La Gazzetta dello sport e i suoi lettori. Ancora ( vecchi) titoli, ma primi ( nuovi) passi?

La Gazzetta dello sport e i suoi lettori. Ancora ( vecchi) titoli, ma primi ( nuovi) passi?
Gazzetta dello sport ( immagine di repertorio)

LA CRONACA DAL DIVANO. Sulla spalla de La Gazzetta dello sport, un bel richiamo per una occasione da non perdere. L’Europeo non deve finire nel dimenticatoio. L’Europeo deve far ritrovare risorse ed energie per riportare il calcio italiano in vetta al movimento del Vecchio Continente.

I punti da curare sono sempre quelli: rapporti Lega e Fgci, giovani e vivai, squadre indebitate e con pochi italiani, stadi vecchi e non di proprietà. La novità invece starebbe nel modo con cui si vuol guardare al futuro. Determinato, fino a risultato ( totale) conseguito. Al momento La Gazzetta, con la solita inappuntabile professionalità, s’è limitata a ‘sparare’ concetti noti; mentre il tono non è ancora da ultima spiaggia. La seguiremo. Perchè, almeno per quel che riguarda i nuovi stadi, che del problema ‘ ritardo dall’ Europa’  ( Inghilterra, Spagna e Germania, con la Francia in corsia di sorpasso) risolverebbero una buona quota, non bisognerà dare tregua a chi dovrebbe fare e non fa.

LA VECCHIA SIGNORA. Leggere della Juve, in questi giorni, riempie gli occhi di gioia.  Questa Signora ( solo qualche anno fa)  caduta ( troppo) in basso e, ora, di nuovo bella e pimpante. S’è rifatta la casa, che ha riempito di mobilio nuovo di zecca. S’è riaccesa qualche credito in banca, che sta spendendo per risalire in Europa. Sta ricompattando la tifoseria, che gli è tornata a stringersi attorno come quei bei maglioni di lana pesante e colorata fatti a mano dalle mamme d’un tempo.

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE. Isla, Asamoah, qualche giovane italiano di belle speranze, in attesa di Gomez o Van Persie. Sono questi i giocatori trattati o in fase di trattazione dalla Signora. Ad occhio e croce sta imbastendo un bell’ordito, cioè, una bella squadra, che potrebbe anche diventare squadrone, fin dai prossimi passi in Champions League.

LE ALTRE. Il Milan, con la conferma di Thiago Silva  ( che, prima di rimettersi la mano sul cuore, è passato alla cassa), e il ‘blocco‘ su Ibra e Cassano, ha un po’ tamponato la situazione. Che stava scadendo a sceneggiata. Anche, se a dire il vero, non tutti i tifosi sono ancora tranquilli. Forse per questo, più che per la crisi o il ‘brutto‘ San Siro, tentennano a rinnovare li abbonamenti. Il Milan è competitivo. Ma chi lo dirige deve capire che i suoi tifosi non gradiscono affatto che emissari d’un califfo ( o sceicco o chissà chi ) si presentino in sede come miraggi spuntati dal deserto per ‘sbattere in faccia  ( al club più vincente del Mondo) i soldi loro‘ come neppure si farebbe  con un … povero diavolo .

L’Inter, dal canto suo, non vuol spendere più di tanto. Ha fermato Handanovic ( rinunciando a Giulio Cesar),  s’è buttata su qualche giovane ( Destro?) e sta spedendo ad altri Maicon ( Chealsea?), Lucio ( Juve, già fatto) e Stankovic (?).

Il Napoli, con l’uomo di cinema ( De Laurentis) sempre ‘incazzato‘, ha ceduto il Pocho e tentenna su Cavani ( anche lui passato alla cassa). L’Udinese s’è comprata un altro dei suoi pianetini in Inghilterra ( il Watford ?) e cerca giovani rimpiazzi per il prossimo anno. Impegnativo. Si spera infatti che faccia la Champions con la dovuta attenzione.

Intanto a Roma è tornato Zeman, che non sarà l’uomo voluto dalla Provvidenza, ma che sta facendo ritrovare la voglia ( e la gioia) di riscendere in campo ( non per il taca taca ma per vincere).

ALTRI SPORT. Vinci, Giorgi e Schiavone sono uscite ( agli ottavi) da Wimbledon. Troppo, bello Maria! Pallavolo, pallanuoto e pugilato arrotano i coltelli per Londra. A proposito dell’Olimpiade, è pronta una squadra di circa 280 elementi, con portabandiera Valentina Vezzali, calibrata sull’obiettivo di agguantare almeno 25 medaglia ( magari una in più della Francia, che battuta a Pechino vorrà tornare a prendersi la sua bella rivincita).

Intanto la Federazione di atletica del Sud Africa ha concesso al giovane  Pistorius di partecipare a Olimpiadi e Paraolimpiadi. Tra i normodotati disputerà i 400m e la 4×400. E’ la prima volta. La discussione sul ‘caso‘, ovviamente, resta aperta.

 

Ti potrebbe interessare anche...