Cesenatico. Il sindaco Buda ha incontrato il Touring club italiano.

Cesenatico. Il sindaco Buda ha incontrato il Touring club italiano.
Sindaco Buda e Touring club.

IL SINDACO BUDA & TOURING CLUB. Nonostante la minaccia di neve e pioggia e il freddo pungente non ci sono state defezioni fra gli oltre 300 soci del Touring club italiano che avevano prenotato la visita turistica a Cesenatico di domenica 29 gennaio. Era la prima proposta nazionale della manifestazione de ‘La Penisola del tesoro’ che ogni anno la storica associazione organizza per far conoscere ai suoi soci monumenti e musei fra i più belli d’Italia ma, spesso, non conosciuti adeguatamente al loro valore. A Cesenatico la proposta centrale della visita era il museo della marineria e di qui i visitatori partivano per una passeggiata lungo il porto canale e la piazza delle conserve per terminare al Centro di ricerche di biologia marina e al battello oceanografico Daphne. Molti dei partecipanti hanno avuto poi l’opportunità di gustare ed apprezzare le rinomate specialità marinare dei ristoranti cesenaticensi. Nel già intenso programma era inserita anche una seguitissima conferenza del biologo Attilio Rinaldi sullo stato della salute del mare Adriatico.

NON SOLO MARE. Il sindaco Roberto Buda ha portato agli intervenuti il saluto della città ricordando quanto Cesenatico possa offrire al turista non solo in tema di offerta turistica balneare ma di valore storico e artistico. Ha affermato Buda: “L’iniziativa è lodevole e ricca di significato. Il Touring ci accompagna nella conoscenza e valorizzazione della nostra terra ricca di musei, monumenti, luoghi d’arte ma anche di natura, tradizioni e cultura non sempre noti alle persone. Momenti come questi aiutano la crescita personale e civile dell’Italia”.
Oltre al Museo e al Borgo marinaro splendidamente affacciato al porto canale i soci del TCI che provenivano da numerose regioni italiane, sono stati accompagnati anche a Casa Moretti e all’ Antiquarium. La passione e la professionalità delle guide turistiche dello staff del museo della marineria sotto la guida del direttore Davide Gnola, il contributo della biologa Carla Ferrari responsabile della struttura Arpa Daphne e del dott. Roberto Poletti, hanno contribuito in modo determinate al successo dell’iniziativa. Entusiasti sono stati i commenti dei partecipanti che, praticamente all’unisono, si sono mostrati piacevolmente sorpresi dall’unicità di Cesenatico fra le proposte balneari della Costa adriatica, come hanno tenuto a sottolineare anche Marco Girolami, direttore delle attività territoriale del TCI e Pier Luigi Bazzocchi, console del Club di territorio Romagna dello stesso sodalizio.

Ti potrebbe interessare anche...