Concordia. Sospese le ricerche. Schettino a casa. Tra i dispersi ancora i riminesi Willy e Daya

Concordia. Sospese le ricerche. Schettino a casa. Tra i dispersi ancora i riminesi Willy e Daya
Un momento del naufragio della Concordia (foto di repertorio)

GIGLIO & NAUFRAGIO. Sono state nuovamente sospese le ricerche sulla nave Concordia. La nave si è infatti nuovamente mossa e questo, com’è noto, rende le operazioni ancor più pericolose. Le operazioni sono state sospese perchè non c’erano le condizioni di sicurezza necessarie ad operare. I vigili del fuoco hanno comunque lavorato tutta la notte sulla parte emersa della nave.

SCHETTINO A CASA. Nel frattempo il comandante Francesco Schettino – ottenuti gli arresti domiciliari – è arrivato a casa, a Meta di Sorrento. Schettino è infatti stato scarcerato ieri sera dopo la decisione del gip. Il giudice ha infatti ritenuto che non ci fosse pericolo di fuga, nè di inquinare le prove. Le accuse contro il comandante sono molto pesanti: omicidio colposo plurimo, naufragio e abbandono della nave.

TELEFONATE E OPINIONE PUBBLICA. Ieri sera hanno fatto il giro del mondo le registrazioni delle telefonate tra il comandante e De Falco della Guardia Costiera. Mentre i minuti corrono e le operazioni di ricerca sono state ancora sospese perchè la nave si è mossa, l’opinione pubbica è più che mai “agguerrita” e si fa sentire. Si fa sentire soprattutto in rete dove fioccano dibattiti e dita puntate verso il comandante che, non solo avrebbe provocato il danno, ma anche abbandonato la nave. Attenzione e commozione suscitano anche i primi video e immagini dei momenti del naufragio all’interno della Concordia.

LA VERITA’. Naturalmente l’esatta dinamica dei fatti e del comportamento delle persone coinvolte, è da verificare e questo avverrà nelle sedi opportune. Questo è quello che tutti sperano e chiedono: giustizia e verità, al di là delle opinioni e del coinvolgimento emotivo. Coinvolgimento inevitabile quando si è di fronte a una tragedia del genere. Ricordiamo infatti che sono salite a 11 le vittime accertate. Tra i dispersi risultano ancora i due riminesi William Arlotti e la figlia Dayana di 5 anni.

Ti potrebbe interessare anche...