La cronaca dal divano. Premi e premiati. Ecco a chi non daremmo l’Oscar dello sport 2012.

La cronaca dal divano. Premi e premiati. Ecco a chi non daremmo l’Oscar dello sport 2012.
Ferrari al lavoro

LA CRONACA DAL DIVANO. Avanti col gioco degli Oscar ( da negare o da dare) nello sport ( italiano e straniero) del 2012. Abbiamo notato che a qualcuno piace. Per cui insistiamo. Aggiungendo  qualche altra disciplina, probabilmente non tutte, ma qualche altra sì. Eventualmente se avete qualcosa da suggerire siam qua. Pronti ad ascoltarVi. Avvisiamo solo che una volta esauriti i ‘non Oscar‘ passeremo agli ‘Oscar veri e propri’. Dove preannunciamo qualche ‘sorpresa’ traumatica.

( seconda puntata) a chi non daremmo gli Oscar.

4) ( automobilismo) al team Ferrari che ( nonostante la ‘dolcezza‘ di Montezemolo) qualche errorino decisivo l’ha fatto anche quest’anno, privando così il ‘nostro’ Alonzo ( che resta il migliore) d’un titolo che gli sarebbe andato a pennello. Tanto più che ( dopo quell’infelice cambio gomme all’ultima gara dell’anno precedente) gli avrebbero dovuto restituire  ( sempre dal muretto) un mondiale sacrosanto;
( motociclismo) a Valentino Rossi che ( ultimamente) ne ha azzeccate poche, compresa quella di tornare alla Yamaha dove non potrà che accontentarsi ( salvo imprevisti)  della seconda fila .

5) ( basket, italiano) alla Armani Milano perchè ( nonostante le chiacchiere) non cresce mai ( soprattutto in Europa) dove a rappresentare l’Italia ci sarà ( la solita)  Siena ( orfana di Panegiani, beato al Fenerbahce);
( basket, estero) non lo daremmo a Kevin Durant, il ‘naturale‘, battuto ( una volta tanto) da Lebron Raymone James, che con un ultimo canestro s’è aggiudicato ( oltre al coronamento di tante aspettative, anche)  la finale Nba ( dopo l’oro olimpico).

6) ( rugby, italiano) alla Nazionale che ( tranne qualche impresa, come il pareggio mancato per un soffio contro il Sud Africa) non riesce a scalare i gradini del vertice.
7) ( pallavolo, italiana) a Cuneo ( per gli uomini) e a Pesaro ( per le donne); ( pallavolo, estero) alle squadre di Velasco, che fanno il possibile e nulla più.

8) ( sci, italiano) allo squadrone italiano ( maschile), ottimo alla prima 2012 e poi scomparso ( o quasi)  e alla non squadrona rosa che sarebbe ora cominciasse a mettere in ‘difficoltà‘ Vonn e Maze, altrimenti ( con motivazioni diverse) si lamentano di non trovare avversarie;
( sci, estero) all’Astria Team ( dov’è andato?) e pure a Bode Miller, 35 anni, vincitore di tutto, ma latitante dal febbraio scorso.
9) ( pallanuoto, italiana) al Setterosa ( affondato?); ( pallanuoto, estero) alla ( nazionale) d’ Ungheria che non sa risorgere.

10) ( tennis, italiano) ai maschi ( nonostante qualche piccolo exploit); ( tennis, estero) a Nadal, che non batte più manco i virus ( causa di ulteriore rinvio per il rientro in gara). Djokovic, Federer e Murray, nell’attesa, scorazzano su tutti i campi.

11) ( atletica leggera, italiana)  alla Fidal che i campioni se li è dimenticati chissà dove; ( atletica leggera, estero) agli Usa che dovranno sopportare Usain Bolt ( 6 medaglie olimpiche, 5 titoli mondiali)  fino a Rio.

 ( Riepilogo puntata precedente) a chi già non avremmo assegnato l’Oscar.

1) ( calcio, allenatori italiani) a tutti quelli che subentrano in corsa per salvare qualche squadra nei guai e che poi finiscono pure loro nei guai ( vedi Del Neri e altri); ( calcio, allenatori stranieri) a Rafa Benitez ( che per rilanciarsi a pensato bene di farsi urlare ‘Di Matteo, Di Matteo ! ‘ perdendo anche il Mondiale per club) e pure a Mourinho ( che la sua casa l’aveva trovata all’Inter, sul lago di Como, ma che, per debordare com’è suo solito, s’è andato ad infilare in un’altra dove gli hanno già fatto la valigia perchè i soggetti come lui non li sopportano neppure il giorno di Natale);
( calcio, giocatore italiano) a Del Piero ( che se voleva fare un’esperienza di vita nell’altro emisfero poteva comprasi qualcosa in Australia e godersela senza dover rispondere del suo operato a’ tifosi-padroni’ che lo conoscono e lo amano solo per sentito dire);
( calcio, giocatore estero) a Messi ( che vorremmo vedere, per il bene suo e del calcio mondiale, in un’altra squadra che non sia quella costruita scientificamente attorno a lui) e pure a Pato e Robinho ( che invece di giocare a pallone pensano alla sabbia fine delle calde spiagge brasiliane).

2) ( scherma, Italia) a Cerioni ( che non appena ha visto ingrossare il conto in banca è partito di gran carriera per aiutare i russi a strappare qualche medaglia dal collo dei nostri) e pure a Valentina Vezzali ( che dovrebbe lasciare la pedana da grande, magari trastullandosi nel futuro prossimo venturo con la quasi proibitiva scalata al Coni);
( scherma, estero) ai Russi o alla Federazione russa ( per insegnargli che con i soldi si possono ‘comprare’ gli uomini ma non la gloria).

3) ( nuoto, Italia) alla coppia Magnini-Pellegrini ( perchè chiariscano tra loro se vogliono mettere su famiglia in piscina o altrove);
( nuoto, estero) alla Manadou ( gran talento, da ricordare così come s’è espresso in tante epiche occasioni, ma che oramai è controproducente rimettere alla prova in vasca).

Ti potrebbe interessare anche...