Briciole per gli uccelli. Un aiuto anche a loro, rimasti al freddo e al gelo

Briciole per gli uccelli. Un aiuto anche a loro, rimasti al freddo e al gelo
Briciole agli uccelli (foto di repertorio)

NEVE & ANIMALI. In questi giorni di freddo e neve, sono diversi gli appelli lanciati dall’Ente Nazionale per la Protezione Animali (Enpa) affinché le persone pensino anche agli animali. Importante è la sicurezza di ognuno di noi, rassicurante è sapere di poter stare al caldo con almeno i beni di prima necessità. Ma chi pensa agli animali che rimangono fuori in un ambiente inospitale in cui è sempre più difficile trovare riparo o cibo?
Oltre all’attenzione e alla cura per i propri animali domestici, l’Enpa sta lanciando appelli – ricchi di consigli – per invitare ad aiutare anche gli animali non domestici nelle località più colpite dal maltempo.

NEL BOSCO O DAVANTI CASA. Fortunatamente in diverse zone sono state già messe in campo azioni di recupero di animali rimasti isolati o di distribuzione di cibo nei boschi. In Romagna, ad esempio, sono oggetto di soccorso, oltre agli animali negli allevamenti, anche lepri, caprioli e volatili. Proprio questi ultimi sono al centro di uno degli appelli dell’Enpa. A causa dell’urbanizzazione infatti gli uccelli hanno perso molti ripari naturali e fonti di cibo, così l‘Enpa chiede dunque di lasciare delle briciole di pane o della frutta secca sul davanzale, sul terrazzo o nei parchi pubblici, in modo da rendere più semplice  la loro ricerca di cibo.

Un altro appello lanciato nei giorni scorsi riguarda i cani, i cui padroni sono stati invitati a tenere i propri ‘amici a quattro zampe’ in luoghi più riparati dal gelo e senza la catena. Insomma, anche senza andare nei boschi in condizioni meteorologiche avverse, è pur sempre possibile fare qualcosa per questi animali ‘costretti’ al freddo e al gelo.

Ti potrebbe interessare anche...

1 Commento

  • milena

    AVVISO IMPORTANTE!!!
    IN INVERNO NON DATE PANE E BRICIOLE DA MANGIARE AGLI UCCELLINI!!!
    Il pane e gli altri prodotti da forno una volta nel gozzo dell’uccellino richiamano acqua per essere inumiditi e digeriti. Si forma così un blocco di “pane bagnato” che a sua volta richiama calore per raggiungere la temperatura corporea, e con questo freddo l’uccellino finisce per morire di freddo perchè non riesce a scaldare il corpo e il pane freddo e umido.
    Se volete aiutarli fornitegli semi interi che non richiamano acqua nel gozzo! I semi li vendono nei negozi di mangimi e anche alla Coop. Naturalmente se c’è la neve mettete i semi in un piattino e non alla portata di gatti!
    GRAZIE!

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale