Emilia Romagna. Ravenna e i libri del silenzio. In una mostra alla Biblioteca Classense.

Emilia Romagna. Ravenna e i libri del silenzio. In una mostra alla Biblioteca Classense.
stampa1

RAVENNA & I LIBRI DEL SILENZIO. L’Istituzione Biblioteca Classense partecipa alle celebrazioni per il Millenario della Fondazione dell’eremo di Camaldoli (1012-2012), con una mostra bibliografica a cura di Claudia Giuliani dal titolo I libri del Silenzio. Scrittura e spiritualità sulle tracce della storia dell’ordine camaldolese a Ravenna, dalle origini al XVI secolo.
LA MOSTRA. La most

ra, verrà inaugurata giovedì 20 dicembre alle 17.30 presso l’aula magna della Biblioteca Classense.La mostra è stata realizzata in collaborazione con l’Archivio di Stato di Ravenna, che ha offerto il prestito di documenti straordinariamente antichi ed importanti, e con il monastero di Camaldoli, che ha consentito di riportare temporaneamente a Ravenna preziosi libri e anche storiche reliquie come il braccio di Sant’Apollinare, patrono di Ravenna, da secoli conservato a Camaldoli.

 L’ABBAZIA DI CLASSE. L’abbazia di Classe, situata nella città natale del fondatore dell’ordine Romualdo, fu uno dei più importanti cenobi dell’ordine camaldolese fra XII e XVI secolo. Il monastero, collocato originariamente a Classe fuori accanto alla basilica di Sant’Apollinare, si trasferì all’interno della città all’inizio del XVI secolo. Nel grande complesso che i camaldolesi edificarono nel corso di tre secoli si trova ora collocata la biblioteca Classense, che certamente con la sua storia, la sua iconografia, la sua architettura, ha conservato uno stretto legame con le proprie origini monastiche, ancora leggibili fra le sue mura.

Qui, nell’aula magna, è visibile l’antica libreria camaldolese dei monaci di Classe, che acquisì rilevanza sia quantitativa che qualitativa nel XVIII secolo, grazie alle lungimiranti ed accorte competenze dell’abate Pietro Canneti, perfettamente conservata nella sua prima elaborazione progettuale, e che oggi fa da cornice ad un percorso espositivo costituito da preziosi libri manoscritti e a stampa, incisioni, documenti d’archivio, reliquie, testimonianze di importanti eventi e assieme di una vita monastica ‘silenziosa‘, di letture, di meditazione, di preghiera, di studi umanistici.
I volumi e i documenti esposti, si riferiscono al periodo più antico di vita del monastero, a partire dall’XI secolo, fino al XVI e contribuiscono a ricostruire la dimensione culturale e spirituale dei libri prodotti, e letti, nell’ambito dell’ordine camaldolese dei primi secoli: regole e storie dell’ordine, preziosi libri di preghiera, codici ed incunaboli derivanti dal lavoro di studio degli umanisti camaldolesi, fra i quali ebbe grande rilevanza Ambrogio Traversari. Viene, inoltre, presentata una scelta dei libri della biblioteca cinquecentesca, costituita dall’abate di Classe nella seconda metà del Cinquecento, perfettamente conservati nelle originali rilegature.

Il titolo I libri del Silenzio si riallaccia all’importanza del silenzio nell’esperienza monastica che volle essere evidenziata dai camaldolesi di Classe, anche all’interno del programma iconografico realizzato nel loro monastero. Nel XVII secolo due grandi affreschi, l’uno raffigurante san Benedetto recante in mano la regola aperta alla pagina ‘De Taciturnitate’, l’altro san Romualdo intento a scrivere i salmi, vennero realizzati sulle pareti del corridoio grande. Entrambi, sormontati da distici latini, elogiano il silenzio e ne intimano la pratica ai monaci.

