GP di Cina e Serie A. Campionati sospesi per la morte del 25enne centrocampista Morosini.

GP di Cina e Serie A. Campionati sospesi  per la morte del 25enne centrocampista Morosini.
Morosini, portato in Ospedale

 

 

LA CRONACA DAL DIVANO. E’ una storia molto triste quella del 25enne centrocampista del Livorno accasciatosi in campo quando la palla era lontana e, poi, morto subito dopo – e nonostante i tempestivi soccorsi, forse bloccati in strada  ( per qualche minuto)  da un posto da una pattuglia di Vigili –  all’ospedale di Pescara, tra l’altro,  neanche tanto distante dallo stadio adriatico.

L’ha sintetizzata, commosso,  un dirigente dell’Atalanta, squadra in cui Morosini era cresciuto per poi passare ( tra altre squadre)  all’Udinese da cui il Livorno l’ha prelevato. ” E’ incredibile come la vita s’accanisca, a volte, contro la stessa persona. Aveva perso da piccolo la mamma e, a 19 anni, il babbo; poi un  fratello, per incidente,  mentre la sorella ha problemi di handicap.  Il suo viso era qualche volta velato di comprensibile tristezza, ma nonostante tutto restava un carattere dolcissimo e sempre disponibile con tutti. Sì, è davvero incredibile, come la vita si sia  accanita così tanto contro questo meraviglioso ragazzo”.
La Federazione  ha intanto sospeso tutti i campionati. Al Bernabeu, invece, prima i Real-Gijon, un minuto di assoluto e commosso silenzio ha salutato il giovane e sfortunato giocatore italiano.

LE NOTE D’AGENZIA. Le agenzie ‘battono‘  la morte d’un giovane calciatore.  Piermario Morosini, colto da malore durante Pescara-Livorno. La notizia del decesso del 25enne centrocampista del Livorno è stata poi  confermata dal cardiologo dell’ospedale di Pescara Edoardo De Blasio. Subito dopo scene di dolore straziante tra i giocatori del Livorno che hanno saputo in diretta la morte del loro compagno di squadra.

GARA SOSPESA.  La partita  Pescara-Livorno,  di serie B,  fermata alla mezzora per l’improvviso malore del livornese crollato in campo quando il pallone era lontano, è stata poi sospesa.  Mentre il centrocampista veniva soccorso con un defibrillatore e i suoi compagni scoppiavano in lacrime, il pubblico ha cominciato a chiedere a gran voce di sospendere la partita. Sugli spalti anche un tifoso è stato colto da  malore, ed è stato soccorso. Le due squadre sono tornate negli spogliatoi, mentre l’ unico a rimanere in campo è stato  Zeman. Affranto e senza parole. Fin qui la cronaca, vedremo gli aggiornamenti in seguito. Il Pescara ( 62 punti) è in lotta per la promozione, il Livorno ( 38 punti) naviga invece nella seconda parte del tabellone,  ma in posizione tranquilla.

LA POLE DI ROSBERG. Avevamo pensato ad una edizione particolare mper questo turno di automondiale. Pole position, questa mattina, infatti, nel Gp di Cina ( Shanghai), per Rosberg seguito dal compagno di squadra Schumacher ( Mercedes); terzo Kobaiashi ( Sauber), quarto Raikonen ( Lotus) e solo nono Alonso ( Ferrari).

Ma qualcosa di anomalo, probabilmente, è successo. Forse a causa della pista, forse a causa della insistente ‘pioggerellina’, forse per tutte e due le ragioni ( più altro) accumulate, ma qualcosa ‘di nuovo’ ( certo) oggi brilla nell’aria.
Il ‘vecchioSchumi, che mito resta anche se datato, dopo alcune apparizioni nelle libere ( della vigilia) e nelle pole dei Gp precedenti, meritava questo risultato. Non è che la rondine sia annuncio di primavera, ma qualcosa di concreto sembra indicare, soprattutto, circa il valore d’un auto che sta ( finalmente) trovando una sua identità.
Solito ‘ canto di delusione’  va intonato invece per la Ferrari di Madrigali che nonostante il pilota ( più forte) non corre ma arranca. “ Speriamo ora nella pioggia – si consola Ferdy – perché così potremmo guadagnare posizioni”.

“ La gara è una incognita – precisa invece Schumi, segnato dalla delusione provata nelle due gare precedenti –; certo, ci a piacere vedere che il mezzo è finalmente competitivo”.

DISORDINI IN BAHREIN. Mentre Bernie, annuncia di ‘essere felice di poter andare in Bahrein’, altri alla ifa stanno incrociando le dita visto nel nella capitale del ricco paese arabo un gruppo di contestatori ha bruciato bandiere con il volto di Ecclestone. Niente di grave per il voto non proprio simpatico i Bernie, qualcosa di più preoccupante però il Grande circo della F1 dovrebbe avvertila. Lungo la schiena.

COSI’ IN TV DOMANI. Ore 9, Gp di Cina, tivù diretta Rai1, sintesi Rai2 ( ore 19,30).

ALTRI SPORT. Rossi si è beccato ( giustamente) il Tapiro; le due Luna Rossa, a Napoli, sono in semifinale ; Varese e Pesaro, nel basket, si giocano i play off; bella invece tra Villa Cortese e Busto ( 2-2), per lo scudetto del volley femminile.

 

Ti potrebbe interessare anche...