Emilia Romagna. Convegno a Ravenna sulle energie rinnovabili. Le nuove figure professionali.

Emilia Romagna. Convegno a Ravenna sulle energie rinnovabili. Le nuove figure professionali.
Convegno a Ravenna sulle Rinnovabili 35

RAVENNA &  I CONTI CON L’AMBIENTE. Nel quadro delle iniziative in corso per la rassegna Ravenna 2012 ‘Fare i conti con l’ambiente‘ si è svolto nella sala Nullo Baldini a Ravenna, un work shop sui temi delle energie rinnovabili e del risparmio energetico. L’evento ha dato un particolare risalto alla formazione professionale e al mercato futuro, ospitando la dirigente Lilia Pellizzari e gli allievi dell corso di “tecnico superiore per l’approvigionamento energetico e la costruzione di impianti”, le cui iscrizioni si chiudono il 30 settembre. Per l’assessore alle attività produttive del Comune, Massimo Cameliani che ha aperto i lavori, è stata l’occasione per sottolineare l’importanza di questo nuovo sbocco di studi. “Ai neodiplomati – ha dichiarato Cameliani – viene data la possibilità, gratuita, di ulteriori due anni di formazione durante i quali possono acquisire competenze professionali altamente specializzate, utili per l’inserimento nel mondo del lavoro. Peraltro mi piace sottolineare come alla stesura del piano formativo contribuiscano le aziende stesse, che possono dare input molto utili a una definizione puntuale di quali caratteristiche professionali il mercato del lavoro richiede”.

LE NUOVE POSSIBILITA’ D’IMPIEGO. I campi in cui questa figura professionale potrà operare, infatti, sono molteplici: impiantistica di varia natura, programma e gestione dell’esercizio e la manutenzione degli impianti, analisi e gestione dei sistemi per la produzione, la trasformazione e la distribuzione dell’energia, svolgendo il ruolo di ‘energy manager’ per fabbricati civili e industriali. Il progetto, finanziato dal ministero dell’Istruzione vede la collaborazione fattiva dell’Itis Baldini, del Comune, della Provincia, della Regione; la docenza è affidata a dirigenti d’impresa, liberi professionisti, docenti di scuole superiori e dell’università e da esperi provenienti dai centri di ricerca pubblici.

Ai lavori hanno dato inoltre il loro contributo Maria Luisa Martinez dirigente Usp, e rappresentanti del mondo dell’alta formazione e di imprese specializzate nel settore.

 

Ti potrebbe interessare anche...