Ed è proprio fra le mura di quella che è oggi una prestigiosa biblioteca in cui si conciliano la funzione di biblioteca storica, tempio della conservazione e quella di biblioteca pubblica moderna, vivace luogo d’informazione e di comunicazione in grado di soddisfare i molteplici bisogni di un pubblico contemporaneo, che rimane immutato il rapporto ‘silenzioso‘ tra libro e lettore.
Un legame intellettuale profondo, come testimonia l’illustrazione scelta ad identificare la mostra: un monaco camaldolese mentre studia sotto l’incombente invito al silenzio.

Inaugurazione Giovedì 20 dicembre ore 17.30. Saluti di Livia Zaccagnini, presidente Istituzione Biblioteca Classense; Maria Grazia Marini, direttore Istituzione Biblioteca Classense; Giampiero Romanzi, Soprintendenza archivistica per l’Emilia Romagna.
Interverranno: Alessandro Barban, priore generale dei Camaldolesi; Manuela Mantani, direttore Archivio di Stato di Ravenna. Introduce alla mostra Claudia Giuliani, dirigente del Servizio bibliotecario.

 

LA MOSTRA

Curatore: Claudia Giuliani, dirigente del Servizio bibliotecario
Sede: biblioteca Classense, aula magna
Enti organizzatori: Istituzione Biblioteca Classense, in collaborazione con il Monastero di Camaldoli e l’Archivio di Stato di Ravenna
Periodo: dal 21 dicembre 2012 al 1 aprile 2013

Orari: dal martedì al sabato dalle 10 alle 17. Il 24 e 31 dicembre dalle 10 alle 13. Lunedì e festivi chiuso. Aperture straordinarie il 30 dicembre 2012, il 6 gennaio e il 1 aprile 2013 dalle 10 alle 13
Ingresso: libero. Visite guidate su prenotazione allo 0544-482116
Informazioni: www.classense.ra.it

 

1012-2012 RAVENNA E IL MILLENARIO CAMALDOLESE

Itinerari in città e visite guidate alle collezioni camaldolesi
28/29/30 dicembre – 4/5/6 gennaio
Ravenna, 19 dicembre 2012

Durante le festività natalizie, nell’ambito della mostra I Libri del Silenzio e in occasione del Millenario della Fondazione dell’Eremo Camaldolese, l’Istituzione Biblioteca Classense, in collaborazione con il Mar – Museo d’arte della città e il Museo Nazionale, propone nuove visite guidate alle collezioni conservate nei luoghi che testimoniano la grande presenza camaldolese e itinerari guidati nella Ravenna dei grandi ordini monastici.

Nelle giornate del 28/29/30 dicembre e del 4/5/6 gennaio, sono in programma itinerari che metteranno in luce la forte personalità di san Romualdo, la sua spiritualità e la sua vita itinerante. Un percorso suggestivo che porterà alla riscoperta della Ravenna medievale che fu luogo fondativo della formazione del canone culturale europeo, attraverso un consolidato sistema monastico da cui emersero intellettuali e uomini di fede di altissimo profilo. È la Ravenna delle antiche abbazie che hanno contribuito alla conservazione del patrimonio della città, e che oggi ospitano le istituzioni culturali, custodi di quello stesso patrimonio e allo stesso tempo luoghi di produzione di nuova cultura.
L’antica abbazia camaldolese di Classe, trasferitasi all’interno della città all’inizio del XVI secolo, fu uno dei più importanti monasteri dell’ordine tra il XII e il XVI secolo. La storia di questa abbazia è legata indissolubilmente alla nascita e allo sviluppo delle collezioni di due dei più importanti musei ravennati. Per questo motivo oltre agli itinerari in città, i musei e la Biblioteca Classense effettueranno delle visite guidate che illustreranno al pubblico il legame tra i camaldolesi e le proprie collezioni.

