Cresce il risparmio postale a Forlì-Cesena. In aumento soprattutto Buoni Fruttiferi e Libretti.

Cresce il risparmio postale a Forlì-Cesena. In aumento soprattutto Buoni Fruttiferi e Libretti.
Filiale FC 001

RISPARMIO POSTALE IN PROVINCIA DI FORLI’-CESENA. Il risparmio postale resta un punto di riferimento per la provincia di Forlì-Cesena. Le analisi sulle prospettive a breve e medio termine, sulle quali si è concentrata l’attenzione della Filiale di Poste Italiane, dicono che le varie forme di risparmio postale, in particolare il Buono Fruttifero come prodotto trainante e il Libretto Nominativo sono ancora molto richiesti. Tant’è che sul versante dei libretti postali, quelli intestati a risparmiatori del Forlivese e del Cesenate hanno superato quota 79.000.

IL COMMENTO. «I successi del Buono postale e del Libretto nella nostra provincia – spiega la responsabile provinciale Marisa Babbi – sono dovuti soprattutto alla loro natura di investimenti garantiti dallo Stato italiano, considerati quindi un ‘porto sicuro’. Garantiscono sempre la restituzione del capitale investito e gli interessi maturati. Possono essere sottoscritti e rimborsati in tutti gli uffici postali, senza alcuna commissione o spesa, eccetto quelle di natura fiscale».

LE NOVITA’. Grazie all’introduzione della Librettopostale Card e, come per il conto Bancoposta, di un’assicurazione gratuita contro i furti, si registra anche un aumento degli accrediti delle pensioni. Ogni mese sono oltre 27.000 i pensionati che ritirano il vitalizio negli uffici postali della provincia di Forlì-Cesena. Nei giorni di pagamento pensioni Poste Italiane pone la massima attenzione alla qualità del servizio aprendo tutti gli sportelli disponibili. Inoltre, negli uffici con maggior numero di pensioni accreditate, a supporto dei pensionati, sarà presente in sala personale specializzato per l’assistenza.

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche...