Erosione marina. A Riccione il sabbiodotto partirà a fine estate

Erosione marina. A Riccione il sabbiodotto partirà a fine estate
Erosione marina (foto di repertorio)

RICCIONE. Si è svolto stamane in Municipio un incontro per fare il punto sullo stato degli interventi di lotta all’erosione marina, sui tempi di realizzazione del sabbiodotto, l’impianto di pompaggio della sabbia dai punti di accumulo in prossimità dell’imboccatura del porto alle aree, a Sud e a Nord, più soggette all’erosione, sui tempi degli interventi di ripascimento dell’arenile. All’incontro, presieduto dal Sindaco Massimo Pironi, hanno partecipato i tecnici della Regione, l’ing. Sanzio Sammarini del Servizio tecnico di bacino Romagna, sede di Rimini, l’ing. Carlo Albertazzi del Servizio regionale Difesa della Costa di Bologna, l’ing. Ivo Castellani, Dirigente comunale dei settori Ambiente e Lavori pubblici, l’Assessore all’ambiente Enrico Ghini, i tecnici comunali, i presidenti delle cooperative Bagnini di Riccione, i rappresentanti delle Associazioni di categoria cittadine.

Il Sindaco Pironi ha aperto l’incontro rimarcando il proprio “orgoglio per l’essere riusciti ad affermare anche a livello regionale la peculiarità della spiaggia di Riccione come una situazione di qualità, come l’unico tratto di costa senza difese invasive del litorale e senza sistemi rigidi, che possono anche portare benefici su piccola scala locale, ma creano scompensi su scala più ampia.”

L’ing. Sanzio Sammarini del Servizio tecnico di bacino Romagna, sede di Rimini, ha poi riferito dello stato di avanzamento della procedura di affidamento del sabbiodotto. Le gare sono state svolte, le imprese individuate, la procedura consentirà di affidare l’appalto in via definitiva entro metà marzo. La ditta individuata per la realizzazione del sabbiodotto riccionese è la Coop. San Martino di Chioggia.

TEMPI DEI LAVORI & FINANZIAMENTI. La decisione, assunta di concerto con le Associazioni di categoria, è quella di rinviare l’apertura del cantiere immediatamente alla fine della prossima stagione estiva, per non creare disagi alle attività di spiaggia. Se ci saranno i tempi, la Direzione tecnica potrà decidere di realizzare, già prima dell’estate, un piccolo segmento dell’opera, 80-100 metri, a titolo sperimentale, per partire poi dopo l’estate, avendo affinato tecniche e procedure. Anche le gare di affidamento delle operazioni di ripascimento sono in via di aggiudicazione definitiva. Come ha ricordato l’ing. Sammarini, il ripascimento è finanziato con un importo di 600mila euro, da parte della Regione Emilia Romagna, ripartito sul biennio 2012-2013, e comprensivo dell’arenile di Riccione e Misano, per 56mila metri cubi complessivi. Di questi, 30mila metri cubi (15mila all’anno) sono destinati a Riccione. Vi andranno aggiunti circa 5mila-6mila mc di sabbia che verranno ricavati dalla dragatura del porto canale, e altri 5mila mc di “tesoretto” accantonato dal Comune per le emergenze estive. Lo spianamento delle dune, realizzate in autunno a difesa dalle mareggiate, avrà inizio lunedì 16 aprile. Nei prossimi mesi, la draga comunale, di proprietà Geat Riccione, la società “in holding” del Comune, verrà adeguata e potenziata per poter “dialogare” con l’impianto del sabbiodotto, in cui dovrà riversare la miscela di acqua e sabbia prelevata dai punti di accumulo all’imboccatura del porto. L’intervento di potenziamento della draga è stato già finanziato, nel novembre scorso, con un importo di 568.700 euro, di cui 220 mila coperti da contributo dell’Emilia-Romagna.

Il sabbiodotto di Riccione si compone di due segmenti: il primo a Nord del porto canale, lungo 550 metri; il secondo, a Sud, lungo 3.300 metri. La tubazione sarà intervallata da 25 pozzetti di ispezione. Per la lunghezza della tratta a Sud, l’impianto prevede una stazione di pompaggio supplementare in piazzale San Martino, alimentata da un motore diesel di 450 Kw, alloggiato in una cabina insonorizzata. Il costo dell’impianto ammonta a un milione di euro, finanziati per intero da fondi regionali.

Ti potrebbe interessare anche...

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale