Emilia Romagna. Università: ‘Grazie a Cervia, ma scienze ambientali resta a Ravenna’.

Emilia Romagna. Università: ‘Grazie a Cervia, ma scienze ambientali resta a Ravenna’.
Università, foto di repertorio

CERVIA & RAVENNA. “Ringrazio l’Ascom di Cervia per l’offerta di ospitare il Corso di laurea di Scienze ambientali nella città del sale, ma voglio dire a Cesare Brusi e a Terenzio Medri che sapremo risolvere il problema delle aule nella maniera più adeguata e consona all’importanza dell’insediamento universitario – afferma il vice sindaco di Ravenna Giannantonio Mingozzi, dopo aver appreso della proprosta dei vertici di Ascom – . Ad ogni buon conto, voglio chiarire che la nostra intenzione è quella di non scindere le aule didattiche dai laboratori, già esistenti e funzionanti: sarebbe una pazzia prevedere di trasferire proprio i laboratori che sono costati 4 milioni di euro, edificio compreso, per una emergenza temporanea di aule che ci avviamo a risolvere fin dal prossimo anno accademico. Infatti, ieri pomeriggio assieme al presidente della Fondazione Flaminia, Lanfranco Gualtieri e al vice prsidente della Provincia, Gianni Bessi, ho avuto un incontro a Bologna con il Pro Rettore alla didattica Gianluca Fiorentini che ci ha confermato la disponibilità di 600mila euro da parte dell’Ateneo e la richiesta di una compartecipazione, proprio per realizzare le nuove aule didattiche, alla realtà ravennate, nella fattispecie alla Fondazione Flaminia.
Domani avremo l’assemblea della Fondazione, presieduta da Gualtieri e, in quella sede, scioglieremo ogni riserva sulla partecipazione ravennate a sostegno delle nuove aule; invito Ascom, socia di Flaminia, ad esaminare comunque l’ipotesi di collaborazione in materia universitaria con Cervia, magari sempre nell’ambito della vocazione all’ecologia e all’ambiente pulito che questa città ha sempre rimarcato.
Abbiamo la fortuna – conclude Mingozzi – che il Corso di laurea di Scienze ambientali e quello di Biologia marina stanno crescendo e, quindi, un investimento adeguato è pienamente motivato, sul terreno di proprietà dell’Università, proprio di fianco ai laboratori. Un ricerca di ottima qualità e un rapporto col mondo del lavoro molto positivo (a un anno dalla laurea il 90 per cento dei laureati in Scienze ambientali trova lavoro anche a Ravenna) ne fanno un corso di eccellenza che in questi 20 anni ha superato difficoltà logistiche e freddezza nelle imprese. Sapremo superare anche i problemi di oggi con piena soddisfazione di studenti e docenti. Del resto, il dato che si prospetta dagli ultimi aggiornamenti sulle immatricolazioni in tutti i corsi di laurea si avvia a confermare mille nuovi iscritti e un dato totale degli universitari a avenna che rasenta le 3mila700 unità con una media annuale di 570 laureati”.

Ti potrebbe interessare anche...