Emilia Romagna. Ravenna. Venerdì 19, alle 20.30, festa delle ‘magliette gialle’, all’Almagià.

Emilia Romagna. Ravenna. Venerdì 19, alle 20.30, festa delle ‘magliette gialle’, all’Almagià.
Lavori in Comune, la presentazione 22 giugno

RAVENNA & LA FESTA PER LE ‘MAGLIETTE GIALLE‘. Su invito del sindaco Fabrizio Matteucci e dell’assessore alle Politiche giovanili e partecipazione Valentina Morigi, i ragazzi che durante l’estate hanno partecipato al progetto ‘Lavori in Comune, con attività di volontariato in diversi ambiti dell’Amministrazione comunale, saranno presenti all’evento per ripercorrere insieme l’esperienza e fare il bilancio del tempo impiegato, una o più settimane di lavoro, a scelta fra 11 diverse proposte: dalla cura dei cani del canile municipale, alla costruzione di giocattoli per i più piccoli, dal sostegno alle attività per eventi estivi, alla preparazione di materiali informativi.
La serata si aprirà con la proiezione del video di Ravenna WebTv che riprende le interviste da loro rilasciate durante il periodo di volontariato. Seguiranno l’esibizione musicale di alcuni dei ragazzi che hanno dato vita alla band ‘Aquarian exposition’, e la consegna da parte dell’assessora Morigi ai singoli partecipanti e ai gruppi di lavoro che hanno operato, dell’attestato di partecipazione valido per il credito formativo sul piano scolastico.

IL COMMENTO DELL’ASSESSORE. “Confesso di aver nutrito buone aspettative su questo progetto al suo esordio – dichiara l’assessora al Decentramento Valentina Morigi – Tuttavia i risultati sono andati oltre le aspettative, sia dal punto di vista della partecipazione numerica, sia per il coinvolgimento attivo dei ragazzi nel cimentarsi in ambiti diversi dalla loro quotidianità. E’ su questo aspetto che voglio mettere l’accento poiché l’obiettivo era proprio quello di far sentire i giovani partecipi delle attività di pubblica utilità. Spero che il senso di questa esperienza serva a motivarli nella realizzazione della società del futuro con la consapevolezza di poter essere parte attiva della polis. Colgo l’occasione per ringraziare i dirigenti scolastici che hanno dato fiducia a questo progetto sperimentale accettando di trasformare in crediti formativi le attività svolte dai loro studenti”.

I MATERIALI VISIVI. L’evento sarà anche l’occasione per esporre materiali visivi che documentano il lavoro svolto durante l’esperienza sia nei laboratori, con i teatrini kamishibai e immagini per libri rivolti ai bambini dell’asilo nido, che in occasione di eventi o servizi di pubblica utilità quali l’elaborazione grafica dei risultati dell’indagine telefonica sul gradimento e utilità dei corsi di informatica over60, e le immagini del festival Naturae, e della Darsena di città.

Nel complesso i ragazzi da giugno ad agosto hanno collaborato per i seguenti ambiti e servizi: nostri amici cani presso il Canile Municipale, Adotta una vetrina presso la sede di Citt@ttiva, Ripetizioni in rete presso la sala multimediale Lino Ricci-Casa Vignuzzi e presso l’ufficio decentrato di via Aquileia, reportage fotografico ‘La darsena che vorrei‘ foto alla darsena, festival “donne verso il mare aperto” nei lidi sud, festival ‘Naturae‘ Lido di Classe, laboratori creativi a Casa Vignuzzi (mosaico, teatro e casa delle bambole) e al Museo Didattico del Territorio di S.P. in Campiano, Un nido di storie a Casa Vignuzzi, Dipingiamo la città (piazza ugo La Malfa, Biblioteca Fuorilegge di Piangipane, centro culturale di Pilastro, casa delle Arti Ammonite), Un giocattolo per i più piccoli (costruzione di teatrini kamishibai) presso il centro ‘La lucertola‘, la scuola sotto gli alberi alla Rocca Brancaleone, La città accogliente informazioni turistiche in piazza del Popolo e in via Farini, Parole Attive laboratorio di giornalismo presso ufficio Operatori culturali

 

I risultati di un questionario.

IL QUESTIONARIO. Nel corso delle attività di volontariato attivo è stato somministrato un questionario ai 205 ragazzi, alcuni dei quali hanno dato il loro contributo a più di una iniziativa, per avere un feed back utile agli organizzatori. Sono stati 198 i questionari restituiti compilati, pari al 96 per cento. Dall’elaborazione delle risposte è emerso che i partecipanti provenivano al 78 per cento dalla città, al 20 dal forese e al 2 da fuori comune. Hanno partecipato ragazzi dai 14 ai 18 anni – in particolare 26 di 14 anni, 44 di 15, 59 di 16, 53 di 17 e 16 di 18 ¬ per il 74 per cento femmine e per il 26 maschi.

Per il 74 per cento dei partecipanti si è trattato della prima esperienza di volontariato. L’85 per cento dei ragazzi e delle ragazze ha dichiarato di aver partecipato al progetto al quale aspirava e il 76 per cento ha detto di avere apprezzato molto l’attività svolta (il 20 per cento abbastanza, il 2 poco, l’1 per niente); per il 41 per cento tale attività ha corrisposto in tutto e per tutto alle proprie aspettative, per il 39 molto, per il 12 abbastanza, per il 5 poco e per il 3 per niente. Moltissimo valorizzato nelle proprie competenze si è sentito il 27 per cento, molto il 46, abbastanza il 22, poco il 3, per niente il 2. Per quanto riguarda il coinvolgimento nel gruppo, il 52 per cento ha dichiarato di essersi sentito coinvolto moltissimo, il 39 molto, il 7 abbastanza, l’1 poco e l’1 per niente.
Il 72 per cento dei partecipanti avrebbe voluto proseguire l’esperienza e l’84 per cento ha già dichiarato di voler partecipare anche il prossimo anno. Addirittura il 53 per cento sarebbe disponibile a impegnarsi anche durante l’anno scolastico.
LE MOTIVAZIONI. Tra le motivazioni della partecipazione, al primo posto il ‘fare esperienza’, al secondo ottenere crediti formativi, al terzo ‘sentirsi utile’, al quarto ‘aiutare gli altri’, al quinto ‘incontrare persone’, al sesto ‘occupare il tempo libero’, al settimo ‘assecondare il consiglio dei genitori’, all’ottavo per seguire gli amici. Ai ragazzi è stato chiesto di connotare l’esperienza con tre aggettivi; i più utilizzati sono stati divertente, interessante, utile, istruttiva, coinvolgente, bella, creativa, formativa.

 

 

Ti potrebbe interessare anche...