Emilia Romagna. Amministrative & ballottaggi: ‘fenomeno’ Grillo e pericolo astensionismo.

Emilia Romagna. Amministrative & ballottaggi: ‘fenomeno’ Grillo e pericolo astensionismo.
Voto, foto di repertorio

AMMINISTRATIVE. Ballottaggio. Ci siamo, il 20 e 21 maggio, si va al ballottaggio in 118 comuni italiani. C’è molta attenzione su queste giornate di voto, gli occhi sono puntati soprattutto sul Movimento Cinque Stelle – la ‘new entry’ di queste elezioni –  che è al ballottaggio a Garbagnate milanese, Budrio, Comacchio, Mira ma soprattutto a Parma, dopo aver già vinto al primo turno a Sarego.

I PARTITI SONO MORTI? In molti hanno detto che al primo turno il voto al Movimento Cinque Stelle è stato un voto di protesta, può essere ma può essere che lo sia solo in parte, e sicuramente non è valido per tutti. Insomma il voto del cittadino va rispettato perchè voto di un cittadino libero. Così sul blog di Beppe Grillo si spiega che il voto non è dei partiti ma dei cittadini:

Le indicazioni di voto da parte dei partiti per i ballottaggi, con la pretesa che le seguano, sono un insulto agli elettori. Sembra che il voto appartenga ai partiti, non ai cittadini. Ricordano la favola della pulce che dava ordini a un elefante parlandogli nell’orecchio convinta che le ubbidisse. L’elefante neppure la sentiva e proseguiva nel suo cammino. L’usucapione del voto non è ancora prevista per legge. Bersani si rassegni. I voti al MoVimento 5 Stelle sono voti di cittadini liberi. I partiti sono morti, la loro voce arriva dall’oltretomba“.
(www.beppegrillo.it/2012/05/i_voti_degli_al/index.html)

ASTENSIONISMO. Non sono solo i ‘grillini’ l’unica ombra sulla ‘classica’ politica, ce n’è un’altra e si chiama astensionismo. Ricordiamo che i Comuni al voto in Emilia-Romagna hanno registrato, rispetto alle elezioni precedenti, il calo maggiore di affluenza (- 10,9% complessivo) alle urne rispetto alle altre regioni italiane (la media è stata – 6,9%).

BALLOTTAGGIO. Ma veniamo al voto: quattro Comuni al ballottaggio. Per eleggere il primo cittadino nei Comuni di Parma, di Piacenza, di Budrio (Bo) e di Comacchio (Fe) sarà necessario il turno di ballottaggio fissato per domenica 20 e lunedì 21 maggio.

Ai tempi supplementari a Parma andranno Vincenzo Bernazzoli (centrosinistra) e Federico Pizzarotti (M5S) che hanno ottenuto rispettivamente 39,2% (34.433 voti) e 19,9% (17.817 voti).

A Piacenza la sfida tra due settimane sarà tra Paolo Dosi (centrosinistra) e Andrea Paparo (Pdl) che al primo turno hanno raggiunto 47,1% (22878 voti) e 31,1% (15.086 voti).

A Budrio, nella bassa pianura bolognese, l’esponente del centrosinistra Giulio Pierini (46,6%) e Antonio Giacon (20,4%) del M5S si contenderanno lo scranno di primo cittadino della città di Quirico Filopanti.

A Comacchio sfida per diventare sindaco della cittadina lagunare Alessandro Pierotti (centrosinistra, 36,5% dei consensi al primo turno) e Marco Fabbri (M5S, 22,3%).

Tabella risultati comuni oltre i 15mila abitanti

 

Ti potrebbe interessare anche...