Vela. Soldini e Maserati in Atlantico. Sfida italiana, con a bordo John Elkann.

Vela. Soldini e Maserati in Atlantico. Sfida italiana, con a bordo John Elkann.
Maserati e Soldini, vela. Immagine di repertorio

IL FOLLE VOLO SUL MARE. Nel XXVI canto dell’Inferno, Ulisse compare nella bolgia dei cosiddetti ‘consiglieri fraudolenti’, i macchiavellici, cioè coloro che dell’ingegno si valsero a ingannare altrui, e per questo avvolti dentro una mobile fiamma. Ulisse condivide il fuoco con Diomede. Ulisse è punito  per il ‘malo uso del ( suo) ingegno’ e non tanto per il ‘folle volo’ oltre le colonne d’Ercole che erano, allora, ai confini del mondo. Il personaggio Ulisse ha incantato tanti autori, come Joyce, per richiamare  una interpretazione più odierna, e numerosi artisti; fors’anche perchè ‘custode’ inconsapevole d’un fuoco che brucia  dentro a  ciascun uomo ‘ infin che ‘l mare ( come ammonisce Ulisse) fu sopra noi rinchiuso’. 

L’avventura per mare, dunque, come metafora d’un fuoco esistenziale inestinguibile. E che, per molti versi, in epoche diverse, ha contribuito ad allargare i confini dell’uomo. E che, oggi, dove  il  ’folle’  potrebbe emergere  solo  nel caso d’un uso imprudente dei mezzi, delle tecnologie o dell’esperienze, non non hanno più necessità d’essere allargati.
Allora, perchè si continua a ‘sfidare’ il mare? Dove i pericoli restano anche al giorno d’oggi, è ovvio, ma molto calcolati. Ritorni d’immagine o pubblicitari, semmai, sono la nuova vera molla. Ma, così facendo, di quel ‘fuoco’ancestrale’  che ‘sfidava’ l’ignoto cosa resta? Umile cenere oppure solo il ‘surrogato‘ d’una ‘follia’ di cui, ormai, in un mondo straconosciuto,  mappato, percorso, non c’è più necessità?  Se non quella, meno eroica, ma solo circoscritta a pochi, di battere record per mettere alla prova  se stessi, per poi richiamare attenzione e  ‘vendere’ per chi finanzia l’impresa?

UNA SFIDA ITALIANA. Adesso, invece, leggiamo la notizia. E’ partita la sfida – annota Damiano Iovino – di Giovanni Soldini e ‘Maserati’ al record di traversata del Nord Atlantico, tra Cadice (Spagna) e San Salvador (Bahamas). La barca italiana, con a bordo l’armatore John Elkann (che scendera’ a terra a Porquerolles, Francia), sta affrontando il trasferimento dalla Spezia alla citta’ spagnola in condizioni meteo difficili, con vento forte, freddo e grandine. Insieme allo skipper Soldini, affronteranno la sfida sette velisti – quattro italiani, un tedesco, uno spagnolo e uno statunitense – provenienti sia da regate oceaniche open con equipaggi ridotti, sia da competizioni come la Coppa America.

Finora il record Cadice-San Salvador (3884 miglia) e’ stato detenuto solo da maxi trimarani e Maserati cercherà di stabilire per primo il time reference per la categoria monoscafi. Il tempo è monitorato dal World Sailing Speed Record Council, organismo internazionale che certifica le migliori percorrenze sulle rotte storiche dei clipper.
”E’ un record molto impegnativo per la lunghezza e la difficoltà del percorso – ha spiegato Soldini – Nella prima parte bisognerà  stare attenti all’alta pressione che staziona sulle Azzorre. Nella seconda il problema saranno i fronti e le depressioni che se troppo bassi farebbero rallentare la barca”.
Soldini e i suoi contano di raggiungere il porto spagnolo in non piu’ di 4-5 giorni. Per la mattinata del 2 febbraio è attualmente prevista una finestra meteo favorevole per la conquista del record.

LA NUOVA AVVENTURA. Giovanni Soldini parte, dunque,  per una nuova avventura in Oceano. Lui che che è diventato famoso come navigatore solitario, vincendo il giro del mondo nel 1999, stavolta avrà sette compagni d’equipaggio e, a bordo di Maserati, un VOR 70 ideato per il giro attorno al mondo e rielaborato per le prove di velocità, sfiderà le onde dell’Atlantico per stabilire il record della traversata da Cadice, in Spagna, a San Salvador, alle Bahamas, su quella che fu la rotta di Cristoforo Colombo.

La barca, che normalmente ha undici persone d’equipaggio, è stata alleggerita di quasi 3.000 chili per renderla più veloce.  Inoltre invece di 14 vele l’equipaggio di Maserati ne avrà solo 11, che però  pesano di 2.500 chili. E questo è uno dei motivi per i quali a bordo non ci sono donne, data la forza fisica necessaria per manovrare queste barche.

VOR70 Maserati è il primo monoscafo che si cimenta su questa rotta: il record dei multiscafi appartiene ai francesi di Groupama, un trimarano di 33 metri che ha impiegato 7 giorni e mezzo per compiere le 3884 miglia del percorso. Soldini sarebbe più che soddisfatto se con il suo monoscafo riuscisse ad arrivare in 12/13 giorni.

Fondamentali saranno le condizioni meteorologiche, soprattutto al centro dell’Atlantico dove c’è una bolla senza aria, che se ‘obbligata‘ farebbe saltare ogni  possibilità di stabilire un record.  Da mesi Soldini e i suoi consulenti meteo stanno studiando le possibili evoluzioni della meteo per individuare la finestra nella quale tentare la traversata.  Con Soldini in barca ci saranno tre stranieri, il tedesco Boris Herrmann, l’americano Brad Van Liew e lo spagnolo David Vera e quattro italiani, Gabriele Olivo, Guido Broggi, Corrado Rossignoli e Marco Spertini: tutti velisti prestigio con alle spalle anni e anni di vela oceanica, Coppa America e regate internazionali.
Dopo la Cadice-San Salvador, la barca di Soldini si trasferirà a Charleston, South Carolina negli Usa, da dove partirà per tentare il record Miami-New York e infine per tentare il nuovo record di traversata dagli Usa all’Europa, sulla rotta New Yor Point Lyzard.

 

 

Ti potrebbe interessare anche...