Imola, quattro degustazioni con ‘I Giovedì… da intenditori’.

Imola, quattro degustazioni con ‘I Giovedì… da intenditori’.
I Giovedì... da intenditori. Immagine di repertorio.

IMOLA. Quattro serate con il vino delle colline dell’Appennino Romagnolo e i prodotti tipici del nostro territorio, in un simpatico gioco di abbinamenti e sapori. Sono i ‘Giovedì…da intenditori‘, un modo insolito di promuovere la cultura del cibo e del vino, protagonisti all’Osteria del Giove a Imola a partire da giovedì 21 febbraio alle 20. I vini proposti sono quelli delle cantine del Consorzio Appennino Romagnolo, in rappresentanza delle colline della Romagna, dall’imolese al cesenate, passando per il faentino e il forlivese.

Le serate propongono una tipologia di vino a tema (Albana, Sangiovese Superiore Riserva, Spumante Brut, Sangiovese Superiore), di quattro cantine diverse, abbinato a un piatto che farà da trait d’union della serata (paella, tagliata, spiedoni di pesce, stinco). Ogni partecipante disporrà una propria postazione fissa con quattro calici numerati e una scheda nella quale indicare (e indovinare) il vino dei produttori, servito con l’etichetta coperta. Durante la cena sarà possibile dialogare, chiedere informazioni sui vini e riassaggiarli in un apposito banco presidiato dai sommelier. La serata sarà “aperta” da un aperitivo iniziale, con stuzzichini e un primo assaggio delle quattro cantine, con etichetta scoperta in modo da prendere confidenza con i vini in degustazione.

Agli intenditori della serata saranno consegnati anche degli omaggi: chi indovinerà tutte e quattro le etichette porterà a casa due bottiglie e un buono sconto; chi 3 su 4 una bottiglia di vino. Omaggi anche per gli altri intenditori: 2 su 4 un tappo salva-vino; 1 su 4 una consumazione per un calice di vino in un’altra serata.

Il costo della serata, tutto incluso, è di 22 euro.

Questo il programma delle serate sempre con inizio alle 20.

21 febbraio: ‘L’Albana incontra la paella’. Saranno presenti l’Albana secca DOCG di queste cantine: Compadrona di Poderi delle Rocche (Dozza Imolese), Caracara di Marco Bandini (Castelbolognese), Afrodite di Spinetta (Faenza), Cleonce di Fiorentini (Castrocaro).

7 marzo: ‘La tagliata, grande sera… promoviamo le riserve’.

21 marzo: ‘Spiedone di pesce, la serata delle bollicine’.

28 marzo: ‘Stinco: rossi importanti, ma non troppo affinati’.

Il venerdì poi si raddoppia, con ‘Operazione bis’. Quattro anche le cene-degustazioni previste in altrettanti venerdì, sempre all’Osteria del Giove (22 febbraio, 8, 22 e 29 marzo). Nel corso della serata alcuni vini di produttori del Consorzio saranno offerti con la formula dell’1+1: per ogni bottiglia consumata, una analoga sarà data in omaggio. A illustrare il vino saranno gli stessi produttori, a disposizione del pubblico.

Ti potrebbe interessare anche...