Effetto Piano Draghi. Oggi più contenuta è la distanza politica tra Germania e resto d’Europa.

Effetto Piano Draghi. Oggi più contenuta è la distanza politica tra Germania e resto d’Europa.
Mario Monti Mario Draghi Angela Merkel

L’EUROPA IN FASCE. Chissà perchè Jens Weidmann, che ha votato contro il piano Draghi (e in opposizione al suo connazionale, consigliere esecutivo della Bce, il tedesco Joerg Asmussen), che non conosciamo affatto, e verso il quale potremmo avere anche abbagli clamorosi, ce lo immaginiamo tra quei tedeschi fasciati da una impeccabile divisa grigia con qualche croce o altra insegna disseminate qua e là, e che portarono il loro paese verso due tragedie mai viste. Non possiamo non ricordare che se avessero trionfato quei signori con quelle divise, oggi, a trovar lavoro in Europa, sarebbero ( tra gli altri) coloro che ( incredibile a dirsi ) avrebbero alimentato  quelle ciminiere fumanti d’esseri umani magari rastrellati  ( questa volta) da ogni angolo del Vecchio Continente ( eventualmente) assoggettato.

Noi, chissà perchè, i tedeschi di cui andare amici – per superare il passato e costruire il futuro –  ce li immaginiamo come Joerg Asmussen. E soprattutto come Angela Merkel. Che avrà pure delle grosse difficoltà a farsi capire dai  molti  nostalgici in divisa grigia, ma che con quel suo atteggiamento serio, tenace ma costruttivo, sta ( di fatto) costruendo mattone su mattone  la ‘vera‘ e ‘nuova‘  Europa. Pretendere ( anche più d’ altri) dall’Italia è giusto, perchè sappiamo benissimo quanti ‘gaglioffi’ e ‘opportunisti‘ e ‘furbetti‘ si celino
( da sempre) in questo dolce Paese, per cui nessun sconto. Fatto e detto questo, però, si passi avanti. Ancor più avanti di Ottone di Bismarck e di Cavour e dei primi padri europei post bellici. Perchè ( al momento) non sembra ci sia altra via per restare protagonisti sul Pianeta che quella d’una Europa Unita. Con quale  ‘forma‘ , poi, si troverà.

IL SOLE 24ORE. Le borse di tutto il mondo – seleziona Antonio Larizza su Sole24Ore – hanno brindato, con Piazza Affari che ha chiuso a +4,3 per cento. Gli spread sono crollati, con il differenziale Btp/Bund che è sceso sotto quota 380. E l’Europa ha ritrovato, almeno per un giorno, la tanto sospirata unità. Celebrata nelle parole dei suoi leader, Angela Merkel compresa. Le mosse annunciate  dalla Bce guidata da Mario Draghi mettono a segno due vittorie: una finanziaria e una politica. Quest’ultima potrebbe fare la differenza per il futuro dell’Eurozona. Il consenso trasversale raggiunto da Draghi è stato ‘costruito’ negli ultimi mesi: risultato senza precedenti nella storia recente dell’integrazione europea. Ora il consiglio della Bce ha ribadito l’irreversibilità dell’euro, spazzando  dal tavolo l’ipotesi di una moneta unica ‘a due velocità‘.

E lo ha fatto all’unanimità: poco importa, infatti, l’eccezione scontata del membro tedesco Jens Weidmann, che ha votato contro il piano Draghi (e in opposizione al suo connazionale, consigliere esecutivo della Bce, il tedesco Joerg Asmussen). Quello che conta, è che la distanza politica tra la Germania e il resto d’Europa è oggi più contenuta. Quanto durerà questa luna di miele tra stati, governi e mercati? Difficile rispondere. Molto dipenderà dall’efficacia che le misure annunciate da Draghi mostreranno di avere nel placare la speculazioni finanziarie. Per questo è bene comprendere la portata di queste decisioni.

Qui, intanto,  i primi punti del piano di acquisti illimitati di titoli sovrani varato  dalla Bce.

1. Acquisti illimitati di bond sovrani – L’Eurotower comprerà, ‘senza limiti quantitativi fissato ex ante‘, i titoli di Stato dei Paesi che richiedono l’assistenza finanziaria dell’Europa, mettendo di fatto in gioco le sue imponenti risorse finanziarie.
2. Impegni formali per le riforme – In cambio, la Bce concorderà con lo Stato richiedente tempi e modalità delle riforme istituzionali necessarie a mettere in sicurezza i conti pubblici sul lungo periodo, sottoscrivendo un ‘memorandum‘, che diventerà un impegno stringente per il paese che beneficerà degli aiuti.
3. Acquisti focalizzati su titoli a breve – La Bce si è detto pronta ad acquisti illimitati sul mercato secondario di bond sovrani con scadenza da 1 a 3 anni dei Paesi che ne faranno richiesta. Draghi ha chiarito che non sono previsti tetti sui rendimenti, smentendo così l’ipotesi circolata nelle ultime settimane.
4. Quanto scatta lo stop agli acquisti – In assenza delle riforme concordate la Bce si riserva di interrompere i suoi acquisti. Una leva che sarà utilizzata per pretendere le riforme da parte degli Stati beneficiari degli aiuti. Questa condizione ha rappresentato una ‘svolta‘ nella trattativa, decisiva per ottenere il consenso della cancelliera tedesca Angela Merkel. Il blocco degli acquisti può scattare anche nel caso in cui tagli acquisti non fossero ritenuti più necessari.

Ti potrebbe interessare anche...