Emilia Romagna. Alta Formazione: domande entro 21 settembre, per gli assegni formativi.

Emilia Romagna. Alta Formazione: domande entro 21 settembre, per gli assegni formativi.
Alta formazione ( repertorio)

BOLOGNA. Un voucher fino a 6 mila euro per frequentare master universitari di I e II livello e master accreditati Asfor e Corsi di specializzazione: è l’opportunità offerta dal Catalogo interregionale per l’Alta Formazione.
Il progetto, sostenuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, vede la partecipazione insieme all’Emilia-Romagna di altre nove regioni italiane: Veneto, Campania, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Valle d’Aosta. Ogni Regione mette a disposizione risorse proprie e le persone interessate possono fare richiesta dei voucher individuali e partecipare ad uno dei corsi a catalogo, anche ai percorsi di alta formazioni delle altre regioni.
“Quest’anno abbiamo scelto di favorire l’accesso dei giovani laureati disoccupati e inoccupati ai percorsi formativi del Catalogo – spiega l’assessore regionale alla Formazione Patrizio Bianchi – Una scelta motivata dalla situazione economica e produttiva e dai dati della disoccupazione giovanile. Il Catalogo interregionale dell’Alta formazione ha la finalità di promuovere la mobilità interregionale e sostenere l’accesso alla formazione e alla specializzazione delle persone, proprio al fine di aumentarne l’occupabilità”.

LE DOMANDE. Per richiedere gli assegni formativi per il rimborso totale o parziale delle quote di iscrizione dei corsi indicati nel Catalogo c’è tempo fino al 21 settembre.
Le risorse che la regione Emilia Romagna rende disponibili sono pari ad 1 milione di euro del Fondo sociale europeo. L’investimento complessivo da parte di tutte le Regioni è di oltre 27 milioni di euro.
CHI PUO’ CHIEDERE GLI ASSEGNI. Potranno richiedere un assegno formativo tutti i giovani residenti in Emilia Romagna di età non superiore a 35 anni (alla data di scadenza della domanda), disoccupati o inoccupati in possesso di un titolo di laurea di vecchio o nuovo ordinamento conseguito con un punteggio non inferiore a 100 su 110 (o punteggio equivalente). Lo stato di disoccupazione deve essere riconosciuto dai Centri per l’impiego competenti sulla base del domicilio. Gli avvisi emessi dalle Regioni sono pubblicati sul portale che ospita il catalogo e tutte le informazioni si possono trovare sul sito: www.altaformazioneinrete.it

Ti potrebbe interessare anche...