Cervia Open card 2011. Nessun costo per il Comune. L’assessore spiega la situazione

Cervia Open card 2011. Nessun costo per il Comune. L’assessore spiega la situazione
Cervia, foto di repertorio

CERVIA & INTERPELLANZE. L’assessore al turismo Michele De Pascale risponde a un’interpellanza inerente Cervia Open card 2011. Risposta che è stata inviata al consigliere pdl Gianluca Salomoni.

Ecco la riposta dell’assessore:
l’operazione Cervia Open card 2011 è stata integralmente coordinata da Cervia Turismo s.r.l.
Il Comune di Cervia non ha svolto alcun ruolo nell’elaborazione del progetto e nella gestione delle azioni attuative. L’Amministrazione Comunale non ha pertanto sostenuto alcun costo.
Cervia Turismo sin dall’inizio del percorso intrapreso ha coinvolto le associazioni di categoria, che dal maggio 2011 hanno svolto azione di promozione e sensibilizzazione nei confronti dei propri associati.

Gli obiettivi correlati alla fase sperimentale 2011 possono esser sintetizzati nei seguenti termini:
1. utilizzare il lancio dell’iniziativa come “fase di studio del mercato e delle esigenze espresse dagli operatori” al fine di definire e proporre ad operatori e turisti soluzioni innovative ed efficaci per l’anno 2012;
2. organizzare un programma di eventi promozionali a livello locale per fare conoscere capillarmente la Cervia Open Card.
Cervia Turismo, per l’attuazione del progetto, ha selezionato la società di Cesena ET Group s.r.l., struttura di comprovata esperienza che tra i lavori attuati annovera la realizzazione della tessera del tifoso per il Cesena Calcio, con tutte le implicazioni correlate ai rapporti con Questura e Ministero degli interni. Detta società ha effettuato un rilevante investimento sul progetto cervese assumendone in via integrale i costi di realizzazione.

INVESTIMENTILa società in menzione per l‘attuazione del progetto ha coinvolto 5 operatori a tempo pieno fino al 31 Agosto 2011, che hanno effettuato oltre 1200 visite agli esercizi locali.
Per il lancio dell’operazione sono state predisposte e stampate oltre 120.000 copie tra depliant, pieghevoli, fac-simili delle card ecc.
E’ stato realizzato il portale “Cervia Open Card” nel cui ambito sono stati pubblicati 47 Mini Web Site dedicati alle aziende che avevano aderito all’iniziativa entro il 30 Giugno.
L’attività ha richiesto l’impiego di 436 ore di lavoro tra programmatori, grafici ecc.
Nel 2011 hanno aderito al progetto 65 aziende.
A scopo promozionale nel corso dell’estate è’ stato organizzato un concorso di bellezza per la nomina di Miss Milano Marittima Cervia Open Card. L’evento, cominciato in sordina, si è concluso con un grande successo di partecipanti e di pubblico e con una rassegna stampa di particolare rilievo. I costi dell’iniziativa sono stati tutti sopportati da ET GROUP.
Sotto tale profilo Cervia Turismo e le Associazioni di categoria hanno fornito un mero supporto logistico non affrontando esborsi finanziari.
Cervia Turismo ha sostenuto come unici costi l’acquisto di 1500 Card (€ 2.500,00) e del Dominio www.cerviaopencard.it (€ 150,00).
La Card ha una validità di 5 anni. I POS sono stati forniti gratuitamente da ET GROUP ai vari operatori che hanno aderito, così come era stato previsto negli accordi con Cervia Turismo.
Come noto il sistema bancario, per esigenze di sicurezza, esige che ad un circuito finanziario corrisponda un pos specifico. Poiché il circuito sotteso alla Cervia open card ha una sua specifica autonomia (come tutti i circuiti connessi a card turistiche) si rende necessario impiegare pos dedicati.
L’esperienza 2011 ha consentito di acquisire essenziali conoscenze circa le dinamiche del mercato e le esigenze degli operatori ed è risultata particolarmente utile ai fini dell’elaborazione di un strategia più incisiva da attuarsi a partire dall’anno 2012.

EVOLUZIONE DEL PROGETTO – STAGIONE 2012
Decisivi sviluppi si prevedono per la stagione 2012. L’organizzatore, ET GROUP, ha proposto di adottare una nuova piattaforma tecnologica. A tutti gli operatori ed utenti finali verrebbe sostituita gratuitamente la Card acquistata, senza alcun costo mentre agli operatori verrebbe sostituito il POS che hanno avuto in comodato con un nuovo POS tecnologicamente più avanzato.
L’Amministrazione Comunale, in concerto con Cervia Turismo e le Associazioni di Categoria, oltre alla proposta avanzata da ET GROUP, sta rivalutando nel complesso le strategie da mettere in campo al fine di realizzare strumenti moderni in grado di semplificare ed al contempo incentivare il consumo dei turisti in riviera, questo anche a seguito della recente ordinanza del Consiglio di Stato e delle norme approvate dal parlamento in materia di contante circolante.

Ti potrebbe interessare anche...