Emilia Romagna. Un milione di euro per il passaggio dei cinema al digitale.

Emilia Romagna. Un milione di euro per il passaggio dei cinema al digitale.
Cinema, foto di repertorio

EMILIA ROMAGNA. Prosegue il sostegno della Regione alla transizione dalla pellicola al digitale dei cinema. È di un milione di euro il contributo della Regione Emilia-Romagna per sostenere il passaggio alla tecnologia digitale delle sale cinematografiche gestite da enti locali, fondazioni, associazioni e altri enti con finalità sociale, culturale, ricreativa e sportiva, non costituiti in forma di impresa. Questo provvedimento si aggiunge ad un altro bando, che stanzia tre milioni finanziati con il Por Fesr Asse 2, destinato alle imprese del terziario che esercitano attività di proiezione cinematografica.
Il contributi supporteranno le spese che le sale cinematografiche dovranno sostenere per favorire processi di conversione alla tecnologia elettronica digitale per coloro che esercitano attività di proiezione cinematografica.

FARE DOMANDA. I soggetti interessati possono presentare domanda esclusivamente on line, avvalendosi della specifica applicazione web che messa a disposizione sul sito internet regionale, http://imprese.regione.emilia-romagna.it .
Saranno esclusi i progetti con spesa ammissibile inferiore a 30 mila euro: il contributo concedibile non potrà, in ogni caso, superare l’importo a 75 mila euro per progetto.
Le domande di contributo degli enti non costituiti in forma di impresa dovranno essere trasmesse alla Regione – attraverso la posta elettronica certificata – dal 15 febbraio 2013 al 15 aprile 2013. Le spese previste per la realizzazione del progetto potranno essere sostenute a partire dal 30 ottobre 2012: gli interventi agevolati dovranno concludersi entro il termine di 18 mesi dalla data di adozione dell’atto di concessione del contributo. Entro lo stesso termine dovrà essere presentata alla Regione la documentazione di rendicontazione finale degli interventi agevolati.
«I due bandi rappresentano un sostegno all’economia, alla creatività, al rafforzamento delle politiche per una sempre più ampia ‘Regione digitale’. Inoltre si vuole salvaguardare gli aspetti culturali e di intrattenimento che esprime il cinema», ha sottolineato l’assessore regionale alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli. Infatti «si sta infatti avvicinando il momento in cui tutte gli schermi delle sale dovranno essere digitali e il passaggio non sarà indolore, in un momento non facile per i bilanci dei cinema. Abbiamo scelto – ha aggiunto Muzzarelli – di intervenire, coprendo una parte delle spese, per dare mano a un settore importante per la vita culturale ed imprenditoriale dell’Emilia-Romagna».
Destinatari dei bandi sono piccole e medie imprese – compresi consorzi, società consortili e società cooperative – ma anche enti locali, fondazioni, associazioni e altri enti con finalità sociale, culturale, ricreativa e sportiva che esercitano l’attività di proiezione cinematografica in Emilia-Romagna. Sono ammessi gli interventi effettuati nelle sale cinematografiche al chiuso e all’aperto, adibite a pubblico spettacolo cinematografico.
La misura intende supportare gli investimenti delle aziende finalizzati all’acquisizione di know how tecnologico, permettendo loro un salto di qualità funzionale alla competitività. Destinatari del bando sono le piccole e medie imprese – compresi consorzi, società consortili e società cooperative – che esercitano l’attività di proiezione cinematografica.
Le spese ammissibili riguardano: l’acquisto di apparecchi di proiezione e riproduzione digitale conformi alle specifiche Digital Cinema Initiatives (DCI); l’acquisto di impianti e apparecchiature per la ricezione del segnale digitale via terrestre e/o via satellite o le spese per l’adeguamento impiantistico dei locali adibiti alla proiezione.
Per eventuali informazioni è possibile rivolgersi allo Sportello Imprese, dal lunedì al venerdì, 9.30-13, al numero 848800258, oppure scrivere a imprese@regione.emilia-romagna.it.

Ti potrebbe interessare anche...