Massa Lombarda & Festa del Patrono. Tante iniziative dal 21 al 29 gennaio

Massa Lombarda & Festa del Patrono. Tante iniziative dal 21 al 29 gennaio
San Peval a Massa Lombarda (foto di repertorio)

MASSA LOMBARDA & FESTA DEL PATRONO. Proseguiranno sabato 21 gennaio gli appuntamenti del ricco calendario predisposto da Amministrazione comunale e Forum delle associazioni per la festa San Pêval di Segn, dedicata al patrono di Massa Lombarda.

IL CALENDARIO DEGLI EVENTI

SABATO 21. Inaugureranno due delle otto mostre allestite per l’occasione. Alle 11 si aprirà Eclettica, la personale di Barbara Cottignoli ospitata nello spazio espositivo di corso Vittorio Veneto 32. Il titolo della mostra rimanda alla molteplicità dei mezzi usati dall’artista (pittura, ceramica, mosaico e scultura) per dare vita a un mondo popolato da figure ironiche al limite del grottesco. La mostra, curata dall’Udi di Massa Lombarda, sarà aperta fino al 29 gennaio dalle 16 alle 19.
Alle 18 invece SanVitale41 Studio Artecontemporanea accoglierà le opere di Cinzia Baccarini, Gaia Cortesi e Morena Mussoni in Rosa shocking, un dialogo ideale fra le opere delle tre artiste che trasformano sogno, fantasia e realtà in uno spaccato di vita. La mostra sarà visitabile fino al 5 febbraio nei seguenti orari: feriali 16-19, festivi e il 25 gennaio 10-12 e 16-19.
È inoltre già visitabile presso il Circolo massese di piazza Matteotti Se u’i foss Batesta…, mostra fotografica su Gian Battista Sangiorgi, che resterà aperta fino al 29 gennaio nei seguenti orari: feriali 20-22.30, festivi 14.30-22.30.
Sempre sabato 21 gennaio sarà protagonista la musica con il XV Concerto di San Paolo, tradizionale rassegna corale con i cori Nuova Armonia di Massa Lombarda e Nostra Signora di Fatima di Rimini alle 20.45 nella chiesa di San Paolo, mentre alle 20.30 al Circolo bocciofilo massese si terrà la finale del VIII trofeo Città di Massa Lombarda, gara provinciale individuale di bocce.

Domenica 22 gennaio ci si ritroverà invece al Centro quartiere di Fruges per il Pranzo di Quartiere, a partire dalle 12, con menu romagnolo (20 euro adulti, 12 euro bambini, prenotazioni entro il 19 gennaio al Centro di Quartiere, tel. 0545 82300). Il ricavato sarà devoluto per l’acquisto di una struttura-gioco per il parco ‘Il Tip Tap del Millepiedi’. Durante il momento di festa saranno presentati i lavori di ristrutturazione del Centro di Quartiere a cura del Comune. Saranno presenti il sindaco Linda Errani e i membri della Giunta.

Martedì 24 gennaio alle 21 sarà inaugurata la mostra Enrico Pasquali, ritratto di una terra, un’importante esposizione ospitata nella Sala del Carmine fino al 12 febbraio che racconterà il dopoguerra a Massa Lombarda e in Romagna grazie alle bellissime immagini, per la maggior parte inedite, del grande fotografo neorealista. Nel corso dell’inaugurazione, l’Archivio Fotografico Cineteca di Bologna e l’Ibc Emilia-Romagna cureranno l’introduzione alla figura di Pasquali e saranno recitate poesie ed eseguiti canti romagnoli grazie alla partecipazione del Piccolo Teatro dell’Oratorio San Paolo e del coro Ettore e Antonio Ricci.
Mercoledì 25 gennaio, giorno del patrono, alle 10.30 sarà celebrata dal vescovo Tommaso Ghirelli una messa solenne presso la chiesa di San Paolo. Durante la giornata principale della festa si potrà fare shopping fra le bancarelle della tradizionale Fiera di San Paolo e nei negozi della città, mentre i volontari dello Ior di Massa Lombarda allestiranno il mercatino Mani di donna negli spazi di via Vittorio Veneto 67-69.

FINO AL 29 GENNAIO. San Pêval di Segn proseguirà fino al 29 gennaio con mostre, eventi musicali e culturali, la buona cucina con la Sagra del Sabadone, giunta alla quindicesima edizione e organizzata dalla Pro Loco in piazza Matteotti da martedì 24 a domenica 29 gennaio. Dal 21 al 29 gennaio per i più piccoli ci sarà anche il luna park in piazza Mazzini.

Per informazioni: Centro di Comunicazione e Ascolto tel. 0545 985890, email comunicazioneascolto@comune.massalombarda.ra.it; Ufficio Cultura tel. 0545 985833, email cultura@comune.massalombarda.ra.it; sito istituzionale del Comune di Massa Lombarda www.comune.massalombarda.ra.it

SAN PEVAL. Il nome della festa, San Pêval di Segn (San Paolo dei Segni), deriva dall’antica abitudine dei contadini di osservare la natura per trarne messaggi. Osservavano la luna, il sole, il vento, il comportamento degli animali della corte, della stalla, il fumo che usciva dal camino, il contenitore del sale e un’infinità di tanti altri particolari e, interpretandone il significato, formulavano le loro conclusioni. Fu un processo molto lungo, frutto di osservazioni che si protrassero per secoli e che coinvolse decine e decine di generazioni. Alla fine del percorso, pur non conoscendo ancora le leggi che regolavano questi fenomeni, i contadini erano ugualmente in grado di interpretarle al meglio e fare previsioni sul cambiamento del tempo, con una buona approssimazione, che gli permetteva di organizzare il proprio lavoro nel modo migliore. Partendo dal medesimo concetto, si elaborò una teoria, molto più fantasiosa, anch’essa basata sull’osservazione dei fenomeni naturali, per predire il futuro di tutto un anno. Questa attribuiva alle condizioni meteorologiche dei primi 24 giorni dell’anno un valore di anticipazione valida per tutti i dodici mesi successivi. Completata la previsione meteorologica, la valutazione generale sull’andamento dell’annata era riservata al venticinquesimo giorno di gennaio, festa religiosa della Conversione di San Paolo (festa patronale di Massa Lombarda). Da qui San Pêval di Segn. Questa previsione si otteneva scrutando la giornata nei suoi eventuali cambiamenti, tenendo conto che: 1) la pioggia, predice abbondanza; 2) il sole, carestia; 3) una giornata nuvolosa, un’annata normale. Questo per i raccolti. In generale, una giornata di vento è presagio di guerra. Una giornata di nebbia preannuncia un anno poco propizio per la salute.

Ti potrebbe interessare anche...