Rimini. IMU al massimo per le seconde case sfitte e fondo per la ‘gradazione’ degli sfratti

Rimini. IMU al massimo per le seconde case sfitte e fondo per la ‘gradazione’ degli sfratti
Emergenza casa (foto di repertorio)

RIMINI & ABITAZIONI. Favorire la disponibilità sul mercato di case in affitto a prezzi calmierati, e istituire un fondo di garanzia per la “gradazione” degli sfratti esecutivi, sono stati i principali ambiti di intervento emersi dalla riunione del Tavolo tecnico provinciale sull’emergenza abitativa, a cui hanno partecipato nella giornata di lunedì 30 gennaio 2012 i rappresentanti dell’Amministrazione proviniale di Rimini, dei Comuni, di ACER e delle Organizzazioni sindacali.

CASE SFITTE & IMU. Il punto di partenza è stata la constatazione che, sul territorio provinciale, a fronte di una forte richiesta di alloggi, risulta molto ampia la quota di quelle abitazioni (perlopiù si tratta di seconde case) che risultano tuttora sfitte. Proprio per far fronte a questa anomalia, che ha evidenti riflessi sull’offerta di alloggi per la locazione, i Comuni hanno assunto l’orientamento condiviso di proporre, nei rispettivi bilanci previsionali 2012, l’aliquota massima di IMU per quanto riguardo questa tipologia di abitazioni. Ciò con l’obiettivo di disincentivare di fatto il mantenimento degli stessi al solo scopo di rendita, ed inserendo di converso facilitazioni riguardo le abitazioni messe a disposizione per la locazione, in modo da incrementare il numero di case da affittare.
FONDO SFRATTI. L’altro ambito di intervento del Tavolo è stato quello relativo agli sfratti che, sul nostro territorio, si calcola si attestino intorno ai 1.400 casi, potenzialmente in esecuzione nei prossimi mesi. Per questo, anche sulla scorta di una specifica sollecitazione della Prefettura di Rimini, si è costituito un gruppo tecnico di lavoro che sia in grado, in tempi rapidissimi, di concretizzare l’istituzione di un Fondo di garanzia per la “gradazione” degli sfratti. Tale progetto, sulla falsariga di esperienze analoghe già attuate a Bologna, e con il tramite della Prefettura, sarà poi presentato agli istituti di credito e alla Regione, che verrà coinvolta anche per la parte relativa all’individuazione delle risorse economiche.

Inoltre si è deciso di presentare alla stessa Regione Emilia Romagna una proposta comune relativa alla riduzione della soglia massima di ISEE per l’accesso e il mantenimento di case popolari, che al momento è di 45.000 euro.

Quelle già proposte ieri, e quelle attualmente in elaborazione – spiega l’Assessore alle Politiche per la Casa della Provincia di Rimini Vincenzo Mirrahanno il senso di rappresentare un’attenzione più concreta per i tanti casi di emergenza abitativa. Non solo, stiamo cercando, anche con l’aiuto del Tribunale di Rimini, di impostare un lavoro permanente di studio e verifica che ci permetta di impostare politiche di intervento per l’emergenza abitativa ‘in tempo reale’, vale a dire via via tarate sul tipo di risposta più efficace a seconda della problematica che emerge sul territorio. Questo soprattutto per assicurare la salvaguardia del diritto ad un’abitazione per le famiglie a basso reddito e l’ampliamento dell’offerta di abitazioni in affitto a prezzo calmierato”.

Ti potrebbe interessare anche...