Terremoto, l’Emilia Romagna: una terra che non si arrende

Terremoto, l’Emilia Romagna: una terra che non si arrende
Terremoto Emilia Romagna 2012. Immagine di repertorio 9

EMILIA ROMAGNA.Una terra che non si arrende“: è il titolo del corsivo del presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani.
Di seguito il testo del corsivo:
Sono tanti i segnali che ci stanno dicendo che questa terra sta reagendo al sisma che l’ha colpita.
Sono le persone che vogliono riappropriarsi della propria vita. Sono le imprese che vogliono ripartire. Sono i sindaci, che stanno facendo uno straordinario lavoro.
E poi c’è il grande concerto che si terrà allo Stadio dall’Ara di Bologna il prossimo 25 giugno, per contribuire alla raccolta fondi per la ricostruzione. E’ un segnale importante, e per questo voglio ringraziare i tanti artisti emiliano-romagnoli che da subito hanno detto sì alla proposta, senza dimenticare quanti stanno collaborando alla sua organizzazione.
Il concerto sarà una occasione importante per tenere alta l’attenzione di tutto il Paese su questa terra, così duramente messa alla prova. Ma sarà anche un modo per dire ai cittadini emiliano-romagnoli che c’è un intero Paese che si stringe forte a loro, che non saranno lasciati soli.
Non solo in queste ore dominate ancora purtroppo dall’emergenza, ma anche nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, quando sarà più alto il rischio che si spengano i riflettori. Non vogliamo che questo accada e per questo abbiamo in programma a settembre un altro grande concerto al Campovolo di Reggio Emilia, aperto alla partecipazione di tutti gli artisti italiani.
Tutte le risorse del concerto di Bologna e di quello Reggio Emilia saranno destinate alla solidarietà con i territori terremotati. Per ricostruire bene e presto, con trasparenza e nella legalità.
Lo voglio ribadire ancora una volta: vigileremo e saremo attentissimi a contrastare qualsiasi forma di illegalità, qualsiasi rischio di infiltrazione da parte della criminalità organizzata. Ma saremo altrettanto attenti a coinvolgere in tutta la ricostruzione le nostre comunità.
Abbiamo davanti a noi un lavoro lungo, e non facile. Ma sarà un lavoro fatto con il territorio, per il territorio, insieme alla nostra gente che sta dando prova anche in queste ore di grande dignità e forza, nonostante la paura, il dolore e gli inevitabili disagi.
E’ nei momenti di grande difficoltà che le persone danno il meglio di sé e questo sta accadendo in Emilia-Romagna. Stiamo reagendo e sono certo che questa terra, una terra dai grandi valori, rinascerà. Meglio di prima”.

Ti potrebbe interessare anche...

1 Commento

  • ROSSELLA BELLESIA

    NON CI ARRENDIAMO ma dovete anche permetterci di lavorare, se ci sono delle aziende che non hanno avuto danni e’ giusto che riprendino l’attivita’ produttiva, PERCHE’ NON CI DITE COME DOBBIAMO INTERVENIRE per mettere in sicurezza gli ambienti di lavoro??
    Siamo tutti in attesa e intanto il lavoro non va avanti E PERDIAMO I CLIENTI.

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale