Stop al censimento dei passi carrai. Ora si saprà quanto e come pagare

Stop al censimento dei passi carrai. Ora si saprà quanto e come pagare
passo carraio (foto di repertorio)

SAVIGNANO s/R. Sta arrivando in questi giorni a casa dei cittadini una lettera con la quale la Corit spa/Step, concessionaria del Comune per l’accertamento e la riscossione della Cosap (tassa di occupazione del suolo pubblico), invita i cittadini a regolarizzare la propria posizione in merito ai passi carrai. Chi deve regolarizzare o pagare la Cosap può già rivolgersi agli uffici comunali.

QUANTO E COME PAGARE. E’ terminato in questi giorni il censimento dei passi carrai. Ora la Corit spa/Step srl, concessionaria del Comune, renderà note tramite lettera ai titolari di passo carraio soggetto a pagamento del canone occupazione, l”importo del canone annuo dovuto, le istruzioni e le modalità di pagamento. In occasione del censimento appena concluso sono state rilevate tutte le aperture sulle strade pubbliche, sia quelle soggette a pagamento della Cosap (passi carrai) sia quelle non soggette a pagamento (accessi carrai). Ai sensi del Codice della Strada, sia i passi carrai che gli accessi carrai devono essere autorizzati preventivamente dal Comune.

INFORMAZIONI. I cittadini che non avessero i passi carrai o gli accessi carrai regolarmente autorizzati, possono presentare domanda di autorizzazione del passo carraio o domanda di regolarizzazione. La modulistica si trova sul sito del comune (www.comune.savignano-sul-rubicone.fc.it), la domanda va consegnata all’Ufficio Relazioni con il Pubblico ( al piano terra del Palazzo Comunale, in Piazza Borghesi 9, con orario 8,30-13,30 dal lunedì al venerdì e 8,00-13,00 il sabato). Per eventuali informazioni o chiarimenti rivolgersi all’Ufficio Lavori Pubblici geom. Alessandro Conti, piano primo, stanza n. 25, tel. 0541809639.
Si ricorda con l’occasione che tutti i passi carrai dovranno essere individuati dall’apposito cartello che sarà rilasciato dall’ufficio tecnico una volta ottenuta l’autorizzazione di cui sopra. Dopo l’affissione del cartello consegnato, non è permessa la sosta né il parcheggio di alcun veicolo neanche se appartenente ai proprietari del passo carraio. Chi detiene un passo carraio con opere o un accesso carraio con cartello divieto di sosta sarà tenuto a pagare il canone occupazione suolo pubblico a partire dal 1^ gennaio 2010, data dalla quale è stata reintrodotta tale tassazione nel comune di Savignano sul Rubicone. Per regolarizzare la propria posizione sia per quanto riguarda l’autorizzazione al passo/accesso carraio che l’esposizione del cartello del divieto di sosta, i cittadini hanno tempo fino al 31 dicembre 2012. Entro il periodo di “sanatoria” non verranno applicate né sanzioni né interessi.

PASSO CARRABILE E ACCESSO CARRABILE: LE DIFFERENZE
Il Codice della Strada distingue i “passi carrai” dagli “accessi carrai”, intendendo per “passo carraio” quell’accesso caratterizzato dalla presenza di manufatti (listoni di pietra, strada con marciapiede) e “accesso carraio” o accesso a raso quel varco che pur assolvendo alla stessa funzione del passo carraio, è a filo con il manto stradale e comunque non presenta manufatti o opere sulla superficie ad uso pubblico.

Ti potrebbe interessare anche...