Alla Biblioteca Classense le visite guidate presenteranno al pubblico gli spazi del monastero e illustreranno la mostra I libri del Silenzio. Scrittura e spiritualità sulle tracce della storia dell’ordine camaldolese a Ravenna, dalle origini al XVI secolo. L’antica libreria, perfettamente conservata nella sua prima elaborazione progettuale, farà da cornice ad un percorso espositivo costituito da preziosi libri manoscritti e a stampa, incisioni, documenti, reliquie, testimonianze di importanti eventi e assieme di una vita monastica ‘silenziosa‘, di letture, di meditazione, di preghiera, di studi umanistici.
Il Museo Nazionale, che ha sede nell’ex monastero benedettino di San Vitale, presenterà una selezione della pregiata raccolta di antichità, bronzetti, placchette, avori, icone e ceramiche dell’antico ‘Museo Classense’, che ebbe sede in un primo momento in alcune sale del monastero camaldolese a continuazione della biblioteca e poi, a seguito delle soppressioni del 1797, nel ‘Museo Bizantino‘ voluto da Enrico Pazzi e situato nella chiesa di San Romualdo, sempre all’interno del complesso della Biblioteca Classense.

Anche parte delle opere inventariate nella collezione del Mar – Museo d’arte della città, situato nelle sede dell’ex monastero di Santa Maria in Porto, proviene dal Monastero dei camaldolesi di Classe. Nel 1829, infatti, un ingente quantitativo di dipinti proveniente dal ‘Museo Classense’ contribuì alla formazione della Galleria dell’Accademia di belle arti, divenuta poi Pinacoteca comunale nel 1972. Nell’occasione, il Mar selezionerà alcune opere che, nel percorso espositivo della pinacoteca, andranno a costituire un itinerario iconografico dedicato a san Romualdo, la figura più eminente dell’eremitismo medievale in Occidente.

Come partecipare

 

I percorsi in città, le visite alle collezioni del Mar e del Museo Nazionale e la visita alla mostra

I libri del Silenzio della Biblioteca Classense sono gratuiti

• verranno condotti da una guida
• verranno effettuati in gruppi di max 25 partecipanti
• prevedono la prenotazione obbligatoria (IAT • Tel. 0544.35404/35755)
• le prenotazioni verranno accettate fino al raggiungimento dei 25 partecipanti

È possibile comporre in modo flessibile il proprio itinerario camaldolese concentrando gli appuntamenti in un’unica giornata o programmandoli in più date. L’importante è prenotare ogni singolo appuntamento al quale si intende partecipare. Ritrovo con la guida. Visite collezioni: entrata della sede che ospita la collezione. Itinerari guidati in città: IAT di via Salara, 8/12

 

CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI

Venerdì 28 dicembre 2012 • Venerdì 4 gennaio 2013

ore 11 • Visita guidata alla collezione del Museo Nazionale
ore 15 • Visita guidata alla collezione del Mar – Museo d’arte della città di Ravenna
ore 15 • Itinerario guidato in città, il tour terminerà all’entrata della Biblioteca Classense
ore 17 • Visita guidata alla mostra “I libri del Silenzio” della Biblioteca Classense

Sabato 29 dicembre 2012 • Sabato 5 gennaio 2013
ore 11 • Visita guidata alla collezione del Mar – Museo d’arte della città di Ravenna
ore 15 • Visita guidata alla mostra “I libri del Silenzio” della Biblioteca Classense
ore 15 • Itinerario guidato in città, il tour terminerà all’entrata del Museo Nazionale
ore 17 • Visita guidata alla collezione Museo Nazionale

Domenica 30 dicembre 2012 • Domenica 6 gennaio 2013

ore 11 • Visita guidata alla mostra ‘I libri del Silenzio’ della Biblioteca Classense
ore 15 • Visita guidata alla collezione del Museo Nazionale
ore 15 • Itinerario guidato in città, il tour terminerà all’entrata del Mar
ore 17 • Visita alla collezione del Mar – Museo d’arte della città di Ravenna

 

Ti potrebbe interessare anche...