C’è una forza che discende dall’eternità e questa forza è verde. Fabio Mina presenta il suo disco ‘Vireo’

C’è una forza che discende dall’eternità e questa forza è verde. Fabio Mina presenta il suo disco ‘Vireo’
Vireo, Fabio Mina.

RIMINI. Martedì 27 dicembre (ore 21, ingresso a pagamento) il Teatro degli Atti di Rimini (via Cairoli, 42) ospita il concerto di Fabio Mina, in collaborazione con Assalti al Cuore, per la presentazione dell’album Vireo, un percorso intimo, in cui l’improvvisazione si alterna a brevi parti composte e si snoda in terreni personalissimi, alla ricerca di un equilibro tra l’introspezione più profonda e lo sguardo aperto all’esterno.

Fabio Mina ai flauti, duduk, campionamenti assieme a Danilo Rinaldi alla batteria e percussioni e Mirco Ballabene al contrabbasso si presenta citando una frase di Hildegard Von Bingen: “C’è una forza che discende dall’eternità e questa forza è verde”.
Quella forza verde, quella linfa che ci lega al mondo della natura, è chiamata virìditas e vìreo è il verbo latino che significa “sento la virìditas in me, divento verde...” Questa immagine, questa suggestione passa attraverso la musica, una musica spontanea, dove l’improvvisazione si alterna a brevi parti composte. Una musica dove diversi generi, il respiro, l’ascolto, il suono e il silenzio convivono insieme come le diverse sfumature del verde che ci circonda.
In questo live-set il respiro, l’ascolto, il suono e il silenzio convivono insieme alle visioni di una natura che si mostra in tutte le sue sfumature, rivelandosi all’improvviso, come in un’epifania. “Vìreo”, album prodotto da Markus Stockhausen per la prestigiosa label Aktivraum, è un itinerario lieve e onirico attraverso l’immaginario evocativo di un compositore sensibile e appassionato, ispirato in modo sottile ma indissolubile dalla natura e dalle sue continue e sensuali mutazioni.
Ad aprire il live di Fabio Mina l’inedito progetto “Stratosphère” di Francesco e Riccardo Cardelli, che presenteranno al pubblico del Teatro degli Atti un suggestivo set di musica elettroacustica, improvvisazione, groove minimali e soundscapes.

BREVE BIOGRAFIA. Fabio Mina nasce a Rimini nel 1984. Studia flauto fin da bambino. In contemporanea con gli studi classici del Conservatorio intraprende l’esperienza dell’improvvisazione, prima in ambito jazz, ed in seguito in un contesto musicale sempre più vario. In quegli anni di formazione approfondisce la cultura musicale del Nord dell’India, del Giappone e della Persia, scoprendo e sperimentando il suono e le tecniche di un’ampia gamma di flauti provenienti da ogni parte del mondo. Nel 2006 si trasferisce a Berlino, città in cui avrà la possibilità di vivere edificanti esperienze con musicisti di strada, danzatori ed artisti. Fortunato sarà l’incontro, nel 2008, con il trombettista e compositore di fama internazionale Markus Stockhausen, con il quale darà via ad un fortunato sodalizio che gli permetterà di suonare in prestigiosi festival in Italia e in Germania. Oltre a Stockhausen Mina collabora con musicisti del calibro di Tara Bouman, Fabrizio Ottaviucci, e, tra gli altri, Cristiano De André. Il suo primo album si chiama “Vìreo”, ed unisce in modo unico atmosfere jazz, paesaggi sonori rarefatti e improvvisazione.
Per informazioni e prevendite: biglietteria del Teatro Novelli (via Cappellini, 3, tel. 0541/793811) dal lunedì al sabato dalle ore 10 alle ore 14. Istituzione Musica Teatro Eventi tel. 0541/704292 – 704293 www.teatroermetenovelli.it
Apertura serale della biglietteria del Teatro degli Atti nei giorni di spettacolo: ore 19.30

Ti potrebbe interessare anche...