Emilia Romagna. Maria Rosario Carballeda De Cerruti ricevuta a San Mauro Pascoli

Emilia Romagna. Maria Rosario Carballeda De Cerruti ricevuta a San Mauro Pascoli
foto a San Mauro dell'incontro

SAN MAURO PASCOLI. Ieri mattina, giovedì 3 gennaio, nella sala del Consiglio comunale il sindaco Miro Gori, il vicesindaco Stefania Presti, gli assessori Angela Benedetti, Manuel Buda e Fausto Merciari e il capogruppo di minoranza Gilberto Montemaggi hanno ricevuto Rosario Carballeda De Cerruti . Maria Rosario, in visita privata a San Mauro Pascoli, è stata tra le fondatrici del movimento Madri di Plaza de Mayo ( Asociación Madres de Plaza de Mayo ) formato dalle madri dei desaparecidos, i dissidenti scomparsi durante la dittatura militare argentina tra il 1976 e il 1983. Suo figlio, Fernando, scomparve all’età di 23 anni, portato via dai militari della dittatura argentina e da allora non se ne è saputo più nulla. All’indomani della scomparsa del figlio, Maria Rosario insieme a un piccolo gruppo di altre madri ha fondato un’associazione, le Madri di Piazza di Maggio appunto, per protestare contro il governo e avere risposte sulla scomparsa dei figli e giustizia per il feroce crimine subito.

LOTTA E RICERCA. Una lotta cominciata nel 1977, proprio in piazza di Maggio a Buenos Aires, e mai conclusa, anche al di fuori del movimento. “Da trentacinque anni lotto per sapere dov’è mio figlio: non sapere dov’è, non poterlo piangere non mi permette di rassegnarmi”, ha spiegato Rosario de Cerruti. Una lotta che l’ha portata a testimoniare le atrocità del regime argentino, in tutto il mondo, in particolare in Europa e in Italia. E oggi a San Mauro Pascoli. “Siamo onorati e felici di ricevere in Comune una rappresentante del movimento delle Madri di Piazza di Maggio”, ha commentato il sindaco Gori, “In Europa si è sempre guardato all’America Latina, meta di molti nostri emigrati, e protagonista di molti movimenti di liberazione repressi nel sangue. Vicende che hanno disonorato l’umanità. Ma è proprio grazie alla lotta delle madri di piazza di Maggio, alla ricerca dei loro figli desaparecidos , che l’umanità ha ripreso il sopravvento sulla violenza e sul terrore. Auguro a Maria Rosario di poter viaggiare e testimoniare ancora nel mondo della lotta delle madri”.

Ti potrebbe interessare anche...