Emilia Romagna. Il ministro conferma l’impegno su E45 e E55. Cesena in posizione strategica.

Emilia Romagna. Il ministro conferma l’impegno su E45 e E55. Cesena in posizione strategica.
Bagno di Romagna

CESENA & IMPEGNO MINISTERO E45-E55. Notizie incoraggianti da Roma per il progetto dell’E45-E55. Il Governo conferma il suo impegno per accelerare i tempi dell’opera e il Ministero delle Infrastrutture ribadisce il ruolo affidato a Cesena di cerniera strategica di collegamento dell’asse. I prossimi mesi saranno cruciali per lo sblocco dell’iter procedurale: subito dopo l’esame da parte del Cipe del progetto che sarà messo a gara, i passi successivi saranno la firma del Presidente del Consiglio e la registrazione della Corte dei Conti. Poi partirà il confronto con gli enti locali per gli aspetti più operativi.
Queste, in estrema sintesi, le indicazioni ottenute dall’incontro con il dottor Antonino D’Ambrosio, capo della segreteria del Ministro Passera, e l’ingegner Ercole Incalza, capo della Struttura tecnica di missione, svoltosi  al Ministero delle Infrastrutture, a cui hanno preso parte il sindaco di Cesena Paolo Lucchi, il vice sindaco Carlo Battistini e il presidente della Provincia Massimo Bulbi. Vista l’importanza del tema trattato, il sindaco Lucchi e il presidente Bulbi hanno voluto immediatamente informare dell’esito dell’incontro i consiglieri provinciali e comunali inviando loro una lettera in cui sottolineano gli elementi positivi raccolti ed esprimono fiducia per il seguito dell’iter.

LA LETTERA. La lettera a firma del sindaco di Cesena Paolo Lucchi e del  presidente della provincia di Forlì-Cesena Massimo Bulbi.

” Nella sede del Ministero delle Infrastrutture a Roma, abbiamo incontrato, insieme al vice sindaco di Cesena Carlo Battistini, il dottor Antonino D’Ambrosio, capo della segreteria del Ministro Passera, e l’ingegner Ercole Incalza, capo della Struttura tecnica di missione, per discutere sulle prospettive future del progetto del corridoio autostradale dorsale Orte – Mestre. Come ricorderete, la richiesta di incontro era contenuta nella lettera da noi inviata al Ministro Passera nel giugno scorso, dopo che il Governo aveva indicato questo progetto fra le opere prioritarie da realizzare in project financing con gli incentivi fiscali previsti dalla legge 183/2011. Nel frattempo è arrivata la settimana scorsa la notizia, anticipata dal vice ministro Ciaccia, che la prossima riunione del Cipe, prevista per settembre, avrà all’ordine del giorno proprio l’approvazione del progetto e del relativo piano economico-finanziario per l’E55. Alla luce di questi antecedenti, l’incontro odierno ci ha permesso di ottenere rassicurazioni importanti e indicazioni molto concrete sul seguito dell’iter procedurale.
Ci ha confortato sapere che lo stesso Governo consideri quest’ opera fondamentale per lo sviluppo del Paese, come ha ribadito il Ministro Passera assumendosi un impegno diretto al riguardo con il presidente della regione Emilia Romagna Vasco Errani, e che la compagine ministeriale abbia garantito il massimo sforzo per accelerare (anzi, ‘polverizzare’, come ci è stato detto questa mattina) il tempi del progetto. Ma soprattutto abbiamo accolto con soddisfazione la conferma che lo snodo di Cesena è considerato la cerniera strategica fra E45 ed E55, e che in questo quadro un ruolo importante è affidato alla Secante, compreso il futuro lotto zero, visto anche come tratto di collegamento con la via Emilia Bis.
Da un punto di vista operativo, il Cipe nella prossima riunione esaminerà il progetto preliminare dell’opera, già pronto per essere messo a gara. Unica modifica, rispetto all’ipotesi iniziale, che prevedeva un costo di 7,8 miliardi di euro a carico del concessionario a fronte di un impegno di 1,5 miliardi da parte dello Stato, consiste nel fatto che il costo dell’intera opera ricadrà sull’operatore privato, che in cambio potrà contare su forme di consistente defiscalizzazione.

Dopo l’approvazione del Cipe, le tappe successive saranno, entro 30 giorni, la firma della delibera del Cipe da parte del Presidente del Consiglio, e subito dopo – anche in questo caso il tempo a disposizione è di 30 giorni – il passaggio alla Corte dei Conti per la sua registrazione.

E’ legittimo attendersi, dunque, entro la fine dell’anno la conclusione di questi passaggi preliminari, dopo i quali partiranno gli incontri di approfondimento con le Regioni coinvolte e con gli enti locali delle località più significativamente interessate dal progetto: una di queste è Cesena, proprio alla luce del suo ruolo di collegamento fra E45 ed E55. Sulla base delle informazioni ricevute oggi, esprimiamo la nostra soddisfazione per il percorso operativo che è stato delineato: dopo tanti anni di attesa e tante disillusioni, l’attuale impegno del Governo ci mette nelle condizioni di essere ottimisti già per l’immediato futuro. Sappiamo che le nostre preoccupazioni passate e i nostri orientamenti sono largamente condivisi, come attestano anche gli atti ufficiali al riguardo che abbiamo assunto in questi anni negli organi istituzionali, sempre votati pressoché all’unanimità. Per quanto ci riguarda, in vista degli incontri futuri e dell’imminente rapporto con il concessionario, intendiamo avviare un ampio confronto che coinvolga gli altri soggetti istituzionali del territorio ed il mondo della rappresentanza associativa”.

 

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...