12 progetti sociali finanziati da 8 aziende locali. Le aziende solidali

12 progetti sociali finanziati da 8 aziende locali. Le aziende solidali
solidarietà sociale

RAVENNA & VOLONTARIATO. Sono già dodici i progetti di associazioni di volontariato, per un valore complessivo di oltre 30mila euro, che saranno “adottati” , ovvero, finanziati da otto aziende locali. E’ il primo risultato della campagna “Adotta un progetto sociale, diventa un’azienda solidale” lanciata il mese scorso dagli assessorati alle attività produttive e volontariato e servizi sociali.

PROGETTI SOCIALI. La tipologia dei progetti è prevalentemente sociale: si va, per esempio, dall’abbattimento di barriere architettoniche, alla sportina piena di cibarie e detergenti per gli ospiti del Re di Girgenti, dal Judo per i disabili alla formazione di fornai per 5 detenuti, fatta eccezione per una iniziativa, finanziata da Cmc che riguarda la riqualificazione della città mediante la realizzazione di un orto – giardino adiacente il Centro di salute mentale di Ponte Nuovo dedicato a Franco Basaglia. (in calce tabella con associazione- progetto-azienda).
In municipio il sindaco Fabrizio Matteucci insieme con gli assessori Massimo Cameliani e Giovanna Piaia nel corso di una breve cerimonia, hanno fatto incontrare aziende e responsabili dei progetti che grazie alla campagna potranno diventare realtà positive per la vita della nostra città. “Quello che presentiamo  – ha dichiarato il sindaco Fabrizio Matteucci – è un primo importante risultato verso l’obiettivo di questa campagna: creare un circuito virtuoso nel segno della solidarietà e della sussidiarietà coinvolgendo in modo attivo aziende del nostro territorio e le decine e decine di associazioni no profit e che operano nel settore del sociale. In questo difficilissimo momento che l’Italia e la comunità ravennate stanno vivendo, la solidarietà è il vero valore aggiunto del nostro sistema economico. Le imprese devono prestare sempre più attenzione non solo ai profitti, ma alle ricadute sociali che il loro lavoro ha sul territorio. Un numero sempre maggiore di importanti aziende ravennati in questi anni ha voluto testimoniare questa attenzione redigendo veri e propri bilanci sociali. Questa campagna è un ulteriore passo avanti. Ringrazio le imprese che hanno dato la loro adesione e auspico che altre seguiranno il loro esempio”.

EVOLUZIONE DELLO STATO SOCIALE. “Siamo molto soddisfatti di questa partenza – dichiarano gli assessori Piaia e Cameliani – Il nostro messaggio di ricerca di solidarietà e di valori sociali, è stato recepito dal sistema economico locale.
E non era scontato, vista le difficoltà in cui si dibatte la nostra società. Si sta profilando quell’alleanza cittadina che coinvolge virtuosamente le associazioni no profit, l’ente locale e le imprese a sostegno del welfare. Poiché non si tratta semplicemente di fare beneficenza da parte delle aziende bensì di essere protagonisti dell’evoluzione dello stato sociale in un concreto spirito di sussidiarietà. Il nostro auspicio è che la cerimonia di oggi rappresenti solo la prima delle tante tappe che porteranno all’adozione di tutti i 44 progetti presentati dalle associazioni di volontariato”. Durante l’incontro i rappresentanti delle prime otto aziende che hanno aderito alla campagna hanno ricevuto un pergamena ricordo.

I PROGETTI
Progetto di A.M.A La Vita adottato da CMC Ravenna:
SEMI DI BOTANICA DELLE EMOZIONI DEL GIARDINO “BASAGLIA”: Curare e coltivare un giardino, adiacente il Centro Salute Mentale di Ponte Nuovo dedicato a Franco Basaglia, fautore della Legge 180 per l’abolizione dei manicomi. Con la cura e la gestione di questo giardino, pubblico e a disposizione della città, i pazienti affetti da malattie mentali potranno seguire percorsi di comunicazione e socializzazione, accrescendo la propria autostima, la pazienza, la cura, il rispetto, ma anche imparare ad accettare i propri limiti, vivendo appieno la proprie emozioni, date dal contatto con gli altri, dal vedere crescere le proprie realizzazioni (ambito riqualificazione urbana).

Progetto dell’associazione Alzheimer Ravenna adottato da ADIURA sas:
CAFFE’ ALZHEIMER BIZANTINO: Il progetto è finalizzato ad ampliare la ricettività degli interventi di Spazio Incontro, integrando attività di socializzazione e stimolazione cognitiva, per integrare le terapie tradizionali farmacologiche. Coinvolgerà 40 utenti ogni trimestre – anno 2012 (ambito sociale).

Progetto di Auser adottato da BCC Credito Cooperativo ravennate e imolese:
ADDIO BARRIERE: Acquisto di un saliscale trasportabile, utilizzabile dai volontari per permettere agli anziani e disabili di eliminare le barriere delle proprie abitazioni e vincere l’isolamento che, in particolare per gli anziani, è motivo di disagio (ambito sociale).

Progetto di Azienda AUSL – Ravenna adottato da Mirabilandia PARCO DELLA STANDIANA
ARREDO CONSULTORIO PEDIATRICO “Città di Ravenna”: Adeguare alle esigenze dei bambini la sala d’attesa del Consultorio pediatrico di Ravenna, in cui i bambini possono soggiornare in attesa di visite e vaccinazioni. Gli arredi adeguati permetteranno socializzazione e relax, in sicurezza (ambito sanitario).

