Due nuove risonanze magnetiche al Bufalini di Cesena.

Due nuove risonanze magnetiche al Bufalini di Cesena.
Inaugurazione nuove risonanze al Bufalini

CESENA & OSPEDALE. Importante investimento tecnologico per i reparti di Neuroradiologia e Radiologia dell’Ospedale Bufalini di Cesena. Sono state inaugurate questa mattina – alla presenza del Sindaco di Cesena Paolo Lucchi e del Direttore Generale dell’Ausl di Cesena Maria Basenghidue nuove risonanze magnetiche di ultima generazione che, oltre a garantire prestazioni incomparabilmente migliori in termini di rapidità e accuratezza degli esami, permettono di introdurre all’ospedale Bufalini anche una nuova tipologia di indagine diagnostica. Un investimento considerevole, pari a circa 3.300.00 euro, che rappresenta un importante passo in avanti nella diagnostica per immagini a disposizione dei cittadini cesenati.

NUOVE APPARECCHIATURE. Entrambe le apparecchiature hanno un campo magnetico di elevata intensità, pari a 1,5 tesla, e un tunnel d’esame più ampio (60 e 70 centimetri di diametro) che rende agevole l’effettuazione delle indagini anche per i pazienti obesi o con problemi di claustrofobia.

Una delle risonanze magnetiche – la prima in Italia completamente digitale – è entrata in funzione nell’unità operativa di Neuroradiologia, diretta dalla dottoressa Maria Ruggiero. Rispetto all’apparecchiatura utilizzata fino a oggi, la nuova strumentazione permette di eseguire esami a più alta risoluzione, cioè con immagini più definite, ed è dedicata a tecniche avanzate di indagine (spettroscopia, diffusione, perfusione e attivazione corticale) che consentono studi approfonditi in particolare della patologia neoplastica, vascolare, degenerativa, sia nella fase di diagnostica iniziale della malattia sia nel monitoraggio dopo la terapia.

La seconda apparecchiatura – dedicata allo studio delle patologie di tutte le parti del corpo e osteoarticolari – è stata installata nei locali rinnovati dell’unità operativa di Radiologia, diretta dal dottor Maurizio Mughetti e si va ad aggiungere alla due risonanze magnetiche già presenti. Questa apparecchiatura rappresenta per l’ospedale Bufalini una forte innovazione, in quanto consente di effettuare indagini in nuovi campi di applicazione: dallo studio della patologia cardiaca alla patologia vascolare periferica fino all’approfondimento con mezzo di contrasto degli esami senologici. La nuova strumentazione permette inoltre di ampliare l’offerta di Risonanza Magnetica per lo studio dell’addome-pelvi.

Ti potrebbe interessare anche...