D come Donna. Nel mese di marzo, dal Pensatoio dello Sciamano parliamo di Bagni derivativi.

D come Donna. Nel mese di marzo, dal Pensatoio dello Sciamano parliamo di Bagni derivativi.
Donna sotto la doccia. Immagine di repertorio

DAL PENSATOIO DELLO SCIAMANO.Care amiche, cari amici, Namasté !
Finalmente è arrivato marzo,mese in cui i sensi iniziano a risvegliarsi, la primavera sotto la terra freme per esplodere in tutti i suoi colori e le sue forme e dopo tanto freddo, finalmente ci godiamo il primo bel sole che ci scalda dentro e fuori! E marzo è anche il mese dedicato alle donna, con la nostra festa che ricade nel giorno otto per l’esattezza.

‘D’ COME DONNA. ‘D’ come donna. Andando nella ‘ soffitta dei ricordi ‘ d’infazia o meglio al tempo in cui cercavano di insegnarmi l’alfabeto, ricordo che la lettera d non mi piaceva molto, cosi grossa e tondeggiante. A distanza di anni, quella d di donna, con qualche capello bianco in testa mi risuona come lettera positiva dell’alfabeta in cui vi è davvero quella piena consapevolezza del nostro essere femminile. Donne che amano, che lavorano, capaci di sacrificarsi e di non mollare di fronte alle problematiche della vita, donne che anche fuori dal contesto lavorativo, sono capaci di fare dieci cose in contemporanea senza batter ciglio… Ma per non ricadere nel cliché di quegli uomini che potrebbero pensare ‘ecco la solita femminista’, per augurare una bella festa a tutte e darvi qualche buon rimedio ‘casalingo’ per ovviare a certi disturbi che a volte abbiamo, oggi vi parlo dei Bagni Derivativi.

I BAGNI DERIVATIVI. I bagni derivativi sono un rimedio semplice, economico e pratico che tutti noi possiamo applicare a livello casalingo senza problemi. Questo rimedio si chiama Acqua. Si avete capito bene, sto parlando della comune acqua che noi tutti abbiamo in casa e che possiamo usare come metodo alternativo. Questa non è una tecnica moderna o un ritrovato degli ultimi anni, ma  fa parte di molte tradizioni popolari ed è stata ri-scoperta in occidente da Louis Kuhne.  Lo stesso Kuhne  è arrivato a ri-scoprirli osservando l’ambiente circostante o meglio assordando il comportamento di un gatto che per guarire rapidamente da una frattura ha utilizzato una ‘ miracolosa cura fai da te ‘ che consisteva nel leccarsi ripetutamente le zone intime sesso. Vedendo tutto questo lo stesso Louis ha quindi provato a replicare la cura su di se attraverso dei getti d’acqua fredda continui nelle parti intime e guarì talmente tanto rapidamente da indagare e ri-scoprire quelli che oggi vengono chiamati tecnicamente semicupi con frizione o bagni derivativi.

COME LI POSSIAMO FARE? Come li possiamo fare? Quest’ultimi consistono in risciacqui e piccole frizioni con l’acqua fresca nella zona genitale da fare una o due volte al giorno per 10-15 minuti attraverso il getto d’acqua presente nei nostri bagni. Quando si effettuano consiglio di indossare un bel paio di calzini di lana o di cotone grosso, anche in estate, per chi ha la tendenza ad essere freddoloso come me e coprire anche la zona delle spalle. Questo perché al primo impatto con l’acqua fredda la nostra temperatura corporea potrebbe scendere un pochino. Quindi un piccolo accorgimento per avere il beneficio dell’acqua senza rabbrividire!

LA MEDICINA ORTODOSSA. La medicina ortodossa o classica ovviamente non ha mai testato questa metodologia in modo clinico, nonostante i migliaia di casi documentati  per non parlare delle tante persone che in altri paesi europei come la Francia ne fanno già uso. Per chi fosse curioso o volesse approfondire la materia esiste un libro molto interessante che a mia volta ho letto di F.Guillain in cui l’autore riporta la propria esperienza ventennale sull’uso di questa  tecnica casalinga, semplice ed efficace. I bagni,infatti,  possono aiutarci per diverse condizioni di disagio come il mal di testa, mal di gola, stitichezza, pruriti di varia natura, arrossamenti e tanti altri ancora, tra cui il favori mento della perdita di peso. In più se dopo un bel bagno derivativo ci vogliamo coccolare ancora un po’ e per prepararci all’arrivo sempre più imminente della primavera,la vostra Fede vi consiglia una bella tisana a base di Tarassaco, Solidago, Peduncoli di ciliegio, Angelica, Melissa e Fiori d’arancio. Potrete farvela preparare dalla vostra erboristeria di fiducia e prenderne una tazza tutte le sere o al mattino se vi è più comodo per 15-20 giorni. Questo vi servirà a drenare i liquidi in eccesso, pulire il nostro amico fegato e darci più energia.

CONCLUDO DEDICANDO UNA POESIA A TUTTE LE DONNE. Concludo dedicandovi una poesia amiche in occasione della festa nostra festa  Elogio alle donne, elogio alla vita:
Libellula sei tu per me,che voli alta sui cieli infiniti dell’anima. Occhi che scrutano l’umano desio, donando gioia come solo gli artisti san fare col loro magico estro. Capace di trasmutare i pensieri
in realtà. Essenza di fiori e fragranze che inebria il destino dell’uomo collocandolo tra cielo e terra. Tu sola sei l’angelo  che scalda il cuore con gioiosi sorrisi, saggezza concreta che mai ferisce, ma sempre conforta. Sei tu il miracolo divino, che porta il nome di Donna.

AMICI, AMICHE LA PROSSIMA PUNTATA PARLEREMO DI. Amici, amiche la prossima puntata parleremo di Feng Shui , l’arte di far fluire l’energia. Spero di avervi offerto un nuovo spunto anche stavolta per prenderci cura di noi e vi ricordo che se desiderate scrivermi, rivolgermi domande o avete dei quisiti, potete scrivermi compilando il form che troverete in calce ad ogni mio articolo.
Vi aspetto

La vostra Fede

 

Ti potrebbe interessare anche...