Valle del Rubicone. Una denuncia dell’associazione Pu.ri: ‘ Pubblicità degradante. Territorio a rischio ? ‘.

Valle del Rubicone. Una denuncia dell’associazione Pu.ri: ‘ Pubblicità degradante. Territorio a rischio ? ‘.
Pubblicità ( immagine fornita da Pu.ri)

VALLE DEL RUBICONE.  L’associazione Pu.ri di san mauro pascoli segnala spesso situazioni di pericolo sulle strade e di degrado del territorio. Questa segnalazione, ad esempio, piuttosto allarmata, accende le luci sul ‘sitema pubblicità’. Leggiamo il testo. ” Nella vallata del Rubicone – si documenta – la pubblicità abusiva sta deturpando il territorio e mette a rischio l’incolumità degli utenti della strada per la distrazione che provoca, ma viene sempre più tollerata. Nessuno sembra accorgersene. In una delle foto allegate la pubblicità illegale è stata addirittura posta alla base del palo di sostegno di un segnale stradale. I Vigili urbani dell’Unione dei Comuni del Rubicone e gli altri organi competenti per materia, perchè fanno finta di non vedere certe forme d’illegalità che sono sotto gli occhi di tutti? Sono fatti gravissimi, perchè minano la credibilità e l’immagine della Pubblica amministrazione. In questi casi non c’è discrezionalità nel decidere se intervenire o meno. Si deve intervenire e basta, altrimenti si potrebbe incorrere in una omissione per atti d’ufficio. Il marketing della pubblicità illegale sulle strade del Rubicone è diventato di una sfrontatezza inaudita.

A titolo meramente esemplificativo, segnaliamo – fa ancora notare l’Associazione –  che sta per essere inaugurata a Gatteo una rotatoria in ricordo della storica famiglia Antonelli. Il costo dell’opera è stato sostenuto dalla Rubicon City . A nostro parere una convenzione di questo genere, che prevede in favore della Rubicon City l‘autorizzazione ad esporre pubblicità vietata dal Codice della strada  è radicalmente nulla. Chi poi ne consente l’attuazione sulla base di atti opportunamente finalizzati allo scopo, oltre a rischiare di rendersi complice dell’illecito, assume ulteriori e specifiche responsabilità, quanto meno verso quei malcapitati che subiranno incidenti stradali per colpa della distrazione”. ( testo firmato)

 

 

Ti potrebbe interessare anche...