Emilia Romagna. ‘Raccontami l’impressionismo’: un libro per i bambini, a Parma.

Emilia Romagna. ‘Raccontami l’impressionismo’: un libro per i bambini, a Parma.
copertina raccontami l'impressionismo

PARMA. La vita dei pittori impressionisti raccontata ai bambini in un libro presentato alla “Rosalimone”.

“L’impressionismo è quella corrente artistica che si sviluppa alla fine dell’Ottocento in modo completamente anomalo rispetto agli altri movimenti artistici precedenti e successivi e va alla ricerca dell’impressione, ovvero lo stimolo che un oggetto esterno suscita nell’interiorità dell’artista”. Questa definizione descrive ciò che rappresenta il movimento artistico a cui appartengono Monet, Manet e Degas, tuttavia sorvola un altro aspetto che è stato troppo spesso trascurato: come rendere una materia che potremmo considerare accademica comprensibile ed accattivante anche per i più piccoli.

Francesca Ronchetti è riuscita a sbrigliare questa complicata matassa attraverso il suo nuovo libro dal titolo “Raccontami l’impressionismo” pubblicato da Edizioni Miele nella neonata collana Miele Educational.

PRESENTAZIONE. L’Opera verrà presentata il prossimo sabato 26 Gennaio alle ore 16.30 presso la Libreria Rosalimone di Parma, sita in Borgo Palmia nell’ambito di un pomeriggio dedicato ai più piccoli.
L’autrice spiegherà ai genitori l’importanza di avvicinare i bambini all’arte, seguirà la lettura animata di una delle favole contenute nel libro, al termine della quale i bambini presenti verranno invitati a rappresentare una delle opere del pittore del quale avranno conosciuto la storia.

Forte dei suoi studi pedagogici e cosciente della forza della simbologia fiabesca, la Ronchetti ha trasformato le vite dei più noti pittori impressionisti per renderle fruibili anche ai bambini.
Attraverso questo libro potremo ripercorrere la vita di Claude Monethi di un topolino, oppure quella di Alfred Sisley di una vecchia quercia, o ancora riscoprire i pensieri di Edouard Manet sentendoglieli rivolgere ad una stella.
In tal modo anche i più piccoli potranno appassionarsi al mondo dell’arte, arrivare a toccarla con mano per rimanere affascinati e toccati dalle immagini che in essa si possono ritrovare stimolando una certa sensibilità alle emozioni che la vista di un’opera d’arte suscita.

Ti potrebbe interessare anche...