Forlì. Fanzinoteca d’Italia: partecipazione agli eventi sulla ‘memoria’ in alternativa al ‘silenzio’

Forlì. Fanzinoteca d’Italia: partecipazione agli eventi sulla ‘memoria’ in alternativa al ‘silenzio’
Fanzinoteca, Umiliacchi

FORLI’. Interesse per la “Giornata della Memoria” vista attraverso le fanzine. La Shoah alla Fanzinoteca d’Italia per una “Memoria” alternativa al “Silenzio” ufficiale.

PARTECIPAZIONE AGLI EVENTI. Attenzione, partecipazione e interesse da parte di molti cittadini forlivesi per l’iniziativa proposta della Fanzinoteca d’Italia (c/o la Circoscrizione 2 in Via E. Curiel, 51), che con l’apertura straordinaria nel pomeriggio domenicale ha presentato al pubblico la specifica proposta, giunta al terzo anno, attraverso un interessante punto di vista sulla “Memoria” alternativa in contrapposizione al “Silenzio” delle parole ufficializzate. Questo evento ha visto la presenza di persone interessate a conoscere il perché di tali fanzine, di tale passione e precisa scelta che, evidenziando in modo alternativo questa ricorrenza, portano nuova linfa all’idea di diffondere e far vivere la memoria fra le generazioni, donando vigore e forza ai valori della nostra Costituzione, per una società giusta, contro ogni tipo di violenza, di sfruttamento, di razzismo e di emarginazione. Il pubblico attento ha potuto constatare come il desiderio di comunicazione e confronto, del mondo fanzinaro, abbia la possibilità di mostrare il contributo che ogni persona è in grado di dare senza correre il rischio di una banale inutilità, riuscendo a portare sia la mente che il cuore in tutti i punti di questa immane tragedia.

La memoria della Shoah, un vocabolo ebraico che significa catastrofe, distruzione, è a tutti gli effetti un fondamento di storia e cultura della nostra società e ieri, presso la sede della “Biblioteca delle fanzine” si è evidenziato la ricorrenza, con la proposta della mostra consultabile, attraverso le fanzine che contengono testi ed immagini dedicate alla Shoah, con prodotti in grado di fare riflettere tutte le persone su uno dei periodi della storia dell’umanità. L’obiettivo di questa iniziativa è stato, ancora una volta, raggiunto attraverso un punto di vista che esula dalle tipiche e ripetitive proposte ufficiali, evitando così di passare come un evento realizzato per una semplice solidarietà di facciata. Ecco il perché del tentativo del cercare di comprendere come una memoria possa, anche, finire per diventare un ricordo fine soltanto a se stesso. Grazie alle fanzine esposte, e al loro contenuto, si è evitato di proporre il solito “omaggio collettivo” alle vittime, evidenziando una presa di coscienza individuale, forte e marcata come solo i fanzinari sanno concretizzare, osservando da un “altro” punto di vista, lontano dai riflettori e dalle luci del palcoscenico, un punto di vista più vicino alle persone semplici perché proprio dalle persone semplici nasce.

APERTURE. A seguito di questa proposta, messa in atto per promuovere quei valori di uguaglianza e solidarietà che sono i principi basilari della educazione, della formazione e della crescita di ogni essere umano, come da decenni divulga l’editoria fanzinara, prosegue il nutrito calendario di interessanti eventi che in questo terzo anno di attività saranno proposti al pubblico, tante interessanti e innovative iniziative sia a livello locale, sia a livello nazionale. L’atipica struttura, la Fanzinoteca d’Italia è l’unico punto di riferimento nazionale per tutta l’editoria fanzinara italiana, la sua attività prevede due aperture pubbliche pomeridiane del martedì e venerdì dalle 14.00 alle 18.00, e l’apertura del giovedì mattina dalle 9.00 alle 13.00. Si tratta dell’unica sede dove si ha la possibilità di rintracciare tutti i documenti disponibili legati all’ambito grazie al supporto da parte di valido personale, diretto dall’esperto fanzinotecario Gianluca Umiliacchi, ben disponibile di essere utile per consigliare ricerche, studi o anche solo semplici letture. Maggiori informazioni e chiarimenti sono rintracciabile nel sito ufficiale www.fanzinoteca.it o richiedibili a fanzinoteca@fanzineitaliane.it

Ti potrebbe interessare anche...