Afganistan, un altro giovane militare italiano ucciso. Onore al bersagliere Michele Silvestri.

Afganistan, un altro giovane militare italiano ucciso. Onore al bersagliere Michele Silvestri.
Bersaglieri in Afganistan ( immagine di repertorio)

I NOSTRI MORTI. Le agenzie hanno battuto queste informazioni: ” Un soldato italiano è morto e altri cinque militari sono rimasti feriti per un attacco con colpi di mortaio, avvenuto alle 18 circa (le 14.30 in Italia), contro la Forward Operative Base «ICE» in Gulistan, settore Sud- Est dell’area di responsabilità italiana. Il militare morto faceva parte del 21esimo reggimento Genio della Brigata Bersaglieri Garibaldi di Caserta. La vittima è Michele Silvestri, 33 anni, di Monte di Procida, spostato con un bambino piccolo. Dei cinque militari feriti due sono in condizioni molto serie, uno di loro è una ragazza, fa sapere il comando di Herat. Tutti sono ricoverati in un ospedale militare da campo americano a Delaram”.

Ancora notizie di nostri giovani che lasciano la loro vita in Afganistan. Una guerra senza fine. Un conflitto che, forse, più per la storia che per il presente, potrà anche aver i suoi benefici effetti per il mondo, ma che tutti ormai vorrebbero vedersi esaurito. Dall’Europa, agli Usa, all’Australia. Con tante giovani vite umane perse e il pericolo del ‘radicalismo religioso’ niente affatto ridimensionato. C’è quindi più d’un motivo per riflettere. In fondo, cui prodest? ( a chi giova?), avrebbero detto i latini, che di ‘governo‘  col mondo se ne intendevano, eccome!

Onore e gloria a al bersagliere Michele Silvestri, morto – checchè ne dicano coloro che l’ hanno ucciso –  per la pace e la civiltà.

UNA LIBERAZIONE DA CONFERMARE. Intanto la rete Ndtv indiana, ha annunciato – citando emittenti locali- la liberazione da parte d’un gruppo maoista dei due italiani, Paolo Boscuso e Claudio Colangelo, sequestrati qualche tempo fa. La notizia attende una conferma ufficiale da parte della Farnesina.

Articoli più letti