Giornata Mondiale del donatore di sangue. Cresce il bisogno di sangue a Cesena.

Giornata Mondiale del donatore di sangue. Cresce il bisogno di sangue a Cesena.
Donare sangue, immagine di repertorio

ROMAGNA & SANGUE. Oggi è la Giornata Mondiale del donatore di sangue. Buoni risultati in Romagna per numero di donazioni e utilizzo, ma a Cesena cresce il bisogno di sangue. Ecco perché occorre non abbassare la guardia con l’arrivo dell’estate. Domenica 17 giugno al Parco giochi di Rio Marano l’Avis di Cesena organizza un grande evento aperto a tutta la cittadinanza

Si consolida sempre di più l’attività del Sistema Trasfusionale di Area Vasta che vede le strutture trasfusionali e tutte le Associazioni di volontariato romagnole schierate in prima linea per rispondere al meglio alle esigenze di sangue e di emocomponenti necessari alle terapie di tutti i pazienti della Romagna. In occasione della Giornata mondiale del donatore di sangue, che si celebra oggi14 giugno, l’Officina Trasfusionale di Area Vasta fa il punto sulle donazioni di sangue nel territorio e allo stesso tempo invita donatori abituali e nuovi a rinnovare un piccolo ma prezioso gesto di solidarietà, soprattutto in estate, quando il bisogno di sangue aumenta anche per la presenza dei tantissimi turisti che arrivano in Romagna.
Per avvicinare la popolazione al gesto della donazione, per invitarli a saperne di più su come, dove e perché diventare donatori, l’Avis di Cesena organizza un grande evento aperto a tutta la cittadinanza: domenica 17 giugno a partite dalle ore 16, al Parco giorchi di Rio Marano, i giovani di alcuni gruppi Avis del cesenate si alterneranno in un torneo dove i partecipanti dovranno affrontarsi in diverse discipline, dalla pallavolo al calciobalilla, dal calcetto al minigolf. La giornata proseguirà fino a tarda sera con le musiche e l’intrattenimento della compagnia arte e spettacolo Cesena Danze.

DATI ROMAGNA. Entrando nel dettaglio dei numeri, dai dati relativi ai primi cinque mesi del 2012 nel territorio romagnolo si registrano risultati molto importanti sia nel numero di donazioni di sangue, sia nell’utilizzo trasfusionale: le donazioni sono state 25.977 (417 in più rispetto allo stesso periodo del 2011), mentre l’utilizzo è stato di 24.116 globuli rossi concentrati. Un dato questo che si conferma stabile rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

DATI CESENA. Per quanto riguarda invece il territorio cesenate, con 4.364 donazioni effettuate da gennaio ad oggi si evidenzia un andamento stazionario della raccolta, mentre al contrario si registra nello stesso periodo un modesto decremento dell’utilizzo del sangue. Per quanto riguarda i nuovi donatori, nel 2011 si sono avvicinati per la prima volta alla donazione del sangue 787 cittadini, 80 in più rispetto al 2010. “Un risultato positivo – spiega la dottoressa Rita Santarelli, direttore dell’Officina Trasfusionale di Area Vasta Romagna -, merito anche dell’intenso lavoro che annualmente viene svolto nelle scuole secondarie dagli operatori dell’Ausl di Cesena insieme al volontariato con il progetto “Salute e donazione: una scelta consapevole”. Un progetto promosso dall’Azienda USL di Cesena insieme all’Avis di Cesena per far riflettere i ragazzi sul valore civico della donazione quale espressione di solidarietà, aumentare la consapevolezza che la propria ed altrui salute è un valore da tutelare, e fornire una corretta informazione sulle tematiche sanitarie legate alla donazione di sangue e ai comportamenti a rischio.

“Se i risultati ottenuti in questi primi cinque mesi sono da considerarsi positivi – aggiunge la dottoressa Santarelli – i primi giorni di giugno non ci consentono di essere altrettanto soddisfatti. Assistiamo infatti ad un decremento della raccolta sangue che, se pur modesto, ci mette in una condizione di leggera allerta per i prossimi mesi estivi, periodo in cui notoriamente si registra una minore disponibilità di donazioni di sangue a fronte di una richiesta spesso maggiore a causa dell’aumento dei politraumi e dell’arrivo dei turisti.
Invitiamo perciò tutti i cittadini ad avvicinarsi alla donazione di sangue, mentre chiediamo ai donatori “ritardatari“ di venire a donare prima di andare in ferie. Abbiamo necessità di donazioni di sangue intero di gruppo A e O e di donazioni di plasma di gruppo B e AB”.

“Il tema scelto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per l’edizione 2012 della giornata mondiale del donatore di sangue – fa presente il presidente dell’Avis di Cesena Giorgio Vicini – è “Ogni donatore di sangue è un eroe”. Noi siamo più concreti e riteniamo che ogni donatore sia una persona normale, che compie un atto di grande civiltà donando una parte di sé gratuitamente e volontariamente per il bene degli altri. L’appello che rivolgiamo ai cittadini è di pensare seriamente a diventare donatori perché il sangue è un bene prezioso per tutti”.

Per informazioni e contatti si può telefonare ai numeri 0547/613193 e 0547/352615 o visitando il sito internet www.aviscesena.it.

Ti potrebbe interessare anche...