Progetto di Azienda Servizi alla Persona adottato da SAPIR
PROFUMO DI PANE: Formazione professionale in carcere. Il corso della panificazione può offrire questa opportunità, oltre a favorire l’integrazione lavorativa e sociale, l’incontro con la comunità locale, attraverso i propri prodotti. Il corso e l’acquisto dei materiali coinvolgerà 5 detenuti (ambito sociale).

Progetto di Caritas – Ravenna adottato da BCC Credito Cooperativo ravennate e imolese
APRI IL CUORE: Attività assistenziale, azioni di sostegno economico alle famiglie in difficoltà, attraverso contributi economici integrativi per il pagamento di utenze e affitti, acquisto e distribuzione di generi alimentari e di prima necessità (ambito sociale).

Progetto di Città Meticcia adottato da SAPIR
L’ITALIANO PER IMMIGRATI ADULTI: Corsi di italiano per immigrati sia principianti che di vari livelli, per favorire integrazione, inserimento nel mondo del lavoro e della formazione, ma anche per rapporti sociali e relazionali in genere. Inoltre il corso permette di acquisire la certificazione A2 utile per ottenere il permesso di soggiorno e di lavoro (dal dicembre 2010 per ottenerlo occorre infatti superare un test di italiano presso le Prefetture) (ambito sociale).

Progetto di Comitato Cittadino Antidroga adottato da SAPIR
UN INVITO DAL RE DEI GIRGENTI: Accoglienza persone che vivono in strada attraverso una sportina alimentare con cena e colazione, offrendo loro la possibilità di utilizzare la doccia, lavare i propri indumenti. L’acquisto di materiali di pulizia, mobili, elettrodomestici quali lavatrice, asciugatrice, favorirà quindi non solo gli ospiti interni del dormitorio pubblico, ma anche quanti usufruiscono di tale servizi poiché impossibilitati ad avere un punto di appoggio e di sostegno. Possibilità di istituire una borsa lavoro per ospiti che già oggi si impegnano nella gestione della struttura, premiando il loro impegno e la loro disponibilità (ambito sociale).

Progetto di Judo C.S.T. Ravenna adottato da CMC Ravenna
LE GIORNATE DELLO SPORT COME INTEGRAZIONE: Attività sportiva per disabili intellettivi, organizzazione di gare internazionali, con la partecipazione di oltre 300 atleti disabili provenienti da varie parti del paese e d’europa, favorendo così integrazione, autonomia, stimolando le potenzialità individuali ma soprattutto stimolando l’opinione pubblica al fine di rimuovere le barriere psicologiche, reali cause di emarginazione sociale (ambito sociale).

Progetto di Linea Rosa adottato da “Gruppo CON.S.A.R. (CON.S.A.R. soc. coop.cons., GRAR soc. coop., CONSAR servizi logistici srl, LOGIKEM srl, ROMAGNA SPEDIZIONI srl)
BABY ASSISTENZA PER I BAMBINI VITTIME DI VIOLENZA: Il progetto prevede un serivzio di baby assistenza, presso le strutture di accoglienza gestite dall’associazione, o presso le abitazioni delle madri, poiché in casi di violenza, sia alle madri che ai bambini, i legami parentali vengono annullati, e tale isolamento spesso rappresenta la criticità maggiore per le donne che vogliono o debbono mantenere la propria indipendenza con il lavoro, spesso in orari non serviti dalle strutture pubbliche per l’infanzia e la scuola (ambito sociale).

Progetto di Volontari R.C. Mistral adottato da Wicom
H24: concessione gratuita di linea adsl e di sito internet. Il progetto ha grande valenza perchè permette una connessione di adsl non solo nell’area della sede ma anche dalla centrale operativa mobile di Mistral. In caso di emergenza sarà infatti possibile mantenere costante contatto con la sede e\o i volontari impegnati nelle varie zone, agevolando in maniera efficace la risoluzione della emergenza. Per l’area di pertinenza della sede Mistral permetterà collegamenti a telecamere interne ed esterne anche per il controllo delle tende inerenti al progetto “aggiungi un posto” con il fine di dare risposte adeguate e correte agli accolti. Con il sito internet dedicato , inoltre, ci sarà l’opportunità di mantenere costantemente aggiornati i volontari sulle varie attività dell’associazione oltre ad essere un punto di riferimento per la cittadinanza poichè verrà inserito uno spazio con le emergenze in corso accessibile a tutti che permetterà una costante informazione a chi vuole tenersi aggiornato sulla situazione territoriale. Un progetto quindi a tutto tondo nel mondo dell’informazione e della comunicazione in breve H24 acronimo che nel mondo della protezione civile intende proprio una disponibilità 24 ore su 24 ore (ambito sociale).

Progetto di ANGSA adottato da Compagnia portuale
“Nel week end sarò fuori”: sollievo alle famiglie dei bambini autistici, per permettere sia ai bambini di aumentare la loro autonomia (stando per qualche fine settimana in strutture per brevi soggiorni) sia alle famiglie di potersi assentare per brevi periodi, sapendo che i loro figli sono seguiti e supportati da personale qualificato (ambito sanitario).

Ti potrebbe interessare anche...