Misano Adriatico. Gli speed check deterrenti contro la velocità. Calano incidenti e multe.

Misano Adriatico. Gli speed check deterrenti contro la velocità. Calano incidenti e multe.
Speed-Check

MISANO ADRIATICO. A distanza di 3 mesi dall’avvio del progetto ‘Strade sicure’ predisposto dall’assessorato alla Mobilità del comune di Misano per contrastare l’eccesso di velocità sulle strade che attraversano i centri abitati di Misano, attraverso l’installazione e l’utilizzo delle 12 postazioni fisse di Speed Check posizionate su tutto il territorio misanese, sono stati svolti nuovi monitoraggi con contatori di flusso e rilevatori di velocità sulle strade che attraversano le frazioni di Cella e Scacciano. Ne è emerso un quadro in positivo miglioramento rispetto alle rilevazioni svolte nei mesi precedenti all’installazione delle postazioni fisse.

LE CIFRE. A Misano in via Tavoleto dal 21 gennaio al 2 febbraio su 99.070 passaggi, 45.200 erano entro il limite, 53.870. Di queste ultime il 39,5% viaggiava alla velocità compresa tra i 51 e 60 Km/h, il 14,7% tra i 61 e i 90, lo 0,2% tra i 90 e i 110, e 6 automobilisti sopra i 110. Dopo l’installazione delle cabine speed check sono stati svolti altri 9 giorni di rilevamenti dal 2 al 12 giugno e si è registrata una sensibile diminuzione delle velocità. Su un totale di 124.994, 99.899 erano entro il limite, mentre 25.095 oltre la soglia indicata dei 50 Km orari. Di questi solo il 16,8% ha superato il limite ad una velocità compresa tra i 51 e 60 Km/h, il 3,2% oltre i 61 e 90 Km/h, lo 0,1% tra i 90 e i 110 Km/h e 12 passaggi oltre i 110 Km/h.

LE VELOCITA’ MEDIE. Ciò significa che su via Tavoleto la velocità media si è abbassata di oltre 6 Km/h e si è registrato un calo di infrazioni pari al 63,1%. Se si considerano poi esclusivamente i passaggi nelle ore notturne dalle 22 alle 06 di mattina la velocità media di percorrenza dei mezzi è scesa addirittura dei oltre 12 Km/h, con una inversione di tendenza estremamente importante per quanto riguarda i passaggi entro il limite. Infatti, se prima degli speed check ad infrangere i limiti erano il 78% dei mezzi, adesso a rispettare la velocità imposta sono il 77,4% degli utenti della strada. Durante le ore diurne, il rispetto dei limiti è ancora maggiore, infatti se prima infrangevano i limiti il 52,3% dei mezzi, oggi l’80,3% rispetta i limiti.

Dal 17 al 24 febbraio e poi dall’11 al 18 giugno sono stati effettuati rilevamenti anche nella frazione di Scacciano, particolarmente interessata dalla sperimentazione dei nuovi strumenti di limitazione della velocità visto che la strada provinciale corre proprio attraverso l’abitato.

GLI AUTOVELOX. Prima dell’installazione della postazione fissa per autovelox, le auto che transitavano oltre il limite di velocità erano 23.472 su 38.207. Oggi i mezzi che transitano entro i limiti sono 87,2% ovvero 39.760 su un totale di 45.584 passaggi registrati. Del 12,8% di mezzi oltre il limite consentito, il 10,6% sonio transitati ad una velocità compresa tra i 51 e 60 Km/h, il 2,2% tra i 61 e i 90 Km/h, 4 mezzi tra i 90 e 110 e 1 solo mezzo sopra i 110 km/h. L’utilizzo delle tre postazioni per rilevatori di velocità una al centro del paese e due all’ingresso dell’abitato ha ridotto di 11,13 Km/h la velocità media dei mezzi, con un calo di infrazioni del 79,2%.

Nei passaggi in notturna dalle 22 alle 06 di mattina i mezzi entro i limiti previsti sono stati ben l’85% contro il 68,8% di coloro che infrangevano i limiti prima dell’installazione degli speed check. Durante le ore diurne, il rispetto dei limiti è ancora più evidente, infatti i guidatori prudenti sono ben l’87,5% contro solo il 39,1% che precedentemente rispettava i limiti di velocità.

IL COMMENTO. “Questi dati dimostrano come l’utilizzo delle postazioni fisse bene evidenti e segnalate su tutto il territorio misanese abbia portato ad una riduzione delle velocità medie nei tratti ad alta densità abitativa, riducendo così anche il numero di infrazioni e quindi di multe – ha commentato l’assessore alla Mobilità e vice sindaco Fabrizio Piccioni -. A sua volta il calo di infrazioni e sanzioni dimostra come tali sistemi di tutela della sicurezza stradale mirino non tanto a far cassa, quanto a garantire la sicurezza degli utenti della strada e di coloro che risiedono in prossimità di essa. Ciò nonostante sono state elevate circa 50 sanzioni per eccesso di velocità, l’effetto deterrente è ottimale, ma intendiamo eliminare del tutto comportamenti illegittimi sulle nostre strade”.

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...