Cronaca Politiche 2013. Senato, testa a testa ( ma con più seggi al Pdl). Grillo primo partito in Parlamento?

Cronaca Politiche 2013. Senato, testa a testa ( ma con più seggi al Pdl). Grillo primo partito in Parlamento?
Bersani 2

CRONACHE ELETTORALI. Facciamo un po’ di cronaca della giornata. Con gli ‘istant poll’ (in gergo i ‘voti di paglia’per la loro precarietà) diffusi subito dopo la chiusura ufficiale dei seggi, il quadro dava una evidente maggioranza al centro sinistra che, una volta confermata dai dati reali, avrebbe ottenuto ( occhio e croce) circa 169 seggi al Senato ( contro i 158 necessari per certificare una maggioranza) e 396 alla Camera ( contro i 34o necessari per essere maggioranza assoluta).

LA PRIMA PROIEZIONE. Neanche un’ora dopo, alla prima proiezione i dati ( salvo smentite sembrano) del tutto cambiati: Centro Destra 31%, Centro Sinistra 29,5%, Movimento 5 Stelle 25,1%, Lista Monti 9,6%, Rivoluzione Civile 1,8%. Se si da un’occhiata alla consistenza partitica, inoltre, si dovrebbe avere questa graduatoria: Movimento 5 Stelle 25,1%, Pd 25%, Pdl 22,7, Lista Monti 9,6%, Lega 3,9%, Sel 3%, Rivoluzione Civile 1,8%.
LA TERZA PROIEZIONE ( 27% di copertura sul totale) . I dati sono sempre più chiari. In breve: Pdl-Lega toccano quota 31,9%, Pd 28,7%, Movimento % Stelle 24,9%, Lista Monti 8,44%. Riguardo ai partiti: Movimento 5 Stelle 25,1%, Pd 24,8%, Pdl 2,1%.

LA V PROIEZIONE ( ore 18,20). Nella lunga ( e spesso superflua) maratona di commenti, la V Proiezione ha segnato un altro momento di sconcerto: ma ora chi è avanti, si sono chiesti gli invitati ? Infatti questi sono sono stati i dati: Centro Sinistra 30,7%, Centro Destra 30,7%, Movimento % Stelle 24,5%, Lista Monti 9,5%. Interessante la ripartizione dei seggi: Centro Destra 121, Centro Sinistra 96, Movimento 5 Stelle 65, Lista Monti 19. Riguardo ai singoli partiti: Ps 26,5%, 5 Stelle 24,5%, Psl 22,5%, Lista Monti 9,5%.

L’ULTIMO AGGIORNAMENTO ( ore 20,20 ca). E mentre procedono gli scrutini reali, ormai quasi alla conclusione, restano sempre attendibili le proiezioni. Al Senato, poi, ci dovrebbe essere un testa a testa finale ( intorno al 31/32%) ma con più seggi al Centro Destra per via dei complicati meccanismi elettorali. Morale: governare sarà difficile ( se non impossibile) per chiunque. Salvo la solita ‘genialata’ italiaca che però in tutto funziona tranne che in politica.
Arrivano anche i primi exit pool per la Camera. Finora, vantaggio della coalizione di Centro Sinistra ( intorno al 30%) con un Pdl a ruota. Intanto, anche qui, Beppe Grillo diventa il primo partito ( o quasi). Staremo a vedere. Stanotte. Casini ha ammesso la sconfitta del (suo)  Centro. Altro risultato eclatante, la scomparsa di molte ‘formazioni‘ minori, come quella di Ingroia. Per questi risultati definitivi dovrà ( comunque) passare la notte.

LE REGIONI. Ultimo conteggio sulle Regioni. Le ‘rosse‘ ( Emilia Romagna, Marche, Toscana e Umbria) restano alla coalizione di Sinistra, mentre Lombardia, Campania, Puglia e Sicilia passerebbero al Pdl. Incerte ( al momento) Piemonte e Lazio. Fossero risultati confermati, questi, anche la geopolitica regionale dovrebbe essere ridisegnata.

Ti potrebbe interessare anche...

Nessun commento

Inserisci un commento

l'email non verrà visualizzata

opzionale