estetica del Francescanesimo tra Duecento e Trecento.

CHIARA FRUGONI: BREVE BIOGRAFIA. Chiara Frugoni è una delle più insigni e conosciute medieviste europee. Figlia dello storico Arsenio Frugoni, si è laureata alla Sapienza di Roma e ha concluso il perfezionamento presso la Scuola Normale Superiore di Pisa. Ha insegnato a Parigi e studiato a Princeton, avendo vinto una borsa di studio all’Institute for Advanced Studies.
È stata docente ordinaria di Storia medioevale all’Università di Pisa e Roma ‘Tor Vergata’. Il suo metodo storico consiste da sempre nell’unire testi e immagini, considerandoli fonti di pari dignità, nella convinzione espressa che «l’immagine parla» con la stessa forza di un documento scritto. Fra le sue pubblicazioni si ricordano: Francesco e l’invenzione delle stimmate, Einaudi, Torino 1993, premio Viareggio per la saggistica 1994; Vita di un uomo: Francesco d’Assisi, Einaudi, Torino 1995, con introduzione di Jacques Le Goff; Storia di un giorno in una città medioevale, con uno scritto di Arsenio Frugoni, Laterza, Bari 1997; Mille e non più mille. Viaggio fra le paure di fine millennio, con Georges Duby, Rizzoli, Milano 1999; Medioevo, Storia di voci, racconto di immagini, con Alessandro Barbero, Laterza, Bari-Roma, 1999; Due papi per un giubileo. Celestino V, Bonifacio VIII e il primo Anno Santo, Rizzoli, Milano 2000; Medioevo sul naso. Occhiali, bottoni e altre invenzioni medievali, Laterza, Bari 2001. Ha curato i volumi Benedetto Antelami e il Battistero di Parma, Einaudi, Torino 1995 e Pietro e Ambrogio Lorenzetti, Le Lettere, Firenze 2002, e scritto il saggio, compreso in quest’ultimo libro, dedicato agli affreschi senesi del Buon Governo di Ambrogio Lorenzetti. Tra le sue ultime fatiche saggistiche si segnalano: L’affare migliore di Enrico. Giotto e la cappella Scrovegni, Einaudi, Torino 2008 e La voce delle immagini. Pillole iconografiche dal Medioevo, Einaudi, Torino 2010. Collabora alle pagine culturali de La Repubblica e del Manifesto.

Ti potrebbe interessare anche...