Il FestivalAvis di Castel Bolognese compie 30anni. Torna l’appuntamento di fine agosto.

Il FestivalAvis di Castel Bolognese compie 30anni. Torna l’appuntamento di fine agosto.
Avis 2011(823) piazza

CASTEL BOLOGNESE. Il Festival Avis si terrà a Castel Bolognese dal 23 al 27 agosto 2012. Con questa festa – che si organizza dal 1982 ogni anno durante l’ultimo fine settimana di agosto per cinque serate consecutive, con consenso e partecipazione crescenti negli anni – si vuole promuovere e diffondere un messaggio di solidarietà, ispirato alla tutela del bene e della salute.
La festa, ormai entrata a pieno titolo nel novero delle tradizionali manifestazioni estive del paese, è organizzata con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Castel Bolognese e dell’Avis provinciale di Ravenna. Dove sarà la possibilità di assaggiare i piatti tipici della tradizione locale cenando comodamente seduti avvolti da un’atmosfera incantevole nel chiostro e nella piazza antistante il palazzo comunale.

IL PROGRAMMA SERALE. Ad allietare le cinque serate del Festival, da giovedì a lunedì, vi sarà musica dal vivo con diversi artisti e gruppi. Il programma degli spettacoli, tutti ad offerta libera, prevede: giovedì 23 agosto: ore 19:00 apertura dello stand gastronomico, ore 21:00 spettacolo con Renato Tabarroni; venerdì 24 agosto: ore 19:00 apertura dello stand gastronomico, ore 21:00 ‘Renzo il Rosso canta Leo Ceroni‘; sabato 25 agosto: ore 18:30 apertura stand gastronomico, ore 21:00 spettacolo con Mirella Cedrini; domenica 26 agosto: ore 18:30 apertura stand gastronomico, ore 19.30 Remember Disco Story 70/80/90 con Ren Deejay, ore 21:00 gruppo di ballo e spettacolo I Diavoli della Frusta; lunedì 27 agosto: ore 19:00 apertura stand gastronomico, ore 21:15 spettacolo con le Dive.

LE PREMIAZIONI. Inoltre, nelle giornate del FestivalAvis vi saranno altri appuntamenti, quali: venerdì 24 agosto alle 19:30 la gara podistica non competitiva a premi; domenica 26 agosto alle 10 la Santa Messa del donatore in San Petronio; domenica 26 agosto alle 11:30 la premiazione dei donatori benemeriti nella Sala consiliare; lunedì 26 agosto alle 20:30 l’estrazione della tombola, a cura dei commercianti, nell’ambito dell’iniziativa ‘I ricchi premi delle 4 stagioni’.

 

 

 

 

 

Il presidente dell’Avis provinciale Francesco Laghi: «Il bisogno di sangue non va mai in vacanza così come i volontari Avis impegnati anche nelle tante iniziative in corso e in programmazione per questi mesi estivi. La giornata del nuovo donatore raddoppia nell’ultimo fine settimana di agosto nel territorio faentino, che si mobilita per la solidarietà, con le manifestazioni di Castel Bolognese e di Faenza».

 

 

L’ultimo fine settimana di agosto vede i tantissimi volontari Avis del territorio faentino, quelli di Castel Bolognese e quelli di Faenza, impegnati in due eventi variegati e ricchi di appuntamenti per tutte le età.

 

L’Avis provinciale di Ravenna, infatti, collabora con le sezioni di Castel Bolognese e di Faenza per la realizzazione di due manifestazioni: il tradizionale Festival Avis di Castel Bolognese, giunto alla trentesima edizione, che si svolge dal 23 al 27 agosto; e il primo raduno nazionale del donatore furioso che avrà luogo a Faenza il 25 e il 26 agosto e qui, in piazza del Popolo, domenica 26 agosto, sarà presente l’autoemoteca per la donazione e per chi intende avvicinarsi al dono per la prima volta.

 

«Da un lato un appuntamento consolidato e collaudato – entrato a pieno titolo nel novero delle manifestazioni estive del Comune di Castel Bolognese – che vede protagonisti nell’ideazione, nella realizzazione e nella gestione numerosissimi giovani – spiega Francesco Laghi, presidente Avis provinciale di Ravenna – Il “Festival Avis” è giunto alla 30^ edizione e di questo siamo tutti orgogliosi. Significa che c’è dialogo intergenarazionale, che c’è scambio e ricambio fra volontari. Significa che l’Avis qui ha messo solide radici».

 

E la soddisfazione del presidente Laghi è altrettanto forte nel momento in cui presenta l’altra iniziativa dell’ultimo fine settimana di agosto, in programma a Faenza: “Io dono. Il primo raduno nazionale del donatore furioso”. «Il dialogo, lo scambio e il ricambio fra generazioni e volontari è dimostrato anche nel momento in cui nascono nuove iniziative e ci si sperimenta, come nel caso dell’appuntamento di Faenza, in piazza del Popolo. Anche in questo caso tanti sono i giovani protagonisti».

E Laghi prosegue specificando: «L’impegno e lo sforzo che richiedono queste due manifestazioni dimostrano sicuramente una cosa: il bisogno di sangue non va mai in vacanza così come i volontari Avis. O impegnati nella donazione o impegnati nella realizzazioni di eventi di socializzazione e promozione di valori quali la solidarietà e il rispetto, la tutela della salute, i volontari Avis ci sono. Iniziative come queste possono dare una mano a tenere insieme una società a rischio frammentazione. Dobbiamo fare in modo che il tessuto sociale ‘tenga’ perché solo così è possibile costruire e realizzare passi importanti per tutti».

 

Ti potrebbe interessare anche...