Imu sugli immobili agricoli. Senza esenzioni, un settore penalizzato.

Imu sugli immobili agricoli. Senza esenzioni, un settore penalizzato.
Terreno agricolo. Immagine di repertorio

REGIONE & IMU. Non c’è solo neve. Ci sono anche i problemi legati al mondo agricolo. Come anche i consiglieri regionali PD Tiziano Alessandrini e Damiano Zoffoli , il consigliere regionale PD Mario Mazzotti è uno dei firmatari della risoluzione presentata in Assemblea Legislativa dal Gruppo PD per chiedere l‘esenzione dall’IMU per gli immobili agricoli.

Nella nostra regione - afferma Mazzotti – il settore agricolo ha grande rilevanza sociale ed economica, ma negli ultimi anni si è registrato un calo del 31% delle aziende attive. Per evitare la scomparsa di altre importanti realtà produttive servirebbero opportuni provvedimenti in materia fiscale e di sviluppo economico, ma la legge n. 214 del 2011, che ha anticipato l’entrata in vigore della imposta municipale unica (IMU), rischia di peggiorare ulteriormente la situazione.

Le nuove disposizioni introdotte – sottolinea il consigliere – stravolgono il regime fiscale degli immobili agricoli, siano essi terreni o fabbricati imponendo un aggravio fiscale con evidenti ricadute negative sui costi della produzione e sulla sopravvivenza stessa delle imprese. La necessità prioritaria per il settore è mitigare l’impatto dell’Imu sia per quanto riguarda gli elementi quantitativi che per le modalità applicative, che rischiano di introdurre elementi di incertezza e disparità ulteriori tra i territori comunali.

Con la risoluzione presentata - si legge nella risoluzione - chiediamo alla Giunta di adoperarsi in tutte le sedi più opportune perché gli immobili agricoli siano esentati totalmente dall’IMU e di sollecitare al Governo l’apertura di un tavolo di confronto con le Regioni volto ad individuare, in subordine, criteri alternativi di applicazione dell’IMU, senza pregiudicare la sussistenza del settore agricolo italiano e nella consapevolezza della gravità della finanza nazionale e degli obiettivi del decreto “Salva Italia”.

“Chiediamo inoltre – conclude Mazzotti – che la Giunta si adoperi presso il Governo nazionale perché si riveda il meccanismo di calcolo relativo ai terreni condotti dagli agricoltori, in modo da salvaguardare i principi che, sino ad oggi, data la particolarità del settore agricolo, hanno determinato l’applicazione di specifiche regole fiscali per il settore stesso.”


Ti potrebbe interessare anche...